Ominide 1144 punti

Struttura ed analisi dell'opera


Quest'opera è un romanzo con sfondo realista , in quanto rappresenta la borghesia romana di fine Ottocento , e irrealistico in quanto si richiama alla musicalità data da elementi magici , dall'egotismo , esaltazione narcisistica di sè stessi, e dalla ripresa di vocaboli del passato , detti ,come Habere et Haberi, cioè Possedere e non essere Posseduti; parole straniere e nuove parole, coniate da D'Annunzio stesso.
È un romanzo decadente , perché mette in risalto , nel personaggio di Andrea Sperelli il "vivere inimitabile" e il rendere la vita una vera e propria opera d'arte , che si riflette nell'autore. La trama non ha intreccio ed é presente un unico personaggio ; la narrazione è in terza persona, anche se viene messo in risalto il punto di vista di Andrea Sperelli. Il tempo non è lineare , ma si alterna a flashback , come per esempio la relazione fra Andrea ed Elena. Andrea è l'esempio del dandy o esteta, il quale percepisce questo gusto per la raffinatezza , eleganza e di una vita dissoluta borghese, che lo porta ad affermare una vera e propria corruzione morale, un personaggio ,che alterna momenti passionali a momenti di malinconia e momenti di piena coscienza a momenti , in cui rifiuta la realtà, al contrario di Jean d'Essentes, che si rifugia nell'arte isolandosi dalla società , o Dorian Gray , che è pronto ad uccidere pur di ottenere la vita eterna. Il romanzo di ispirazione , cioè " A ritroso" di Huysmann , non presenta scene di vita erotiche o personaggi femminili , cioè Elena Muti , possibile riferimento ad Elena di Troia, che rappresenta la donna carnale , l'amore erotico, che attrae qualsiasi uomo e ne determina la corruzione morale e che ne determina il riscatto Maria, rappresentazione della Vergine, donna fedele ed umile, emblema dell'amore spirituale . La trama ci racconta della " vita inimitabile" e dissoluta di Andrea Sperelli , erede di una ricca famiglia borghese romana di fine Ottocento , il quale attraverso gli insegnamenti del padre vive emozioni ed esperienze all'eccesso in assoluta libertà , non rendendosi conto di essere diventato schiavo del suo personaggio e disprezzando le masse. Frequenta una donna di nome Elena , che però tradisce con svariate donne fino alla rottura definitiva. Un giorno Andrea fu sfidato dal compagno di una delle sue amanti , il quale lo ferì gravemente. Andrea guarì presso la villa in campagna della cugina, dove conobbe Maria Ferres , moglie del ministro del Guatemala. Solo al momento della guarigione e del ritorno a Roma, Andrea ci prova con Maria e lei cede, dopo un pò I due passano una notte di passione insieme e al momento dell'amplesso erroneamente Andrea pronuncia il nome di Elena al posto di quello di Maria e lei lo abbandona inorridita.
Hai bisogno di aiuto in Gabriele D'Annunzio?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
×
Registrati via email