Ominide 643 punti

Salvatore Quasimodo


Quasimodo nacque a Modica, in Sicilia (1901-1968). Fu il principale esponente della corrente poetica dell'ermetismo che, riprendendo la lezione poetica di Ungaretti e di alcuni poeti francesi, come Mallarme, Valery e Rimbaud, s'impose nel periodo tra le due guerre mondiali.

Salvatore Quasimodo segui i moduli dell'ermetismo nelle sue prime raccolte poetiche, come “ed è subito sera” nelle quali il ricordo dell’infanzia e la mitizzazione della Sicilia si combinano come in un unico sogno.
Ma con la seconda guerra mondiale l’esperienza ermetica di quasimodo si concluse e la meditazione del poeta sul dolore dell’uomo si arricchî, in conseguenza della tragedia del conflitto, di nuovi motivi.
A segnare la svolta fu la raccolta “Giorno dopo giorno” del 1947: nelle sue poesie il linguaggio poetico di Quasimodo evolve in direzione di un verso più discorsivo.
Alla stagione post-ermetica appartengono anche le raccolte “La vita non è un sogno”, “La terra impareggiabile”, “Dare e Avere”.

Da ricordare sono anche le pregevoli traduzioni dei lirici greci.

A riconoscimento della sua opera, Quasimodo ricevette, a sua insaputa, un Premio Nobel per la Letteratura che è stato tradotto in quaranta lingue (compreso il Coreano), ed è studiato e conosciuto in tutti i Paesi del mondo.

Hai bisogno di aiuto in Autori e Opere 900?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
I Licei Scientifici migliori d'Italia secondo Eduscopio 2017