Ominide 2147 punti

Verga: le tecniche e Lettera a Salvatore Farina

Tecniche narrative

La regressione, l’ironia e lo straniamento

In seguito alla scelta dell’impersonalità, la narrazione è affidata a una voce popolare che racconta i fatti dall’interno, che assume il punto di vista della collettività o dei singoli personaggi.
Questa distanza che Verga introduce tra autore e narratore, è la regressione, ovvero la rinuncia dell’autore a rappresentare se stesso per mettersi al livello sociale dei personaggi. (es. La Lupa).
Quanto l’autore non condivide il giudizio popolare di un personaggio, non interviene direttamente, ma si affida all’ironia per creare la possibilità di un diverso giudizio sui fatti. (es. Rosso Malpelo).
Quando il punto di vista del narratore non coincide con quello dell’autore si parla di straniamento, per cui i fatti normali sono presentati come se fossero strani e viceversa.

Discorso indiretto libero e linguaggio popolare

L’espressione della cultura popolare è affidata al discorso indiretto libero, che comunica immediatamente al lettore le parole e i pensieri dei personaggi. Il linguaggio è popolare, con modi di esprimersi tipici del parlato, per conferire alla narrazione la coloritura e il tono locale.


Lettera a Salvatore Farina

E’ stata concepita in forma di lettera all’amico Salvatore Farina, è la prefazione de L’amante di Gramigna e poi inserita in Vita dei campi, costituisce il manifesto verista di Verga.

Documento umano e impersonalità

I principi della poetica verghiana risentono del Naturalismo e del Positivismo, per lo scrupolo scientifico a cui il lavoro dello scrittore risulta improntato.
I punti essenziali riguardano il linguaggio, il contenuto, il metodo di analisi, la tecnica dell’impersonalità.

Lessico scientifico

L’impronta positivista del testo e la concezione secondo cui la scienza dev’essere modello per l’arte, sono evidenti anche nella terminologia scientifica.

Linguaggio: L’autore afferma di voler riprodurre, senza alterarla, la lingua delle narrazioni popolari, con la sua semplicità e il suo colore. Il narratore onnisciente sarà sostituito da una voce narrante.
Contenuto: L’autore afferma di voler presentare un documento umano, testimonianza fedele della realtà. Il lettore si trova faccia a faccia con il fatto oggettivo.
Il metodo di analisi: Lo scrittore deve rinunciare ad analisi psicologiche, ma deve studiare i fatti in modo scientifico e ricostruire gli elementi essenziali della storia narrata.

Hai bisogno di aiuto in Giovanni Verga?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email