Tutor 42017 punti

Analisi della poesia di Marino: Bella Schiava


Bella schiava di Gian Battista Marino


Nera sì, ma se’ bella, o di Natura
fra le belle d’Amor leggiadro mostro.
Fosca è l’alba appo te, perde e s’oscura
presso l’ebeno tuo l’avorio e l’ostro.
Or quando, or dove il mondo antico o il nostro
vide sì viva mai, sentì sì pura,
o luce uscir di tenebroso inchiostro,
o di spento carbon nascere arsura?
Servo di chi m’è serva, ecco ch’avolto
porto di bruno laccio il core intorno,
che per candida man non fia mai sciolto.
Là ’ve più ardi, o sol, sol per tuo scorno
un sole è nato, un sol che nel bel volto
porta la notte, et ha negli occhi il giorno.

Analisi della poesia di Marino


La poesia Bella Schiava di Giovan Battista Marino rientra nel genere poetico del sonetto. Le rime - all'interno del testo - seguono lo schema ABAB BABA CDC DCD. Giovan Battista Marino sceglie un soggetto insolito nell'ambito della lirica qua presentata, ovvero quello della donna bellissima e dalla pelle nera, travolgendo completamente la visione della bella donna dalla pelle bianchissima. Inoltre nella lirica sono presenti varie metafore di nuova tipologia, come ad esempio il volto nero come la notte, la pelle come ebano, ecc...
In Bella Schiava sono presenti anche tantissimi ossimori, come ad esempio mostro leggiadro, luce d'inchiostro, servo di una serva, notte solare, giorno negli occhi neri. In tutti i versi l'elemento però più vivido è il contrasto che si crea tra la pelle scura e la visione della bellezza.
Tra le figure retoriche della poesia è presente ad esempio l'iperbato nei versi 1-2: "Nera sì, ma se’ bella, o di Natura fra le belle d’Amor leggiadro mostro."; la metafora nei versi 3-4: Fosca è l'alba appo te, perde e s'oscura / presso l'ebeno tuo l'avorio e l'ostro; un ossimoro: "mostro leggiadro"; vari enjambements nei versi 3, 4, 9, 12, 13.
un'apostrofe nel verso 12; varie anastrofi nei versi 2, 3, 8, 10; un'anafora nella seconda strofa della poesia.
Hai bisogno di aiuto in Autori e Opere?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email