I CREPUSCOLARI

I crepuscolari sono un gruppo scrittori e poeti che non appartengono a una vera e propria scuola, ma condividono scelte letterarie e modelli culturali. Il termine compare la prima volta nel 1910: G. A. BORGESE in un articolo su «La stampa», Poesia crepuscolare, recensisce tre raccolte: Poesie scritte col lapis di M. Moretti, Poesie provinciali, F.M. Martini, Sogno e ironia, C. Chiaves. Dice: «una voce crepuscolare, la voce di una gloriosa poesia che si spegne».
Autori crepuscolari sono: S. Corazzini, G. Gozzano, C. Govoni almeno fino al 1907, poi si dà al Futurismo e Marino Moretti che mantiene, però, una sua spiccata originalità (anche solo la fedeltà allo schema metrico).
Temi e toni sono dimessi e umili.
Si modifica la condizione del poeta "poeta artiere" Carducci o "poeta vate" D'Annunzio --> poeta che si vergogna di essere poeta, che ha perso l'aureola (Beaudelaire). «piccolo fanciullo che piange» Corazzini.
Stile = abbassamento del linguaggio = quasi quotidiano, umile, accostamento aulico e umile.
Metrica = facile, quasi prosaica, narrativa. Contini: «una netta discesa culturale», Serra: «metri zoppicanti», «rime approssimative», Langella: «il momento più basso della nostra poesia».

Schematizzando si può vedere Il CREPUSCOLARISMO come la risposta antitetica al FUTURISMO che risponde però allo stesso disagio di inizio secolo. E se il FUTURISMO è la radicalizzazione ed esasperazione di alcuni aspetti di D'Annunzio, il CREPUSCOLARISMO è la radicalizzazione di alcuni aspetti del Pascoli più intimo.

GUIDO GOZZANO
(1883-1916) nasce vicino a Torino. Formazione: iscritto a Legge, ma segue lezioni di Lettere (influenza di Nietzsche, Schopenhauer, Verlaine, D'Annunzio). Ambiente dei crepuscolari torinesi, esperienza con malattia, tisi che lo porterà alla morte.
Opere, raccolte di poesie: La via del rifugio (1907); I colloqui (1911) (nei quali è contenuto il poemetto più famoso: La signorina Felicita --> desiderio fuga dalla realtà); Le farfalle rimasto incompiuto. Fu anche autore di racconti: Verso la cuna del mondo.
Stile. 1) Poesie sono quasi delle piccole novelle in versi, il tono e prosaico e narrativo.
2) Ironia: soprattutto in polemica con D'Ann. Su questo pto., rovesciamento del dannunzianesimo, insiste Sanguineti, uno dei maggiori critici di G.
3) Altro critico importante di G. = Montale: «G. fu il 1° poeta del '900 che riuscisse "ad attraversare D'Ann." Per approdare a un territorio suo», egli è il 1° che «abbia dato scintille facendo cozzare l'aulico con il prosaico». G. stesso dice del suo stile: «lo stile di uno scolare/corretto un po’ da una serva» (e non il contrario, cioè la matrice è colta).

SERGIO CORAZZINI (Roma, 1886-1907). Vicenda e poetica simili a quelle di Gozzano, anche lui muore di tisi.
Gruppo di giovani intellettuali --> circolo e rivista «Cronache latine».
Raccolte di poesie: Dolcezze; L'amaro calice (1904); Le aureole (1905); Piccolo libro inutile (dove è contenuta la lirica: Desolazione del povero poeta sentimentale --> "piccolo fanciullo che piange", anticipa tema del male di vivere di Montale); Elegia; Libro per la sera della domenica (1906). Tutte le liriche furono pubblicate postume nella raccolta Liriche (1908).

Hai bisogno di aiuto in Contesto Storico Letterario 800?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email