Scoppio di Scoppio
Mito 26022 punti

Idruri

Gli idruri sono composto formati dall'idrogeno legato ad un altro elemento. Esistono tre tipi di idruri: idruri ionici, idruri molecolari e idruri macromolecolari.

Gli idruri ionici

Gli idruri ionici sono i composti che si formano quando un atomo di idrogeno si lega ad un metallo alcalino (Elementi del primo gruppo) o ad un metallo alcalino-terroso (Elementi del secondo gruppo). Sono costituiti da ioni positivi (Sempre il metallo) e da ioni negativi (Sempre l'idrogeno), e perciò hanno caratteristiche simili ai sali. Perciò spesso dopo la loro denominazione viene aggiunta la parola salino. Le loro caratteristiche sono:
1)A temperatura ambiente sono tutti solidi;
2)Hanno un elevato punto di fusione;
3)Hanno una struttura cristallina, dato che hanno un legame ionico;
4)Si sciolgono nei solventi apolari, dando una dissociazione elettrolitica;
5)Non si sciolgono nei solventi apolari.

Gli idruri molecolari

Gli idruri molecolari si hanno quando l'idrogeno si lega con uno degli elementi seguenti:
1)Arsenico;
2)Azoto
3)Boro;
4)Bromo;
5)Carbonio;
6)Cloro;
7)Fluoro;
8)Fosforo;
9)Iodio;
10)Ossigeno;
11)Silicio;
12)Zolfo.
Tra l'idrogeno e uno di questi elementi si stabilisce un legame covalente, che può essere sa puro sia polare. Le caratteristiche variano proprio in base al legame. Se il legame è covalente puro gli elementi hanno bassi punto di fusione e di ebollizione, solubilità praticamente nulla nei solventi polari e buona solubilità in quelli apolari. Invece gli idruri con legame covalente polare, per le interazioni intermolecolari, che possono essere dipolo-dipolo o idrogeno, hanno delle temperature di fusione e di ebollizione più alte rispetto ai precedenti. Inoltre la loro solubilità è l'esatto opposto dei precedenti: è buona nei solventi apolari e indifferente in quelli apolari.

Gli idruri macromolecolari

Gli idrocarburi, che sarebbero composti formati solo da idrogeno e carbonio, hanno la capacità, in condizioni particolari, studiate nella chimica organica, di legarsi formando lunghissime catene chiamate composti macromolecolari oppure polimeri.

Registrati via email