blakman di blakman
VIP 9176 punti
Ierone

Consigli ad un principe

11.7 ἐγώ σοί φημι, ὦ Ἱέρων, πρὸς ἄλλους προστάτας πόλεων τὸν ἀγῶνα εἶναι, ὧν ἐὰν σὺ εὐδαιμονεστάτην τὴν πόλιν ἧς προστατεύεις παρέχῃς, κηρυχθήσῃ νικῶν τῷ καλλίστῳ καὶ μεγαλοπρεπεστάτῳ ἐν ἀνθρώποις ἀγωνίσματι.

Io ti dico che la tua sfida è con gli altri principi delle città; e se tu renderai felicissima fra tutte le città quella che governi, sappi di vincere l'agone più bello e più splendido fra gli uomini.

[newpage]

11.8 καὶ πρῶτον μὲν εὐθὺς κατειργασμένος ἂν εἴης τὸ φιλεῖσθαι ὑπὸ τῶν ἀρχομένων, οὗ δὴ σὺ ἐπιθυμῶν τυγχάνεις: ἔπειτα δὲ τὴν σὴν νίκην οὐκ ἂν εἷς εἴη ὁ ἀνακηρύττων, ἀλλὰ πάντες ἄνθρωποι ὑμνοῖεν ἂν τὴν σὴν ἀρετήν.

E in primo luogo subito otterrai di essere amato dai sudditi, cosa che tu ora desideri; poi non solo uno celebrerebbe la tua vittoria, ma tutti gli uomini esalterebbero la tua virtù.

[newpage]

11.9 περίβλεπτος δὲ ὢν οὐχ ὑπὸ ἰδιωτῶν μόνον ἀλλὰ καὶ ὑπὸ πολλῶν πόλεων ἀγαπῷο ἄν, καὶ θαυμαστὸς οὐκ ἰδίᾳ μόνον ἀλλὰ καὶ δημοσίᾳ παρὰ πᾶσιν ἂν εἴης,

Ed essendo onorato, non solo verresti amato dai privati ma anche da molte città, e non solo saresti ammirato nel privato ma in pubblico presso tutti;

[newpage]

11.10 καὶ ἐξείη μὲν ἄν σοι ἕνεκεν ἀσφαλείας, εἴ ποι βούλοιο, θεωρήσοντι πορεύεσθαι, ἐξείη δ᾽ ἂν αὐτοῦ μένοντι τοῦτο πράττειν. ἀεὶ γὰρ ἂν παρὰ σοὶ πανήγυρις εἴη τῶν βουλομένων ἐπιδεικνύναι εἴ τίς τι σοφὸν ἢ καλὸν ἢ ἀγαθὸν ἔχοι, τῶν δὲ καὶ ἐπιθυμούντων ὑπηρετεῖν.

e, a causa della sicurezza, se volessi, ti sarebbe lecito andare a vedere uno spettacolo, e ti sarebbe pure lecito fare la stessa cosa rimanendo qui. Sempre infatti presso di te vi sarebbe una riunione di coloro che vogliono mostrarti se hanno qualcosa d'ingegnoso o di bello o di buono, e anche di persone desiderose di servirti.

[newpage]

11.11 πᾶς δὲ ὁ μὲν παρὼν σύμμαχος ἂν εἴη σοι, ὁ δὲ ἀπὼν ἐπιθυμοίη ἂν ἰδεῖν σε. ὥστε οὐ μόνον φιλοῖο ἄν, ἀλλὰ καὶ ἐρῷο ὑπ᾽ ἀνθρώπων, καὶ τοὺς καλοὺς οὐ πειρᾶν, ἀλλὰ πειρώμενον ὑπ᾽ αὐτῶν ἀνέχεσθαι ἄν σε δέοι, φόβον δ᾽ οὐκ ἂν ἔχοις ἀλλ᾽ ἄλλοις παρέχοις μή τι πάθῃς,

Chiunque poi ti sia vicino sarà il tuo alleato e chi sarà lontano desidererà vederti. Cosicché non soltanto avresti l'affetto, ma anche l'amore dei sudditi e non avresti a tentare i buoni, ma dovresti permettere di essere tentato da loro né alcun timore nutriresti, ma tu stesso procureresti agli altri timore che non ti capiti qualche sventura

[newpage]

11.12 ἑκόντας δὲ τοὺς πειθομένους ἔχοις ἂν καὶ ἐθελουσίως σου προνοοῦντας θεῷο ἄν, εἰ δέ τις κίνδυνος εἴη, οὐ συμμάχους μόνον ἀλλὰ καὶ προμάχους καὶ προθύμους ὁρῴης ἄν, πολλῶν μὲν δωρεῶν ἀξιούμενος, οὐκ ἀπορῶν δὲ ὅτῳ τούτων εὐμενεῖ μεταδώσεις, πάντας μὲν συγχαίροντας ἔχων ἐπὶ τοῖς σοῖς ἀγαθοῖς, πάντας δὲ πρὸ τῶν σῶν ἰδίων ὥσπερ τῶν ἰδίων μαχομένους.

e avresti chi ti obbedisce spontaneamente e vedresti chi volentieri si prende cura di te, e se dovesse sorgere qualche pericolo, troveresti non solo alleati, ma anche campioni e fanatici, essendo considerato degno di molti doni, e non mancando di qualche uomo di buona volontà con cui condividerli, troverai tutti gioire nella tua fortuna, tutti che combattono per i tuoi interessi, come se fossero loro.

Hai bisogno di aiuto in Senofonte?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove