Sapiens 8239 punti

La religione: un atto umano e libero


Quando parliamo di religione, quindi, delineiamo un atto umano per sua natura libero. Così viene definito nella Dignitatis humanae, Dichiarazione sulla libertà religiosa, del Concilio Vaticano II:

la religione, per sua natura, risulta di azioni volontari e liberi. Di tali azioni l'uomo si relaziona con Dio; questi non possono essere né condannati né proibiti dagli uomini.
D'altra parte la natura sociale dell'uomo chiede che egli comunica agli altri gli atti interni di religione, professi la propria religione.

Il termine "concilio" deriva dal latino concilium, che viene da cum e dal verbo calare:
significa letteralmente “chiamare insieme,radunare".
Oggi con il termine concilio si intende l’assemblea,presieduta dal Papa, di tutti i Vescovi e di persone che hanno responsabilità nella vita della Chiesa
per discutere di questioni dottrinali e pratiche.

Si dice “ecumenico” quando vi partecipano tutti i Vescovi della terra. il termine “ecumenico” significa infatti “universale”.
Il Concilio Vaticano II è l’ultimo dei ventuno Concili indetti dalla Chiesa cattolica nel corso della sua storia. Apertosi nel 1962 e conclusosi nel 1965, è importantissimo perché segnò perla Chiesa l’occasione per ripensare le sue posizioni e i suoi
orientamenti in merito a tematiche di primaria importanza.

Hai bisogno di aiuto in Religione?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove