Erectus 3799 punti

I regni africani del XIV secolo


Nel XIV secolo mentre in Italia si hanno le Signorie e un grande sviluppo culturale artistico con l’Umanesimo, in Africa troviamo numerosi regni, molto potenti, che si erano arricchiti con il commercio con gli Arabi.
In base alla loro posizione geografica distinguiamo i regni sub sahariani, situati a sud del deserto del Sahara e i regni orientali, situati lungo le coste orientali, a cui si aggiunge il regno del Congo situato sulle due rive dell’omonimo fiume
Tutti si sono sviluppati a partire dal 700 d.C., grazie ai contatti avuti con le popolazioni arabe che nel 600 d.C. avevano iniziato la loro espansione.
Erano attraversati da strade di grande comunicazione commerciale e collegati con rotte marittime che li mettevano in contatto con i paesi dell’Oriente.
La religione musulmana era prevalente , eccetto in Etiopia che era cristiana
L’organizzazione amministrativa era particolare; di solito il regno era formato da una parte centrale, abitata dal re (monarchia) e da tanti piccoli stati tutt’intorno che pagavano le tasse in natura ( cioè in uomini, generi alimentari, metalli preziosi). L’aristocrazia che circondava il re aveva un carattere guerriero (= oligarchia guerriera)
Fra i regni sub sahariani devono essere ricordati il regno del Mali ed il regno d’Etiopia, fra quelli orientali il più significativo era quello dello Zimbawe.
Di tutti questi regni non disponiamo di informazioni precise, se non frammentarie e non bene documentate, eccetto per il regno del Mali, grazie ad informazioni avute dai viaggiatori arabi che costantemente vi si recavano a scopi commerciali. Gli Arabi raccontano che si trattava di un paese molto esteso con una temperatura elevata, formato da tanti piccoli villaggi le cui abitazioni erano costruite con l’argilla. Il paesaggio tutt’intorno era la savana con frequenti alberi di baobab da cui sui ricavava una specie di burro vegetale. Dal punto di vista geografico, il Mali era una terra molto fertile in cui si produceva riso, miglio, fagioli, frutta.
Il governo era molto autorevole: non esistevano i banditi e le strade erano sicure. Tuttavia esisteva una grande differenza fra le condizioni di miseria della popolazione e la ricchezza dei nobili. Il Mali teneva contatti molto stretti con i Berberi, una popolazione che abitava nel Maghreb, una regione posta a nord, oltre il deserto del Sahara. Con i cammelli o i dromedari, i Berberi erano in grado di attraversare il deserto e arrivare nel Mali per rifornirsi di schiavi e di oro.
Hai bisogno di aiuto in Italiano per la scuola superiore: Riassunti e Appunti?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
I Licei Scientifici migliori d'Italia secondo Eduscopio 2017