Tutor 42251 punti

Salvate il soldato Ryan di Steven Spielberg


Salvate il soldato Ryan


Salvate il soldato Ryan è uno dei film più conosciuti che risulta essere ambientato nel corso della Seconda Guerra Mondiale ed è stato diretto dal grande regista americano Steven Spielberg nell'anno 1998. Il film è talmente coinvolgente che con esso Spielberg ha vinto l'Oscar come miglior regia, come migliore fotografia, miglior montaggio, miglior sonoro e come migliore montaggio sonoro.

Trama


Un uomo ottantenne americano nel corso dell'anno 1998 si reca in Francia presso il cimitero americano in Normandia, fermandosi dinnanzi ad una tomba militare; di fronte alla tomba ha un flashback che lo conduce a ricordare un evento molto triste per la storia mondiale: il giorno dello sbarco in Normandia avvenuto in data 6 giugno 1944.

Siamo nel contesto della Seconda Guerra mondiale, quando una madre statunitense sta per avere una tragica notizia, ossia quella della morte di tre dei suoi figli che stanno combattendo al fronte. Il comandante in capo generale Marshall dà l'ordine di rintracciare il quarto dei fratelli, Ryan, che si trova sul fronte in Normandia con l'obiettivo di farlo tornare a casa.
A dover portare avanti quest'operazione, caldamente voluta dal capitano Marshall, sarà il capitano Miller che viene interpretato da Tom Hanks nel film. Nella prima parte del film una delle scene più famose è senz'altro quella in cui un anfibio sbarca nella spiaggia di Omaha, uno dei punti cruciali e più importanti dello sbarco in Normandia avvenuto nel corso del 6 giugno 1944. Ciò che accade in occasione dello sbarco nella spiaggia di Omaha mette in risalto tutta la violenza e gli orrori della Seconda Guerra mondiale, ponendo in primo piano scene di morti tra i marines americani.

La ricerca di Ryan continua, i soldati capeggiati dal capitano Miller continuano a combattere sul fronte davanti al loro nemico, facendosi mille domande sul perché della guerra, per quale motivo sia stata portata avanti una campagna militare così violenta e sotto certi aspetti insensata. Alla fine riescono a trovare Ryan che però non vuole tornare in America dalla sua famiglia. Gli eventi si susseguono nella loro drammaticità e la maggior parte dei soldati muore sul fronte. Il flashback a questo punto termina e l'uomo ottantenne davanti alla tomba militare si rivela essere il soldato Ryan che con la sua famiglia rende omaggio proprio alla tomba del capitano Miller che gli ha salvato la vita.

Hai bisogno di aiuto in Cinema?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email