Ominide 2005 punti

Aspetti dello sviluppo dell’apparato respiratorio


Nel feto i polmoni sono pieni di liquido e tutti gli scambi respiratori sono effettuati dalla placenta. Alla nascita il liquido viene drenato e le vie respiratorie si riempiono di aria, gli alveoli si distendono e cominciano ad attuare gli scambi gassosi. Il successo di questa modificazione, cioè dalla respirazione non funzionale a quella funzionale, dipende dalla presenza del fattore surfattante, una molecola lipidica prodotta dalle cellule alveolari cubiche.
Il surfattante diminuisce la tensione superficiale del velo acquoso che ricopre ciascun sacco alveolare, facendo sì che gli alveoli non collassino tra un respiro e l’altro. Di solito il surfattante non è presente in quantità sufficiente per compiere tale funzione fino a stadi avanzati della gravidanza, vale a dire tra le 28 e le 30 settimane. La frequenza respiratoria è massima nel neonato e compresa tra 40 e 80 respiri circa al minuto. Nel corso della vita continua a diminuire: nel bambino piccolo è circa 30 al minuto, a 5 anni è circa 25 al minuto, nell’adulto è compresa tra 12 e 18 al minuto.

Spesso tuttavia la frequenza aumenta di nuovo nella vecchiaia. I polmoni continuano a maturare durante tutta l’infanzia, e fino alla giovane età adulta continuano a formarsi nuovi alveoli. Tuttavia, nelle persone che cominciano a fumare fin dall’adolescenza i polmoni non maturano mai completamente e questi alveoli aggiuntivi sono perduti per sempre. Tranne che per gli starnuti o la tosse (reazioni ad agenti irritanti) e i comuni raffreddori occasionali che ostruiscono con il muco le vie aeree superiori, l’apparato respiratorio funziona in modo così efficiente e senza difficoltà che neppure ce ne rendiamo conto. La maggior parte dei problemi che si presentano è dovuta a fattori esterni: per esempio, l’ostruzione della trachea per un boccone di cibo o l’inalazione di particelle di cibo. Alcune persone sono afflitte dall’asma, dovuta all’infiammazione cronica e all’ipersensibilità delle vie bronchiali che reagiscono a molti agenti irritanti (quali acari della polvere, derivati epidermici di animali domestici e funghi) con dispnea, tosse e starnuti.
Hai bisogno di aiuto in Anatomia e Fisiologia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
×
Registrati via email