Ominide 11269 punti

Le angiosperme


Le angiosperme sono piante erbacee, arbustive e arboree, generalmente a foglia espansa (sono perciò chiamate latifoglie). Sono dotate di fiori complessi e completi, che contengono gli organi riproduttivi. Dalla doppia fecondazione prende origine il seme, che è protetto dall’ovario, dal quale prende origine il frutto. Il termine Angiosperme significa appunto seme nascosto, ovvero racchiuso nel frutto.

L’impollinazione può essere anemofila, soprattutto nelle famiglie meno evolute, ma è più frequentemente entomofila.
Le angiosperme sono le piante più evolute, le ultime a essere apparse sulla Terra, circa 150 milioni di anni fa; contano più di 250.000 specie.
Le angiosperme si suddividono in:
• dicotiledoni, il seme contiene due foglie embrionali (i cotiledoni); sono piante erbacee e arboree con radici fittonanti e foglie con nervature ramificate. Hanno fiori con verticilli composti da 4 o 5 elementi (fiori tetrameri o pentameri);

• monocotiledoni, il seme contiene una sola foglia embrionale (un cotiledone); sono piante erbacee, raramente arboree (in questo caso presentano comunque solo la struttura primaria della radice e del fusto) con apparato radicale generalmente fascicolato e foglie parallelinervie. Hanno fiori con verticilli composti da tre o sei elementi (fiori trimeri).

Hai bisogno di aiuto in Agraria?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove