Nyxante di Nyxante
Ominide 222 punti

La scuola poetica siciliana


La scuola poetica siciliana è stata la prima scuola laica in Italia.
Questa particolare e importante scuola nacque con Federico II di Svevia, re di Sicilia e Sacro Romano Imperatore.
Federico II fu uno dei più potenti sovrani europei di tutti i tempi e per questo venne definito “Stupor Mundi”.
Diventò re a soli quattro anni e per mezzo secolo riunì in Sicilia, e in particolare nella città di Palermo, i più grandi filosofi, letterati, poeti e geografi che avevano origini greche, arabe, latine e anche siciliane.
I poeti della scuola poetica siciliana vengono definiti i “primi poeti d’Italia” e scrivevano prevalentemente poesie d’amore; possiamo dire che erano dei “trovatori italiani”.
Anche Federico II scrisse tre canzoni e un sonetto, ma oltre a lui nella scuola poetica siciliana c’erano:
Pier Delle Vigne: era il braccio destro di Federico II, svolgeva la funzione di capo cancelliere. Possiamo definirlo un “logoteta”.
È stato successivamente corrotto da Papa Innocenzo III per tradire Federico II; quest’ultimo, si narra, che gli tolse gli occhi e successivamente si suicidò.
Dante afferma che “Pier Delle Vigne possedeva le chiavi del cuore di Federico II”;
Guido Delle Colonne: abbiamo poche notizie di lui, sappiamo però che ha scritto cinque canzoni, una di queste viene ricordata da Dante nel “De Volgar Eloquentia”, altre parlano del rapporto tra Federico II e suo figlio Re Enzo;
-Cielo D’Alcamo: Scrisse la celeberrima “Rosa fresca aulentissima”;
-Giacomo da Lentini:è stato il maggiore esponente della scuola. Era il notaro (notaio) della corte di Federico II, ma anche il caposcuola.
Nacque a Lentini, una città nell’attuale provincia di Catania.
È ricordato perché inventò il sonetto, cioè una particolare poesia che utilizza una determinata metrica.

La metrica del sonetto inventato da Giacomo da Lentini è caratterizzata da:
2 quartine rimate “fronte” (8 strofe)
2 terzine rimate “sirme” (6 strofe)

Venivano usati solo endecasillabi; è una forma poetica chiusa che usava due schemi di rima:
4= ABBA- ABBA incrociato
4= ABAB- ABAB alternato
3=CDC- DCD alternate
3=CDE- CDE replicate
Hai bisogno di aiuto in Contesto Storico Letterario?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email