pser di pser
Ominide 5819 punti

A ROMA DOPO LA BATTAGLIA DI CANNE

INIZIO: Εν τη πολει απαγγελθεισης της συμφορας, οι μεν εν ταις οδοις...
FINE: Μελλοντα πλειν ες Σικελιαν, ες τον Αννιβου πολεμον μετεφερν.
A Roma, quando fu annunciata la sconfitta, alcuni piangevano per le strade anche nominando i figli, e si lamentavano che quelli erano caduti in mano al nemico il più presto possibile, mentre le donne pregavano nei templi con i figli piccoli che una volta per tutte terminassero le disgrazie per la città, i comandanti supplicavano gli dei con sacrifici e preghiere che fossero sazi di quanto già accaduto, se avessero avuto un qualche motivo di collera. Il Senato inviava Quinto Fabio, lo scrittore di queste imprese, a Delfi per consultare l’oracolo riguardo tali eventi, che i padroni lasciassero liberi circa 8000 schiavi, che tutti nella città si preparassero a fabbricare armi e frecce, e radunassero comunque degli alleati. Fu dirottato verso la guerra contro Annibale Claudio Marcello che stava per navigare verso la Sicilia.

Hai bisogno di aiuto in Versioni del Mese?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email