Ominide 578 punti

Le prime forme letterarie volgari in Italia

La letteratura in italia nasce a metà del 1200 in lingua volgare, sia in prosa, sia in versi.
I generi letterari sono vari:
-Cronache: testi in prosa commissionati dagli amministratori delle città o dei comuni, o scritte direttamente dai cronisti per loro iniziativa, su eventi accaduti di cui erano stati testimoni o ch erano stati loro raccontati. Molto diffuse erano anche le cronache di viaggio, ossia I resoconti scritti da viaggiatori in terre lontane, spesso legate alle attività mercantili, per dare indicazioni su porti, le usanze dei popoli, I luoghi, le distanze. Famoso è "il Milione" di Marco Polo, il quale era un mercante veneziano che raggiunse la Mongolia in Asia centrale e fece un resoconto del suo soggiorno in oriente in forma romanzesca;
-Trattati: testi in prosa di vario argomento, ossia religioso, politico, filosofico, morale, scientifico. Ad esempi Brunetto Latini, maestro di Dante, scrisse il trattato "la Rettorica" nel quale definì la retorica come la capacità di utilizzare la parola in maniera convincente;

-Novelle: testi in prosa brevi con una serie di personaggi e un intreccio narrativo. La prima raccolta di novelle in volgare italiano è il "Novellino" che contiene 100 novelle (racconti) brevissime, scritte da un anonimo alla fine del 1200, ispirati alla società borghese e mercantile dell'Italia settentrionale della fine del 1200 e del 1300 e ai valori borghesi. Lo stile è colloquiale e diretto. L'originale è andato perduto, ma se ne ha una copia stampa del 1500.

Hai bisogno di aiuto in Contesto Storico Letterario?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email