Elo1218 di Elo1218
Ominide 3668 punti

Piante rampicanti


Le piante rampicanti riescono a ricoprire delle superfici inclinate o verticali.
Il fusto di queste piante per reggersi necessita dell’ancoraggio ad un sostegno; in mancanza di questo sostegno il fusto tende a ricadere oppure a strisciare sul terreno in orizzontale.

Le piante rampicanti comprendono varie categorie di piante, come per esempio:
• La prima categoria comprende tutte le piante che sono provviste di specifici organi di ancoraggio, questo tipo di piante sono le vere piante rampicanti;
• Alla seconda categoria appartengono le specie “volubili”, in cui il loro fusto si regge attorcigliandosi a dei sostegni;
• La terza categoria comprende le “liane”, che sono delle piante che si avvalgono a dei sostegni, che possono essere sia vivi che morti, di solito sono dei tronchi di albero, innalzandosi fino ad esporre le strutture fogliari e floreali al di sopra della chioma degli alberi e quindi queste piante si espongono alla luce del sole.


Le piante rampicanti vengono utilizzate per il rapido accrescimento dei fusti e delle foglie e per la vistosa fioritura e fruttificazione. Ma, proprio per questo, hanno elevate esigenze idriche.
Queste piante vengono anche utilizzate per il rivestimento di pilastri, di muri, di prospetti di edifici, di balconi e anche di gazebi per creare ombra.
Hai bisogno di aiuto in Agraria?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email