Ominide 643 punti

Il meccanismo di ondata basale


Il meccanismo di ondata basale: Le ondate basali sono flussi di gas e materiale piroclastico con densità relativamente bassa, cioè con basso rapporto piroclasti-gas.
Sono caratterizzate da alta velocità e da flusso turbolento; sono state osservate per la prima volta nel 1946, durante l'esplosione nucleare di Bikini: si tratta di una corrente che si muove radialmente, ad anello, rasoterra, rispetto a una colonna esplosiva determinata da qualsiasi even- to, anche vulcanico.
Il peso della colonna esplosiva è tale da schiacciare verso il basso il nuovo materiale che si sta producendo.
Fenomeni di ondata basale si generano quando acqua circolante nel sottosuolo e magma vengono a contatto entrando nel camino vulcano vaporizzandosi, per cui la pressione sarà così potente che provocherà questo processo: l'acqua vaporizza istantaneamente, provocando un improvviso aumento depressione che può avere esiti catastrofici quando de termina un'eruzione violenta, chiamata freato-magmatica, che può distruggere anche il vulcano stesso.
Un'eruzione di questo tipo fu quella famosa de Vesuvio nel 79 d.C., che distrusse Ercolano e Pompei e durante la quale Plinio Vecchio. I depositi di ondata basale si distinguono dai precedenti in quanto sono ben stratificati e si inspessiscono in corrispondenza delle depressione topografiche.
Hai bisogno di aiuto in Geologia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove