pexolo di pexolo
Ominide 10532 punti

Evoluzione dello scheletro assile


Pesci: si muovono mediante la spinta propulsiva.
  • missine, non vi è traccia di vertebre
    lamprede, si ritrovano una serie di archi neurali cartilaginei


Missine e lamprede non hanno coste.
  • condroitti, il midollo spinale è rivestito da una serie di piastre cartilaginee
    coanati, mantengono la notocorda ben sviluppata sebbene sia più irrobustita
La forma della pinna caudale dei pesci differisce a seconda della battuta che deve imprimere.

Tetrapodi basali e anfibi: le vertebre si irrobustiscono e compaiono le zigafofisi.
ichthyostega, è il più primitivo dei tetrapodi. compaiono le zigafofisi. le coste toraciche hanno un’espansione laminare e nella regione lombare gli archi neurali si sovrappongono parzialmente.

Nel tardo devoniano inizia a comparire la regione del collo.

Lissanfibi, le coste si fondono sui lati delle vertebre.

Rettili: aumenta il numero delle vertebre e la regionalizzazione della colonna vertebrale si fa più accentuata. le coste partecipano alle ventilazione polmonare.

Uccelli: sono presenti anche delle coste cervicali. le vertebre terminali si associano per dare il pigostilo che sostiene le penne timoniere. la porzione sternale delle coste è ossificata.

Mammiferi: le zigafofisi sono state perse.

Hai bisogno di aiuto in Anatomia e Fisiologia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove