Ominide 11266 punti

Il suono e la poesia


Le parole delle poesie hanno una specie di “potere magico”, indipendentemente da quello che vogliono dire. Esso dipende dai suoni. L’ascoltatore riceve dai tipi di suoni che ascolta dei messaggi che indirizzano il suo stato d’animo: suoni dolci e aperti indirizzano alla serenità; suoni “che tremano” aumentano la tensione emotiva; suoni cupi e bui oppure suoni duri creano un clima teso e disarmonico. Questo avviene indipendentemente dal significato della parola: ma se poi la parola ha un significato omogeneo con la sensazione che viene trasmessa dal suono, il suo potere viene raddoppiato.
I testi di queste poesie sono finalizzati a una riflessione generale sul suono delle parole e quindi verranno analizzati su questo piano. Il primo testo, il Carmen arvale, è un antico canto magico in latino arcaico i cui suoni creano un’atmosfera emotivamente coinvolgente al di là delle parole, incomprensibili al pubblico. Qual rugiada o qual pianto di Torquato Tasso veicola i sentimenti e la commozione dell’autore attraverso suoni che esprimono a livello immediato e non razionale quanto espresso razionalmente dal significato delle parole. La fontana malata di Palazzeschi permette di spiegare con un esempio chiaro la figura di suono più esplicitamente legata al mondo naturale, vale a dire l’onomatopea.
Il linguaggio della poesia comunque è difficile, perché deve dire cose che non è possibile dire in prosa in maniera altrettanto veloce e piena. In particolare, già nella poesia delle origini troviamo sovente delle immagini concentrate.
I poeti delle epoche successive usano il linguaggio della tradizione, cioè una lingua che in buona parte si rifà alle poesie che sono state scritte precedentemente, anche molti secoli prima. Si tratta di un linguaggio ricchissimo di echi interni. Ovviamente questo linguaggio speciale dei poeti fa sì che la poesia diventi poco accessibile a chi non ne possiede il codice. Questo è particolarmente grave là dove la poesia diventa appannaggio di ristretti gruppi elitari, come accadde in Italia a partire dal Rinascimento.
Hai bisogno di aiuto in Analisi del testo e scrittura di testi?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
I Licei Scientifici migliori d'Italia secondo Eduscopio 2017