Video appunto: Tipologie di secrezione

Tipologie di secrezione



Ricordando che gli ormoni steroidi hanno una struttura chimica simile al colesterolo il quale ha discreta capacità di migrare nel doppio strato fosfolipidico e effettuare flip-flop, il meccanismo di diffusione semplice sembra essere appropriato. Molte ghiandole esocrine, come le ghiandole salivari, mostrano due tipi di secrezione diversa: una a carattere mucoso e una a carattere sieroso e per questo esistono adenomeri mucosi e sierosi.

Negli adenomeri mucosi le cellule sono organizzate attorno a un lume centrale e presentano un nucleo schiacciato verso la base, ovvero la periferia dell'adenomero, e un citoplasma ampio ma molto chiaro. Si intuisce quindi che il muco si è disciolto e non è colorato, mentre il resto del citoplasma mantiene una certa visibilità. Alcune caratteristiche:
• nucleo dislocato in sede basale;
• in sede baso-laterale una zona di forte basofilia diffusa, amorfa (omogenea) dovuta alla presenza di abbondanti ribosomi sia liberi che lungo il RER (l’immagine è amorfa perché le strutture sono troppo piccole per essere distinguibili a microscopio ottico);
• si dovrebbe vedere il Golgi ma con colorazione ematossilina- eosina non è ben distinguibile;
• granulazioni (sono i granuli di secrezione) facilmente visibili.
Nel confrontare un adenomero mucoso (a sinistra) con un adenomero serioso (a destra) si nota una netta differenza nel calibro del lume dell’adenomero. Il lume dell’adenomero mucoso è più ampio del sieroso per motivi di viscosità del prodotto: la secrezione sierosa è molto fluida, acquosa e non ha difficoltà a defluire anche quando il lume è molto sottile; il muco è viscoso e per consentire la sua uscita è necessario un lume più ampio.