pser di pser
Ominide 5819 punti

ALESSANDRO MAGNO VINCE UNA BATTAGLIA E METTE IL NEMICO IN FUGA (ARRIANO)

INIZIO: Τριτη σε απ'εκεινης ημερα καταμαθων Αλεξανδρος κακως...
FINE: Καταφυγων εμπρησας την πολιν απηλλαγη παρα Γλαυκιαν ες Ταυλαντιους
Il terzo giorno da quella battaglia, Alessandro, osservando quelli che bivaccavano male al seguito di Clito e Glaucia, e che né vi erano nello schieramento delle guardie che li sorvegliavano e che né avevano collocato una palizzata o un fossato, non utile per lunghezza ad uno schieramento che aveva rinunciato a tali cose, ancora al calar della notte di nascosto attraversava il fiume, con scudieri, gli Agriani, arcieri e le truppe di Perdicca e Cano. E da una parte gli era stato ordinato di seguire l’altro esercito; dall’altra come vide il tempo opportuno per l’attacco, non attendendo di stare nello stesso luogo inviò tutti gli arcieri e gli Agriani; questi, che piombarono giù all’improvviso, da una parte uccisero quelli che si trovavano ancora nei giacigli, dall’altra catturavano agevolmente coloro che fuggivano, così da una parte molti furono fermati da quello e uccisi, dall’altra molti nella disordinata e spaventosa ritirata che c’era stata furono catturati vivi. Ci fu un inseguimento da parte del seguito di Alessandro fino ai monti dei Taulanti; anche quanti di quelli scapparono si salvarono privi delle armi. Clito, trovando dapprima scampo nella città, dopo che la città fu incendiata si allontanò con Glaucia dal paese dei Taulanti.

Hai bisogno di aiuto in Versioni del Mese?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email