Ominide 1351 punti

IL MOTO DI RIVOLUZIONE:

RIVOLUZIONE:
La terra ruota intorno al sole spostandosi da ovest verso est. L’orbita di rotazione della terra intorno al sole è ellittica anche se con gli assi quasi uguali quindi è un orbitale quasi circolare. Sappiamo benissimo che il sole occupa uno dei 2 fuochi dell’ellisse e quindi la distanza tra la terra è il sole varierà da un minimo di 147milioni di km a un massimo di 152. Inoltre il punto in cui la terra è più vicina al sole si chiama perielio mentre quello in cui è più lontana è l’afelio. La velocità lineare del moto di rivoluzione in accordo con la legge di Keplero è variabile in afelio(massima) e in perielio(minima) e la terra compie un moto di rivoluzione completa in 365 giorni 6 ore 9 minuti e 9 secondi e questo è definito anno sidereo. Infine il piano su cui giace l’orbita di rivoluzione terrestre è chiamata eclittica e l’asse intorno a cui gira la terra è inclinata rispetto all’eclittica di 66°33’.
Influenza della luna:
Sappiamo che per la legge di Newton che 2 corpi si attraggono con una forza diretta proporzionale al prodotto delle loro masse e inversamente proporzionale al quadrato della loro distanza. Inoltre sappiamo che un corpo celeste più piccolo rispetto ad un altro a causa della differenza di massa può ruotare intorno a quello più grande con un satellite e siamo anche consapevoli non ruoterà intorno all’altro pianeta ma bensì intorno a un baricentro gravitazionale comune che si trova all’interno del pianeta più grande. Questo è il caso della luna e della terra e la luna condiziona molto il moto di rivoluzione della terra in quanto a percorrere l’orbita ellittica intorno al sole non è il centro della terra bensì questo baricentro gravitazionale tra terra e luna.
Risultato di ciò è una traiettoria sinusoidale chiusa. Ogni 15 giorni quindi la terra passa da un punto di massima lontananza ad un punto di massima vicinanza al sole.
L’aberrazione stellare annua:
Fu scoperto nel 1727 dall’inglese Brandley. Noi a causa dell’aberrazione vediamo una stella spostata più avanti nella direzione del moto di rivoluzione della terra. Questo perché nonostante la luce viaggi a velocità elevatissime, essa è sempre una grandezza finita. E quindi nel telescopio impiega un brevissimo lasso di tempo per passare all’oculare percorrendo l’asse ottico del telescopio. In quel lasso di tempo la terra e il telescopio con essa si sono spostati l’ungo l’orbita di rivoluzione ad una velocità di 30k/s. Per effetto di ciò la stella ora si vede in un punto leggermente più avanti rispetto a quello in cui si vedeva un istante prima. L’angolo dello spostamento apparente della stella è definito angolo di aberrazione e si ricava con la regola del parallelogramma. [paragonabile all’esempio del ombrello e della pioggia]. Di conseguenza con la legge di Keplero l’angolo di aberrazione raggiungerà valori massimi quando la terra si trova in perielio in quanto la velocità lineare del moto di rivoluzione è massima.
Altre prove del moto di rivoluzione:
un'altra prova del moto di rivoluzione della terra è rappresentato dalla parallasse annua delle stelle ossia dello spostamento a distanza di 6 mesi delle stelle vicine a noi rispetto agli oggetti celesti più lontani. Si tratta di un movimento che ci fa vedere stelle vicine e lontane con angolazioni differenti in base al punto in cui si trova la terra sull’orbitale. Se così non fosse sarebbe più difficile spiegare perché alcune stelle compiono qst movimento e altre no. Tra le altre prove indirette si possono citare : l’analogia con gli altri pianeti del sistema solare che tutti ruotano intorno al sole su orbite ellittiche e la periodicità delle stelle cadenti. Questi sono frammenti di cometa che occupano regioni fisse dello spasso e data la periodicità del fenomeno significa che solo una terra che gira con periodicità intorno al sole può incrociare queste regioni ogni anno sempre negli stessi giorni.

Hai bisogno di aiuto in Geografia astronomica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Come fare una tesina: esempio di tesina di Maturità