Ominide 13 punti

Cinema/montaggio audio video


Comunicazione


Emittente Destinatario (devono conoscere la stessa lingua)
In cinema = Autore Spettatore

Il linguaggio audiovisivo è un insane di linguaggi ha figure professionali capaci di collaborare tra di loro.
.Case di produzione= manda i soldi per creare il film.
- Linguaggi
Ripresa
Illuminazione
Ambientazione
Caratterizzazione
Corpo
Montaggio
Suono
Musica
Grafica

Spiegazioni ruoli e compiti


Operatore, assistente operatore e aiuto operatore
Direttore della fotografia (illuminazione ecc.
.)
Scenografi/attrezzisti (costruiscono la scena)
Truccatori e acconciatori (trucco, vestii, mode, ecc..)
Attori (recitazione, movimenti, gesti, mimica e linguaggi del corpo)
Montatore ( visiona e seleziona il materiale e lo elabora)
Tecnico del suono
Compositori, musicisti e addetti
Grafici (Creazione locandine, creazioni titoli ecc..)
Il regista lavora quasi sempre con il direttore della fotografia e con il montatore.
La potenza del linguaggio audiovisivo è fortissima da quanto è nato il cinema per la sua immensa capacità di immergersi in un mondo altro.
Le regole del linguaggio audiovisivo.
C’è una grammatica del linguaggio audiovisivo.
-Opere commerciali e opere autoriali: le prime hanno l’obbiettivo di conquistare largo pubblico per ottenere grande profitto. Le seconde grazie al nome del regista, dell’autore o di un attore in particolare si fanno riconoscere da un pubblico potenziale.
-Comunicazione narrativa e non: la narrativa si riferisce sempre ad esempi concreti e a personaggi precisi. La non narrativa si esprime attraverso categorie, astrazioni, simboli, elenchi e descrizioni.
-Narrazione: forma di comunicazione. Messaggio è costituito da un insieme di eventi concatenati tra loro e correlati ad uno o più personaggi.
-Evoluzione della narrazione: Piccola narrazione: parlare quotidiano, Grande narrazione: epica, favole, romanzo, canzone ecc…
Evoluzione: racconto orale - favola - epica - canzone - il romanzo.
-Tre nascite importanti: Si evolve meno è di proprietà dei singoli individui per cominciare ad essere controllata da pochi.
Romanzo (1000 ca.)
Fumetto e cinema (fine 1800)
Radio e tv (1934, 1954)
-La narrazione esiste perché: crea società più solide, trasmette valori di gruppo, trasmette abilità e conoscenze e svolge la funzione di divertire.
-Processi mentali e narrazioni: il cinema agisce sul cervello dello spettatore attraverso: Processi istintuali, processi cognitivi, e processi affettivi.
Hai bisogno di aiuto in Cinema?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
×
Registrati via email