Video appunto: Epiteli ghiandolari: meccanismi citologici di secrezione
Epiteli ghiandolari: meccanismi citologici di secrezione (secrezione merocrina, apocrina, olocrina; tipi di secrezione endocrina; concetto di secrezione paracrina e autocrina)
Gli epiteli ghiandolari sono i tessuti impegnati nella sintesi e secrezione di sostanze dotate di specifiche proprietà biologiche e indispensabili per la funzione degli organismi complessi.

Si confrontino ora cellule di rivestimento e secernenti: a sinistra c'è la cellula caliciforme mucosa che produce, accumula in sede apicale e infine secerne mucina che una volta espulsa dalla cellula si trasforma in muco. A destra, invece, si vede l'enterocita, ovvero la cellula principale del rivestimento epiteliale dell'intestino, che è dotata di microvilli ed è impegnata nell'assorbimento di nutrienti. Gli epiteli pluristratificati sono evidentemente adatti a ruoli di protezione di sedi anatomiche esposte a sollecitazioni meccaniche, termiche o anche chimiche entro certi limiti. Le sedi dove si osservano gli epiteli pluristratificati sono l’epidermide, tutto il cavo orale, tutta la faringe, la prima parte dell’esofago e il canale anale. L'aspetto è diverso ma le due cellule, entrambe di tipo epiteliale, condividono importanti caratteristiche:

- una superficie apicale specializzata;
- superfici laterali strettamente adiacenti legate fra loro da giunzioni;
- una disposizione asimmetrica dei principali organelli citoplasmatici;
- rapporti obbligati con il connettivo.