Ominide 16555 punti

Le cinque regole d'oro dell'attività dei muscoli scheletrici


Esistono cinque nozioni assolutamente basilari sull’attività generale dei muscoli. A nostro parere sono le cinque regole d’oro dell’attività dei muscoli scheletrici, perché finché non le si conosce è quasi impossibile comprendere i movimenti dei muscoli e rendersi conto delle interazioni dei musco
Queste regole d’oro sono riepilogate di seguito, perché le si possa passare rapidamente in rassegna.


1. Salvo poche eccezioni, tutti i muscoli scheletrici incrociano almeno una articolazione.
2. Di regola, la maggior parte dei muscoli scheletrici è situata prossimalmente all’articolazione incrociata.
3. Tutti i muscoli scheletrici hanno almeno due punti di attacco: l’origine e l’inserzione.
4. I muscoli scheletrici possono soltanto esercitare la trazione; non possono mai operare una spinta.
5. Durante la contrazione, l’inserzione di un muscolo scheletrico si sposta verso l’origine.

Ciascuno dei nostri circa 600 muscoli scheletrici è unito all’ osso o ad altre strutture di tessuto connettivo in non meno di due punti. Uno di questi punti, l’origine, è unito all’osso che non si muove o è meno mobile. Il punto di inserzione è unito all’osso mobile, e quando il muscolo si contrae l’inserzione si sposta verso il punto di origine.
Il tipo di movimento dipende dalla mobilità dell’articolazione e dalla localizzazione del muscolo rispetto all’articolazione stessa. Gli esempi più evidenti dell’azione dei muscoli sulle ossa sono i movimenti che avvengono a livello delle articolazioni degli arti. Tuttavia anche ossa meno mobili sono trascinate in movimento dai muscoli: ne sono un esempio i movimenti delle vertebre quando il tronco si piega lateralmente.
Hai bisogno di aiuto in Anatomia e Fisiologia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email