Ominide 16918 punti

La gestione dei sottoprodotti di lavorazione

Le industrie di trasformazione dei prodotti agricoli e zootecnici generano sottoprodotti di lavorazione, scarti, fanghi di depurazione e acque reflue di differente tipologia e qualità e in notevoli quantità. Le gestione di questi sottoprodotti rappresenta un problema con notevoli implicazioni di carattere economico e ambientale poiché sono una potenziale fonte d’inquinamento, per il suolo e per gli ecosistemi acquatici. I rifiuti solidi (sottoprodotti) delle industrie agroalimentari sono caratterizzati da un elevato contenuto di sostanza organica. Se sono riutilizzati nel comparto agricolo come mangimi o come ammendanti (fertilizzanti), questi scarti solidi vengono considerati sottoprodotti, altrimenti devono essere considerati rifiuti speciali e smaltiti in modo idoneo. Un possibile utilizzo di questi sottoprodotti è quello della digestione anaerobica per la produzione di biogas. In tal caso, oltre al biogas, un prodotto finale di questo processo, sarà il digestato. Il digestato è un sottoprodotto del processo di digestione anaerobica, e rispetto alle biomasse di partenza si presenta omogeneo, con un tenore di umidità elevato, perché parte della sostanza secca è stata degradata biologicamente, cioè demolita dai batteri per la produzione di biogas. La sostanza organica che rimane risulta più stabile e contiene elementi di fertilità, quali azoto, fosforo e potassio, per tale motivo può essere utilizzata come materiale fertilizzante nelle principali colture agrarie. Anche le acque reflue delle industrie agroalimentari, che derivano dai processi di lavorazione, di lavaggio delle materie prime, dei locali e delle attrezzature hanno più o meno elevato contenuto di sostanze organiche biodegradabili. Esse possono avere un’utilizzazione agronomica, se conveniente, oppure possono essere recapitate in un corpo idrico, se il loro contenuto di sostanze inquinanti è compatibile con quanto previsto dalla normativa vigente, in alternativa possono essere immesse in fognatura, eventualmente previo trattamento depurativo presso lo stabilimento o all’esterno in modo da abbattere il potenziale inquinante. Anche i fanghi di depurazione delle acque reflue, per essere smaltiti, possono essere avviati al compostaggio oppure all’impianto di digestione anaerobica, cioè al digestore anaerobico per la produzione di biogas.
Hai bisogno di aiuto in Agraria?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email