Ominide 10087 punti

Chanson de Roland- La vicenda


Le guerre combattute da Carlo Magno contro i mussulmani e le imprese eroiche di Orlando, il più coraggioso dei cavalieri di Francia, accendono la fantasia dei narratori medievali. Da questi avvenimenti storici prendono spunto numerose canzoni di gesta che si ispirano alla leggendaria figura del re dei Franchi. Cantastorie, giullari e poeti girovaghi cantavano nelle corti europee le nobili imprese di Carlo Magno e dei suoi valorosi paladini, primo fra tutti Orlando. La narrazione mescola elementi tratti dalla realtà storica con spunti di pura invenzione poetica. Dopo circa sette anni di guerra in Spagna Carlo Magno ha sconfitto i Saraceni. Solo la città di Saragozza resiste ma è allo stremo e il re, Marsilio, chiede una tregua. Nonostante il parere contrario di Orlando e di altri paladini, re Carlo Magno decide di mandare un’ambasciata per trattare la pace con l’infido sovrano saraceno. A capo della spedizione invia Gano di Maganza, patrigno di Orlando, che lo odia a tal punto da tradire il proprio sovrano e accordarsi con il nemico pur di sconfiggerlo. Consigliato da Gano, Marsilio finge di accettare la pace ma, mentre Carlo rientra in Francia con il suo esercito, attacca a sorpresa la retroguardia francese, comandata da Orlando, presso il passo di Roncisvalle. La battaglia è furiosa, Orlando fa strage di nemici, ma nonostante il loro eroismo i Franchi sono sopraffatti. Solo quando si accorge che tutto è perduto, Orlando suona il suo corno da guerra, l’olifante, per richiamare l’esercito di Carlo. Inutilmente Gano cerca di fermare l’imperatore che, sentito il richiamo, torna sui suoi passi per portare aiuto a Orlando ma giunge in tempo solo per vendicare i paladini uccisi. Sconfitti i Saraceni, Carlo torna in patria e condanna a un terribile supplizio il traditore Gano.
Hai bisogno di aiuto in Contesto Storico Letterario?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email