Genius 24364 punti

Unreal City,
Under the brown fog of a winter dawn,
A crowd flowed over London Bridge, so many,
I had not thought death had undone so many.
Sighs, short and infrequent, were exhaled,
And each man fixed his eyes before his feet.
Flowed up the hill and down King William Street,
To where Saint Mary Woolnoth kept the hours
With a dead sound on the final stroke of nine.

Città irreale,
sotto la nebbia bruna di un'alba invernale
una folla fluiva sul London Bridge, sì gran tratta
di gente ch'io non avrei creduto che morte tanta n'avesse disfatta.
Esalavano sospiri brevi e rari
e ognuno fissava gli occhi davanti ai piedi.
Fluivano su per la salita e giù per King William Street
fin dove Saint Mary Woolnoth batteva le ore
con un suono morto sull'ultimo tocco alle nove.


60-63 O città irreale[: Londra], sotto la nebbia [resa] bruna [dallo smog] di un'alba d'inverno, una folla [: quella degli impiegati] camminava (fluiva) sul London Bridge, una quantità cosi grande (sì gran tratta) di gente che io non avrei [mai] creduto che la morte avesse potuto distruggerne così tanta (che morte tanta n'avesse disfatta).
La città è irreale perché, nel suo caos fantasmagorico, ha un aspetto onirico che non sembra vero; Eliot cita l'incipit di una celebre poesia di Baudelaire, Les sept veillards [I sette vecchi]. La folla è quella degli impiegati di banca che, uscendo dalla stazione della metropolitana posta a sud del Tamigi, attraversano il London Bridge (il ponte di Londra) per andare a lavorare nella City, che si trova a nord del fiume.
Ch'io non avrei creduto...disfatta: Eliot cita le parole con le quali Dante descrive gli ignavi: «sì lunga tratta/ di gente, ch'i' non avrei creduto/ che morte tanta n'avesse disfatta» (Inf. III, vv. 55-57).
Gli impiegati della City vengono paragonati ai vili, a coloro che non scelsero né il bene né il male, né l'accettazione né la ribellione, ma pensarono solo a se stessi.
64-68 Emettevano (esalavano) sospiri brevi e rari e ognuno guardava fisso davanti a sé e teneva gli occhi bassi (ognuno fissava gli occhi davanti ai piedi). Camminavano (fluivano) in su per la salita e in giù per King William Street, fin dove [la chiesa di] Saint Mary Woolnoth batteva i rintocchi delle ore, mandando (con) un suono sordo (morto) sull'ultimo tocco delle nove.

Ognuno fissava gli occhi...: camminavano a testa bassa guardando davanti ai propri piedi.
Fluivano su per la salita: la strada che si diparte dal London Bridge è leggermente in salita.
King William Street è una strada della City.
Saint Mary Woolnoth è una chiesa molto vicina al London Bridge, le cui campane scandivano le ore. L'ultimo rintocco aveva evidentemente un suono più sordo degli altri.

Hai bisogno di aiuto in Autori e Opere 800 900?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email