GSP2002 di GSP2002
Ominide 70 punti

Ogni racconto indipendentemente dallo schema narrativo può essere suddiviso in sequenze, le minime unità narrative che compongono il testo. Una sequenza è quindi una porzione di racconto dotata di autonomia logica.
Di solito le sequenze sono facilmente individuabili perchè racchiuse tra un a capo . Il passaggio da una sequenza a un'altra può essere segnalato:

  • - da un cambiamento di luogo o di tempo;
    - dall'introduzione di un nuovo argomento;
    - dall'entrata in scena o dall'uscita di scena di un personaggio;
    - da un cambiamento di modalità testuale.

Ci sono cinque tipi di sequenze:
  • - Narrativa , cioè quanto il racconto delle azioni dei personaggi e degli eventi;
    - Descrittive , cioè quando contengono descrizioni di personaggi, luoghi e situazioni.
    - Informative , cioè quando contengono informazioni su personaggi, fatti, luoghi e circostanze;
    - Riflessive , cioè quando contengono le riflessioni, i pensieri, le argomentazioni del narratore o dei personaggi.
    - Dialogiche , cioè quando contengono i dialoghi tra personaggi.
Come precedentemente affermato, un insieme di sequenze si dice testo, ma quando il numero di sequenze è molto elevato (come capita ad esempio durante la stesura di un libro), questo concetto non è più palesemente efficace. Si ricorre così alle composizioni di sequenze, ovvero ad insiemi di sequenze narrative appartenenti ad un testo che ne è troppo ricco per usufruire del semplice concetto di sequenza al fine di riassumerlo o, meglio, di lavorarci facilmente sopra.

La Macrosequenza è un insieme di più sequenze con più punti in comune tra loro. ES: (Luogo,Tempo, ecc..)

Hai bisogno di aiuto in Analisi del testo e scrittura di testi?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email