Ominide 9448 punti

Il piacere” di Gabriele D’Annunzio – trattazione sintetica


Nel 1889 viene pubblicato “Il piacere”, il primo romanzo, dell’autore Gabriele D’Annunzio, il quale è uno dei massimi esponenti dell’Estetismo italiano. Questo romanzo è caratterizzato da un gusto simbolista e decadente.
Il romanzo “Il piacere” è ambientato in una Roma elegante e frivola. Il protagonista del romanzo è Andrea Sperelli, cioè un eroe contemporanea, un esteta aristocratico, letterato e uomo di mondo. Andrea Sperelli è un dandy intellettuale ed è anche un poeta, il quale è immerso pienamente nella vita mondana romana.
L’attrazione verso le due donne antitetiche e contrapposte (ma complementari in un certo senso), cioè Elena e Maria (che rappresentano, rispettivamente, l’eros corrotto e la dedizione nobile) tormenta il protagonista. Andrea, in un perverso gioco mentale, ingannando entrambe le donne, tenta di intrecciare i due amori, allo scopo di crearne un terzo, ideale, immaginario, tanto perfetto quanto utopico.
La vicenda si colloca per la maggior parte in un contesto romano aristocratico e snob. Andrea alterna cinicamente le due relazioni amorose, fino al momento in cui, al termine di un incontro erotico e passionale con Maria, la chiama con il nome dell’altra donna, Elena. È così che Maria comprende la finzione e che Andrea si è solo presa gioco di lei.
Hai bisogno di aiuto in Gabriele D'Annunzio?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email