Shonie di Shonie
Ominide 20 punti

Corpo umano: organizzazione e sistema scheletrico

Anatomia: scienza che studia la forma e la struttura del corpo umano.
Fisiologia: scienza che studia il funzionamento del corpo umano attraverso lo studio delle funzioni vitali.

Cellula: unità organica elementare; la più piccola parte di materia vivente in grado di mantenersi autonomamente in vita. 
_ha al proprio interno condizioni chimico-fisiche differenti dall'ambiente circostante;
_avvengono reazioni che stanno alla base del metabolismo vitale
Metabolismo vitale: insieme di reazioni chimiche e fisiche necessarie alla vita che avvengono in un organismo.

Tessuto: insieme di cellule che organizzate e specializzate per svolgere una determinata funzione

•Epiteliale: funzione di rivestimento e secrezione di sostanze; riveste lo strato superficiale della pelle e le pareti interne di strutture cave. Ghiandole
•Connettivo: collega, tiene assieme e sostiene gli organi. Tessuto osseo dello scheletro


•Muscolare: generazione di movimento attraverso la contrazione; liscio/striato/cardiaco

•Nervoso: generazione e propagazione di neuroni, che generano stimoli elettrici

Organo: struttura formata da diversi tessuti intimamente connessi che svolgono una singola funzione. È formato da:
-un tessuto deputato a svolgere una specifica funzione;
-una capsula di tessuto connettivo per il collegamento con altri organi;
-una rete di vasi sanguigni che assicurano il rifornimento di sangue;
-una rete di nervi che lo collegano al sistema nervoso.

Apparato: formazione anatomica formata da due o più organi che collaborano.
Sistema: apparato formato da un solo tessuto. Scheletrico, muscolare, cardiocircolatorio, nervoso, respiratorio, endocrino

Scheletro: insieme delle 206 ossa del corpo. Funzione di:
-sostegno 
-protezione (di tessuti molli e organi)
-produzione di elementi cellulari del sangue 
-leva su cui i muscoli esercitano la loro azione
Divisione ossa:

•Lunghe: femore, omero

•Piatte: cranio, sterno

•Corte: polso, caviglia
Distribuzione ossa:

•Tronco: colonna vertebrale, costole, sterno, bacino

•Testa: cranio e faccia

•Arti: superiori e inferiori

Periostio: tessuto compatto di rivestimento delle ossa; funzione fondamentale per crescita e riparazione delle ossa.
Cartilagine: sostanza presente nelle superfici articolari.
Superficie articolare: punto di collegamento tra due ossa.
Diafisi: parte centrale, generalmente cava, delle ossa lunghe.
Epifisi: estremità terminale delle ossa lunghe.

Tessuto osseo spugnoso: tipo di tessuto di cui sono formate le epifisi, le ossa corte e le ossa piatte.
Trabecole: fitta rete di cellette che costituiscono il tessuto osseo spugnoso; funzione di resistenza alla compressione e di trazione.
Midollo osseo: tessuto molle contenuto all'interno delle cavità delle ossa; può essere:

•Rosso: genera i globuli bianchi e rossi (funzione emopoietica); si trova nel tessuto spugnoso

•Giallo: produce globuli rossi solo in caso di gravi perdite di sangue; si trova nel canale midollare delle diafisi.

SCHELETRO ASSIALE: parte dello scheletro che comprende:
Testa: composta da cranio e faccia (>composti da ossa piatte)

•Cranio: (/scatola cranica) formato da 8 ossa laminali che proteggono l'encefalo; collegate attraverso articolazioni chiamate suture: articolazioni che congiungono le ossa del cranio per mezzo di tessuto connettivo. frontale, occipitale, sfenoide, etmoide, due temporali, due parietali

•Faccia: formata da 14 ossa; solo la mandibola è mobile. osso joide: indipendente dallo scheletro, unito ad esso tramite muscoli e legamenti; ruolo importante per masticazione, deglutizione, fonazione.

Gabbia toracica: insieme di ossa che contiene e protegge cuore e polmoni; forma di cono tronco. Composta da:

-12 paia di costole: ossa piatte curvilinee che formano la gabbia toracica. Si articolano posteriormente con le vertebre dorsali, anteriormente le prime dieci si articolano allo sterno tramite cartilagine; le ultime due paia sono dette "fluttuanti" perché non si articolano anteriormente.

-sterno: osso piatto impari che occupa la parte anteriore mediale della gabbia toracica.

Colonna vertebrale: elemento costitutivo fondamentale del tronco; formata da 33/34
-vertebre (l'ultima può essere fusa alla penultima): ossa corte del rachide (insieme formato dalla colonna vertebrale, le sue articolazioni e i suoi muscoli) formate da:


_corpo: parte anteriore semicilindrica

_arco: parte posteriore a forma di arco; quando si congiunge con il corpo forma:

-canale vertebrale: (/foro vertebrale) canale formato dalla sovrapposizione delle vertebre nel quale è contenuto il midollo spinale.
L'arco vertebrale ha tre apofisi (trasverse e spinosa): sporgenze dell'arco vertebrale e punto di intersezione dei muscoli profondi posturali del rachide.

-dischi intervertebrali: strutture elastiche interposte tra i corpi vertebrali.


-curvature fisiologiche: mantenimento dell'equilibrio
•lordosi cervicale: convessa anteriormente

•cifosi dorsale: convessa posteriormente

•lordosi lombare: convessa anteriormente

•cifosi sacrale: convessa posteriormente



-caratteristiche:

1.Elasticità: segmenti della colonna collegati tra loro da dischi, muscoli e legamenti.

2.Rigidità: azione di muscoli e legamenti che agiscono come tiranti.



-regioni:

•cervicale: C1-C7; C1: atlante; C2: epistrofeo. Fondamentale per la rotazione del capo

•lombare: L1-L5; grossi corpi vertebrali, apofisi/processi trasversi: rettangolari. Dischi intervertebrali più spessi

•dorsale: (/toracica) D1-D12, che si articolano con la gabbia toracica; parte meno mobile

•sacrale: S1-S5, fuse assieme > osso sacro

•coccigea: quattro/cinque vertebre saldate insieme > coccige (residuo della coda)

SCHELETRO APPENDICOLARE: parte dello scheletro comprendente le ossa degli arti superiori e inferiori.

ARTO SUPERIORE: formato da:

-Spalla: è costituita dal cingolo scapolare: complesso formato da clavicola e scapola grazie al quale l'omero si congiunge al tronco.

-
Scapola: osso piatto, pari, di forma triangolare; posteriormente diviso in due da una sporgenza (spina) la quale termina con un'altra robusta sporgenza terminale della spina della scapola (acromion), con la quale si articola alla clavicola, osso lungo e appiattito a forma di S che si congiunge allo sterno. Sull'angolo laterale della scapola c'è la cavità glenoidea su cui si inserisce la testa dell'omero (articolazione scapolo-omerale).

-Braccio: costituito dall'omero, osso lungo con una diafisi quasi cilindrica. Ha l'epifisi prossimale con una testa semisferica che si articola con la cavità glenoidea. L'epifisi distale presenta un condilo (parte laterale) che si articola con il radio, e una troclea (parte mediale) che si articola con l'ulna. 

Omero + ulna + radio = gomito: articolazione che collega braccio e avambraccio; permette movimenti di flessione ed estensione, pronazione e supinazione.


-Avambraccio: formato da:
-ulna: olecrano (epifisi prossimale) si articola con omero e radio; l'epifisi distale si articola con le ossa del carpo e con l'epifisi distale del radio. 
-radio: testa (epifisi prossimale) si articola a omero e ulna costituendo il gomito; l'epifisi distale si articola con il polso.

-Mano: formata da 27 ossa. 
-carpo: otto ossa; carpo + radio + ulna = polso

-metacarpo: cinque ossa; palmo della mano
-falangi: quattordici ossa; tre per dito (tranne il pollice, che ne ha due)

ARTO INFERIORE: formato da:

-Bacino: (/cingolo pelvico) parte dello scheletro che forma la parte inferiore del tronco; formato dall'unione delle due anche, formate a loro volta da ileo, ischio, pube. Si articolano anteriormente con la sinfisi pubica (dispositivo che unisce due capi ossei contigui con del tessuto connettivo), posteriormente con l'osso sacro. Funzione: contenere, sorreggere, proteggere i visceri.



-Coscia: 
Femore, l'osso più lungo del corpo; la testa (epifisi prossimale) è liscia e sferica e si inserisce nell'acetabolo (cavità del bacino in cui si inserisce la testa del femore), formando l'articolazione coxo-femorale (/anca); l'epifisi distale termina con due condili (protuberanze ovoidali all'estremità delle ossa).

Condili + tibia + rotula = ginocchio.

Rotula: (/patella) osso corto indipendente posto anteriormente ai condili femorali. Azione meccanica che facilita l'azione del quadricipite.
-Gamba: 

Tibia: medialmente; nell'epifisi prossimale: condili femorali con l'interposizione di menischi (strutture a forma di mezzaluna che permettono una migliore distribuzione delle sollecitazioni nelle articolazioni; funzione di assorbimento degli urti).

Perone: (/fibula) lateralmente. 
Epifisi distali di tibia e perone: presentano malleoli (sporgenze ossee all'estremità di tibia e perone);
malleoli + astragali = caviglia.


-Piede: 26 ossa;
Tarso: 7 ossa; anteriormente: astragalo + calcagno (/tallone); posteriormente: scafoide + cuboide + tre cuneiformi.

Metatarso: 5 ossa;

Falangi: 14 ossa: 3 per ogni dito, tranne l'alluce che ne ha 2.

Ossa + muscoli + tendini = volta plantare; sorregge il peso attraverso un'azione ammortizzante.

Articolazioni: struttura complessa che collega due differenti ossa. Possono essere:

•Sinartrosi: articolazioni fisse in cui non è possibile il movimento; suture
•Anfiartrosi: articolazioni semimobili; interposizione di una struttura cartilaginea (disco); piccoli movimenti in tutte le direzioni

•Diartrosi: articolazioni mobili; molto movimento, poca stabilità: soggette a distorsioni o lussazioni, spalla



-Tipologie di diartrosi:

Movimento su tre piani

enaritosi: meccanismo: superficie articolare sferica ruota dentro ad una superficie articolare incavata. spalla, anca

Movimento su due piani:

a sella: due superfici articolari concave; intrarotazione e extrarotazione. Art. tra carpo e metacarpo del pollice

condiloidea: forma ovoidale; capo articolare con la superficie convessa, l'altro con la superficie concava; polso

Movimento su un piano

trocoide: superficie articolare ruota attorno a un perno. atlante attorno all'epistrofeo

troclea: (/a cardine) movimento simile ad una porta che si apre e chiude; gomito
artroidia: superfici piatte che possono scivolare limitatamente in tutte le direzioni. ossa del carpo



Struttura e funzionamento diartrosi:

capsula articolare, unisce i legamenti a contatto.

legamenti: robuste strutture di connettivo fibroso che collegano tra loro più ossa

tendini: aumentano la stabilità insieme ai muscoli stessi

all'interno: membrana sinoviale; secerne la sinovia, che a.Nutre la cartilagine, b.Lubrifica i capi articolari.

dischetti cartilaginei che separano l'articolazione in modo completo (dischi articolari) o parziale (menischi). Preservano le superfici articolari dall'artrosi: malattia degenerativa che colpisce la cartilagine articolare.



Movimenti articolari:

•di scivolamento: superfici scorrono tra loro mantenendo il contatto
•di rotazione: superficie articolare si sposta si sposta su un'altra girando attorno a un asse

•di rotolamento: superficie articolare compie movimenti di ampia escursione, art. scapolo-omerale durante la circonduzione.

Hai bisogno di aiuto in Anatomia e Fisiologia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email