Che materia stai cercando?

Fandom! Serie tv vs musica: House Of Cards vs Justin Bieber

Lo studio si apre con un capitolo introduttivo sull'evoluzione storica del concetto di fandom e sulle differenze emerse tra le due tipologie osservate: il fandom di serie tv e quello legato ad un cantante o gruppo di musicisti.
Nei capitoli successivi prenderà corpo la ricerca che compara le due categorie di fan attraverso un particolare caso di studio: ad essere esaminati saranno il fandom... Vedi di più

Materia di Internet Studies relatore Prof. G. Boccia Artieri

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

mostrato essere irrinunciabili per quanto concerne l'essere fan. Sempre

39

prendendo spunto dalla ricerca condotta sulla band Restart , ci si

concentrerà sulla relazione dei fan tra loro e con l’oggetto mediale di

riferimento, sul modo di interpretarlo e sulle pratiche ad esso associate.

Seguendo l’esempio di Matt Hills e degli altri studiosi che hanno

realizzato un’autoetnografia per osservare la loro esperienza di fan, ho

inoltre condotto un’analisi di stampo etnografico su me stessa in quanto fan.

I soggetti analizzati risultano quindi essere 5 (3 fan per ciascuna fandom, di

cui un soggetto membro di entrambe), selezionati tra alcuni individui noti in

quanto fan per conoscenza diretta, che si sono resi disponibili a collaborare

a questa ricerca. Due delle interviste sono state condotte al telefono e due in

presenza.

Ciò che si è cercato di rilevare può essere sintetizzato nei seguenti

punti:

• Se la relazione dei fan con tale tipo di contenuto è esclusiva (con

relative motivazioni) o se i fan seguono una dieta culturale e mediale

costituita da più prodotti o generi;

• Che opinione i fan hanno sulla fandom e sulla propria esperienza

emotiva vissuta all’interno di essa (senso di appartenenza,

partecipazione all’attesa, alla promozione, all’interpretazione dei

contenuti e agli eventuali conflitti);

• Come i fan percepiscono il loro rapporto con haters, altre fandom,

opinione pubblica, stampa e altri media;

• Come i fan esprimono le loro passioni offline (dimensione

commerciale) e online (sui social), e quanto lo ritengono importante;

• Cosa i fan pensano delle produzioni dal basso e se/quanto producono

39 R. Recuero, A. Amaral, C. Monteiro, Fandoms, Trending Topics and Social Capital in

Twitter, op. cit. 36

user generated content;

• Come i fan valutano il rapporto tra fandom e professionisti coinvolti

e tra questi e i singoli fan (riconoscimento di valori e aspetti negativi

del prodotto, coinvolgimento nella dimensione quotidiana e privata,

essere o meno fan oltre l’ambito artistico, importanza del prodotto

nelle diverse fasi della vita).

Laddove i fan, lasciati liberi di esprimersi, non avessero già risposto

in maniera soddisfacente a tali quesiti, è stata utilizzata la seguente traccia:

• Segui la serie perché ci sei particolarmente affezionato/a? O è uno

dei tanti prodotti mediali che consumi?

• Ti senti parte della fandom di House Of Cards/Justin Bieber, o ti

definiresti semplicemente un membro del pubblico?

• Condividi l’attesa per le nuove puntate con gli altri fan? Ti capita di

commentare assieme le puntate/canzoni o di promuovere la serie/la

musica in qualche modo?

• Che rapporto avete con le fandom di altri contenuti?

• Ti capita mai di difendere la serie da critiche (anche online, da parte

di utenti, giornalisti, opinione pubblica, altri media)?

• Hai mai acquistato oggetti relativi alla serie/al cantante (cofanetti,

merchandising, ecc.)?

• Condividi sui social contenuti sul prodotto? Quanto ritieni

importante esprimere la tua preferenza per la serie/il cantante, sia

online che offline?

• Cosa pensi delle rielaborazioni dei contenuti da parte dei fan

(fanvideo, fanfiction, fanart, ecc.)? Hai mai prodotto qualcosa?

• Che rapporto hanno cantanti/attori, sceneggiatori, registi e le altre

figure professionali che contribuiscono al prodotto? Quanto ti senti

37

coinvolto, in quanto fan, nella loro esperienza lavorativa e di vita?

• Segui qualcuna di queste persone per altre ragioni o solo per il ruolo

che hanno nella serie/per la musica che produce?

• Quanto ritieni che essere fan di House Of Cards/Justin Bieber abbia

influito sulla tua esperienza di vita? È cambiato il tuo modo di essere

fan, con il tempo?

3.4 Analisi dei risultati

3.4.1 Twitter

Un primo fattore da considerare nell’analizzare i risultati ottenuti è

che i tweet contenenti l’hashtag #HouseOfCards non sono tutti

specificamente stati creati in occasione della messa in onda delle due

puntate. La serie tv è stata infatti oggetto di una diatriba tra la piattaforma

Netflix, produttrice della serie, e la tv satellitare Sky, che ne ha acquistato i

diritti di distribuzione prima che Netflix fosse introdotto in Italia. Pertanto,

essendo impossibile rilevare quanti utenti aspettino le nuove puntate di

settimana in settimana e quanti abbiano invece preferito utilizzare vie

secondarie (e illegali, come siti di streaming, cambio di VPN su Netflix,

ecc.), tra i contenuti raccolti vi è un’indefinibile percentuale di tweet che gli

utenti hanno digitato prima, durante o dopo la visione di puntate diverse da

quelle trasmesse in quella settimana da Sky, e quindi non strettamente

relativi all’oggetto preso in analisi. Inoltre, mentre Cold Water è stata

rilasciata contemporaneamente in tutto il mondo, molti fan della serie tv, al

momento della messa in onda delle puntate osservate, avevano già visto la

serie in lingua originale. 38

Dalle due raccolte di tweet contenenti gli hashtag #HouseOfCards e

#ColdWater sono poi stati esclusi i retweet, attraverso un primo coding dei

tweet contenenti “RT @” effettuato tramite la ricerca avanzata consentita da

DiscoverText, che ha quindi permesso di isolare i tweet privi di coding e

creare due bucket di tweet “netti”.

Hashtag #HouseOfCards #ColdWater

Numero di Tweet 501 3268

Numero di Reweet 167 20432

Totale 668 23700

Tabella 5. Numero di tweet e retweet raccolti da DiscoverText

Già questi primi numeri sono in grado di darci un’idea della

rilevanza mediatica dei due eventi (la messa in onda di due puntate di House

e l’uscita del nuovo singolo di Justin Bieber), o perlomeno di

Of Cards

quanto essa si sia tradotta in una discussione dell’argomento su Twitter.

Andiamo ora scoprire su cosa essa si è soffermata maggiormente. Il

risultato del primo coding effettuato, volto a distinguere i principali temi di

discussione trattati dagli utenti utilizzando gli hashtag #HouseOfCards e

#ColdWater, è il seguente: 39

Argomento Tweet #HouseOfCards #ColdWater

esemplificativo

“Puntate

Contenuto bomba 153 tweet 739 tweet

stasera di (30%) (23%)

#HouseOfCards!”

“Potete dire quello che

Persone/ 25 tweet 432 tweet

volete su Justin, ma ha

Personaggi (5%) (13%)

talento #ColdWater”

“Sto facendo ascoltare

Fan 94 tweet 1017 tweet

#ColdWater a mamma (19%) (31%)

e ha iniziato a

muovere la testa a

ritmo!”

“Beliebers, tra poco

Fandom 23 tweet 822 tweet

RadioR101 (5%) (25%)

trasmetterà

#ColdWater!

Accendete la radio e

sintonizzatevi

immediatamente!”

“La Casa Bianca mi

Altro 207 tweet 271 tweet

aspetta! Maratona (41%) (8%)

#HouseOfCards con

#SkyBoxSets!” 40

Tabella 6. Risultati dei due coding a confronto

Andiamo quindi a operare un confronto tra i due risultati, partendo

dai dati più evidenti.

Quasi la metà dei tweet sulla serie tv House of Cards è confluita

nella categoria “Altro”: si tratta, in buona sostanza, di tweet autogenerati da

Sky Box Sets nel momento in cui gli utenti iniziano a visionare un

determinato contenuto. Essi non sono, pertanto, la manifestazione di

un’esplicita volontà di condivisione dell’evento, quanto più di una strategia

di marketing adottata da Sky per promuovere il programma (e i suoi

servizi). Nella categoria “Altro”, per quanto riguarda invece #ColdWater,

troviamo non solo tentativi di aziende di sfruttare la popolarità della

(associando l’hashtag a pubblicità che non hanno nulla a che vedere

canzone

con Justin Bieber), ma anche tweet stranieri o inviati da hater.

Escludendo i dati non pertinenti, possiamo osservare come nella

fandom di House Of Cards ci sia interesse prevalente per il contenuto: il

telefilm piace, intrattiene, riceve commenti positivi, ma si tratta perlopiù di

semplice consumo. I tweet contenenti forme di affetto o stima per le figure

coinvolte nella realizzazione del prodotto, infatti, rappresentano solo il 5%.

Il prevalere nei fan di House of Cards di un sentiment più distaccato

potrebbe essere imputabile all'assenza di modelli di comportamento positivi

tra i protagonisti. La serie, infatti, tende a premiare i personaggi meno

professionali e corretti e a punire i più responsabili ed innocenti, spingendo

tuttavia il pubblico a simpatizzare con i malvagi grazie alle tecniche

narrative e a una trama basata su intrighi, segreti e sotterfugi. Non è

possibile quindi escludere che una serie tv più ricca di contenuti morali ed

etici che esprimono un'idea di giustizia a cui i fan possano aspirare, generi

una vicinanza emotiva maggiore. 41

La stessa percentuale viene raggiunta anche dai tweet della categoria

“Fandom”, riservata ai contenuti che rimandano ad un vissuto collettivo del

prodotto. I fan non si riconoscono nei personaggi, né si sentono parte di un

gruppo di telespettatori con qualcosa in comune. Il loro essere fan è però

certamente sentito a livello individuale: la discreta percentuale raggiunta

dimostra quando la “fandom” (se così può essere

dalla categoria Fan

definita) abbia voglia di raccontare la sua fruizione del prodotto, sebbene

ciò non generi pressoché alcuna forma di socialità.

Situazione quasi opposta nei tweet contenenti l’hashtag #ColdWater.

Nonostante anche in questo caso le affermazioni siano perlopiù riferite alla

propria esperienza dell’evento, la differenza con le altre categorie non è così

netta come nella fandom di House of Cards. Subito dopo troviamo infatti un

25% di tweet che rimanda alla dimensione comunitaria della fruizione,

all’appartenenza alla fandom e alle sue pratiche. Di poco inferiore è il

numero di tweet riferiti alla canzone, tuttavia accompagnato da un ulteriore

13% di tweet che riguardano direttamente Justin Bieber nella totalità della

sua persona, e non solo il singolo appena uscito. Tali risultati provano

l’esistenza di un forte attaccamento dei fan tanto per il loro idolo quanto per

la loro fandom. Occorre tuttavia precisare che, dato che la serie tv viene

mandata in onda in italiano, alcuni tweet rilevati contengono citazioni dei

personaggi; essendo invece la canzone in lingua inglese, DiscoverText non

ha rilevato le citazioni della stessa inviati da utenti italiani.

Possiamo quindi sintetizzare questa prima parte della ricerca

affermando che mentre i fan di House of Cards sono più interessati a

commentare le scene che si susseguono nelle puntate, i fan di Justin Bieber,

dopo aver inviato tweet contenenti le loro impressioni sulla canzone, si

lasciano andare a esternazioni di affetto per il loro idolo e alla condivisione

delle proprie emozioni con gli altri fan, con cui aspettano, commentano e

42

promuovono il contenuto. Il risultato che forse più avvicina le due fandom è

quindi rappresentato dalla categoria Fan, in cui in entrambi i casi si riscontra

una forte volontà di raccontare come i contenuti vengono aspettati e vissuti,

senza obbligatoriamente far riferimento a chi li produce o agli altri fan.

Vedremo ora quali sono i linguaggi con cui le due fandom si sono

espresse su Twitter riguardo ai rispettivi eventi mediali. Le seguenti

immagini raffigurano le 150 parole più ricorrenti nelle due raccolte di tweet.

Figura 1. Cloud delle 150 parole più ricorrenti nei tweet contenenti

l’hashtag #ColdWater

Non è difficile capire l'opinione che i fan hanno della canzone

(“bella”, “bellissima”, “piace”, “troppo”, “fissa”, “droga”) o quanto

intensamente abbiano vissuto l’attesa della sua uscita (“ansia”,

“aspettando”, “aspettare”, “aspetto”, “ora”, “orario”, “ore”, “minuti”,

“sveglia”, “mattina”, “mezzanotte”). Ciò che colpisce è però la presenza di

tono emotivo e affettuoso, che rende molto frequente l'uso di parole come

“amo”, “innamorata”, “vita”, “fiera”, (“non”) “delude”, “mai”, “sempre”,

43

“ogni” “volta”, “grazie”, quasi sempre figuranti accanto a “justin”, “lui”,

“voce”. L’esistenza della fandom e la percezione dei fan è testimoniata dalla

presenza di parole come “noi”, “tutti”, (“cosa”) “pensi”, “buongiorno”,

“giorno”, ma anche da alcuni hashtag e termini usati per promuovere il

(“coldwater101”, “mtvhottest”, “spotify”), anche tramite la

prodotto

menzione di account utili (come “jbitaliancrew” e “radior101”).

Figura 2. Cloud delle 150 parole più ricorrenti nei tweet contenenti

l’hashtag #HouseOfCards

Balza agli occhi la differenza tra le due cloud. In questa è infatti

totalmente assente ogni segno di affetto, di emozione o di socialità, elementi

sostituiti con il racconto di quanto viene visto (“colpi/o”, “scena”,

“attentato”) e la menzione di numerosi account ufficiali gestiti per gran

parte dai “proprietari” del prodotto (“houseofcardsit”, “skyatlantichd”,

“skyboxsets”, “skyonline”, “tvshowtime”).

Gli unici due aspetti che accomunano le due fandom, secondo quanto

riportato dalle due ricerche sui termini più utilizzati, risultano quindi essere

la fruizione in sé (“aspetta”, “aspettare”, “maratona”) e il rimando ad altri

44

stesso giorno (“bayernjuve” e

contenuti mediali in onda o in uscita quello

“maratonamentana” per e “girlstalkboysmusicvideo” per

House of Cards,

Cold Water).

Ecco ora riportati i risultati ottenuti dal coding effettuato su ciascun

argomento, finalizzato a rilevare la presenza e la tipologia di user generated

content. Cominciamo con l’hashtag #HouseOfCards.

Code Contenuto Persone Fan Fandom Totale

Screen 4 tweet - 1 tweet - 5 tweet

(3%) - (1%) -

Emozioni 1 tweet - 5 tweet 1 tweet 7 tweet

(1%) - (5%) (4%)

Protagonisti 1 tweet 1 tweet 5 tweet 3 tweet 10 tweet

(1%) (4%) (5%) (13%)

Creazioni - - - - 0 tweet

Nessuno 146 tweet 24 tweet 83 tweet 19 tweet 272 tweet

(96%) (96%) (88%) (83%)

Tabella 7. Contenuti visuali pubblicati dagli utenti assieme ai tweet con

l’hashtag #HouseOfCards 45

La fandom di House Of Cards non sembra apprezzare

particolarmente i contenuti visuali, di cui solo una decisamente ristretta

minoranza fa uso nei suoi tweet. Le poche percentuali considerabili vengono

raggiunte dagli UGC che fanno riferimento ai personaggi della serie e da

fotografie e screen raffiguranti particolari momenti della puntata.

Proseguiamo quindi con l’hashtag #ColdWater.

Code Contenuto Persone Fan Fandom Totale

Screen 40 tweet 11 tweet 46 tweet 43 tweet 140 tweet

(5%) (3%) (5%) (5%)

Emozioni 10 tweet 2 tweet 78 tweet 19 tweet 109 tweet

(1%) - (8%) (2%)

Protagonisti 3 tweet 8 tweet 8 tweet 4 tweet 22 tweet

- (2%) (1%) -

Creazioni 1 tweet - 3 tweet 5 tweet 9 tweet

- - - (1%)

Nessuno 685 tweet 408 879 750 2722

tweet tweet tweet tweet

(93%) (95%) (87%) (91%)

Tabella 8. Contenuti visuali pubblicati dagli utenti assieme ai tweet con

l'hashtag #HouseOfCards 46

Malgrado le percentuali di tweet privi di contenuti siano solo

leggermente più basse rispetto a quelle raggiunte dai tweet su House Of

Cards, vi sono importanti differenze da sottolineare. Innanzitutto, per

quanto scarsi possano essere i casi in cui essa si manifesta, tra i Beliebers la

creatività non risulta totalmente assente come nella fandom della serie tv.

In secondo luogo, possiamo osservare come, contrariamente

all’opinione comune che vede i Beliebers (a cui più spesso ci si riferisce,

essenzialmente legati all’aspetto estetico di

infatti, al femminile) essere

Justin Bieber, le immagini che lo ritraggono risultano essere molto poco

diffuse, se comparate alle foto dei personaggi di House Of Cards pubblicate

dai fan della serie. Percentuali ben più significative sono invece raggiunte

dagli screenshot che mostrano le classifiche in cui si cerca di far salire il

prodotto, da quelli che provano la trepidante attesa e l’ascolto stesso della

canzone, così come dei contenuti legati alla dimensione emotiva (perlopiù

pubblicati per raffigurare lo stato d’animo dei fan durante queste due

meme

fasi). Passiamo ora ad analizzare i risultati del successivo coding, volto a

stabilire il peso che l’appartenenza alla fandom ha nell’identità dei singoli

fan. Esso è stato valutato analizzando i riferimenti al prodotto contenuti

nelle immagini e nelle parole che Twitter consente di sfruttare per costruire

la presentazione di sé online. Osserviamo quindi i risultati dell’analisi dei

tweet contenenti l’hashtag #ColdWater, divisi a seconda del tema trattato nei

tweet:

Code Contenuto Persone Fan Fandom Totale

Icon 36 tweet 22 tweet 40 tweet 30 tweet 128

persone tweet

(5%) (5%) (4%) (4%) 47

Icon 10 tweet 2 tweet 5 tweet 2 tweet 19

prodotto tweet

(1%) - - -

Nome 29 tweet 25 tweet 54 tweet 45 tweet 153

tweet

(4%) (6%) (5%) (5%)

Nickname 89 tweet 54 tweet 126 tweet 81 tweet 350

tweet

(12%) (13%) (12%) (10%)

Più di uno 122 tweet 74 tweet 171 tweet 145 tweet 512

tweet

(17%) (17%) (17%) (18%)

Profilo a 50 tweet 42 tweet 135 tweet 86 tweet 313

tema tweet

(7%) (10%) (13%) (10%)

Altri 293 tweet 152 tweet 335 tweet 290 tweet 1070

contenuti tweet

(43%) (35%) (33%) (35%)

Identità 79 tweet 42 tweet 117 tweet 97 tweet 335

reale tweet

(11%) (10%) (11%) (12%)

Altro 29 tweet 17 tweet 35 tweet 46 tweet 127

tweet

Tabella 9. Riferimenti presenti in icon, nickname e nomi utente degli utenti

che hanno utilizzato l’hashtag #ColdWater, suddivisi per argomento 48

Possiamo notare come circa la metà dei tweet contenenti l’hashtag

#ColdWater sono stati inviati da utenti che considerano Justin Bieber una

parte importante della loro identità, al punto da scegliere come icon

immagini che lo raffigurano, nickname con riferimenti a lui e ai suoi lavori

e, nella maggior parte dei casi, entrambe le cose. Solo alcuni utenti

modificano tali elementi per promuovere la canzone appena uscita; in gran

parte dei casi, infatti, è la persona stessa ad essere raffigurata, anche in una

affatto trascurabile percentuale di fan dotati di un profilo interamente a tema

e nome utente legati al cantante). L’altra metà dei tweet

(con icon, nickname

è stata inviata da utenti i cui icon, nickname e nome utente contengono

riferimenti ad altri prodotti mediali prevalentemente relativi alla cultura pop

e ai suoi idoli (in particolare altri artisti della stessa generazione di Bieber).

Ciò lascia pensare che si tratti di membri di altre fandom, o di Beliebers che,

perlomeno nel periodo della rilevazione dei dati, hanno preferito presentarsi

identificandosi con altri personaggi o prodotti. Vi è, inoltre, una discreta

quantità di utenti che utilizzano i propri nomi e/o immagini reali.

Confrontando il livello di identificazione con gli argomenti trattati, si

osserva una certa costanza tra le percentuali rispetto ai temi dei tweet.

Possiamo generalizzare affermando che ciò di cui si twitta non dipende da

quanto ci si identifica con il prodotto mediale. Una riflessione a parte va

fatta per coloro i cui nickname, nome utente ed icon raffigurano altri

contenuti mediali. Non stupisce che la maggior parte dei loro tweet sia

rappresentata da commenti e reazioni alla canzone: non è necessario essere

particolarmente fan di Justin Bieber per esprimere un parere sulla canzone,

né è impossibile che i membri delle altre fandom abbiano approfittato di tale

contenuto per partecipare ad un momento significativo dei Beliebers, pur

senza lo stesso investimento emotivo. 49

Ecco invece i risultati ottenuti osservando i tweet della fandom della

serie tv House Of Cards.

Code Contenuto Persone Fan Fandom Totale

Icon - - - - 0 tweet

persone

Icon - - - - 0 tweet

prodotto

Nome - - - - 0 tweet

Nickname - - - - 0 tweet

Più di uno - - - - 0 tweet

Profilo a - 1 tweet - - 1 tweet

tema - (4%) - -

Altri 10 tweet 8 tweet 5 tweet - 23 tweet

contenuti (7%) (32%) (5%) -

Identità 135 tweet 14 tweet 88 tweet 24 tweet 261

reale tweet

(88%) (56%) (94%) (100%)

Altro 8 tweet 2 tweet 1 tweet - 11 tweet

Tabella 10. Riferimenti presenti in icon, nickname e nomi utente degli utenti

che hanno utilizzato l'hashtag #HouseOfCards, suddivisi per argomento

50

Notiamo subito come sia impossibile rilevare qualsiasi elemento

precedentemente esaminato nell’analisi della fandom di Justin Bieber. In

quella di House Of Cards non sembrano esserci fan che si identificano con

L’unico profilo a tema presente ha

la serie né con i suoi attori e protagonisti.

inviato soltanto un tweet nel corso dei due giorni della rilevazione. È

importante tuttavia notare come tali utenti non solo non associno la propria

identità alla specifica serie, ma a neanche ad alcun prodotto mediale. Essi ne

fruiscono semplicemente per intrattenimento, ed utilizzano il web per

esprimere il proprio interesse soltanto attraverso i tweet inviati tramite

account che contengono il nome e/o l’immagine reale della persona. A

confermare sono le poche tracce lasciate delle loro preferenze non fanno

mai riferimento alla dimensione della comunità di fan a cui appartengono.

Tali risultati sembrano essere in linea con le considerazioni iniziali

su ciò che un idolo giovane può rappresentare per i propri fan, e

sull’importanza che riveste l’appartenenza a una comunità durante gli anni

della crescita. Mentre House Of Cards abbraccia anche una fascia di

pubblico già anagraficamente matura, i Beliebers si trovano per la maggior

parte negli anni dell’adolescenza e della giovinezza, fattore che li spinge

maggiormente ad assumere Justin come riferimento e modello per la propria

vita, nonché a considerare la fandom come un gruppo di pari alternativo, le

cui pratiche sono vissute quindi con grande trasporto emotivo.

Proseguendo, si è cercato di comprendere a quali di esse le due

fandom si dedichino maggiormente, e osservarne le differenze analizzando i

tweet delle categorie “Fan” e “Fandom”. I risultati ottenuti sono i seguenti:

51

Code Tweet #HouseOfCards #ColdWater

esemplificativo tot: 117 tweet tot: 1833 tweet

“Un’ora.

Attesa 51 tweet 1002 tweet

Rendiamocene (43%) (53%)

conto,

UN’ORA.

STIAMO

CALMI.

#ColdWater”

“Beh ora le

Interpretazione 28 tweet 79 tweet

primarie le (24%) (5%)

vince!

#HouseOfCards

“Portiamola al

Promozione 7 tweet 296 tweet

N°1 su iTunes (6%) (16%)

che se lo merita

tutto

#ColdWater”

“Con questo

Socialità 7 tweet 312 tweet

gruppo aiuto le (6%) (17%)

beliebers a

vendere/comprar

e biglietti per le

tappe italiane 52

#ColdWater”

“L’ho sentita

Creatività un - 26 tweet

casino di volte e - (2%)

ci ho fatto un

video su

musically

#ColdWater”

“Claire mi

Cultura 19 tweet 71 tweet

ricorda i (16%) (5%)

contorsionismi

mentali

megalomani del

Cesare Borgia

della serie!

#HouseOfCards

“Coccole e

Altro 5 tweet 47 tweet

#HouseOfCards

Tabella 11. Pratiche svolte dalle fandom di House Of Cards e Justin Bieber

Partiamo dalla fandom della serie tv House Of Cards. La metà dei

tweet viene inviata prima della messa in onda vera e propria delle puntate,

ed un terzo durante e successivamente ad essa, al fine di elaborarne il senso

e fare pronostici. Tuttavia il prodotto non viene più di tanto promosso,

53

consigliato o richiesto, bensì accostato ad altri prodotti mediali che risultano

menzionati nel 16% dei tweet. Minima è anche la dimensione sociale, a

riprova dell’assenza di una reale idea di fandom. La creatività risulta inoltre

totalmente assente.

Anche la metà dei tweet su Cold Water osservati è stata inviata prima

del rilascio della canzone, che risulta essere stata tanto promossa in radio e

classifiche (ma anche in termini di visualizzazioni su Youtube e stream su

Spotify), quanto sfruttata per generare conversazioni tra fan. Questi ultimi

elementi risultano quindi molto più presenti nei contenuti su Cold Water che

nei tweet su House Of Cards, così come la creatività (sebbene essa

raggiunga in questo caso una percentuale irrisoria). Al contrario, i fan di

House Of Cards, sebbene facciano riferimento ad altri contenuti molto più

anche all’interpretazione della serie

spesso dei Beliebers, si dedicano di più

(che, in quanto tale, si presta maggiormente ai pronostici).

Il coding effettuato sul numero di retweet che i tweet analizzati

Per l’hashtag

hanno ricevuto ha prodotto i seguenti risultati.

#HouseOfCards:

Numero di Contenuto Persone Fan Fandom Totali

retweet

0 retweet 129 tweet 20 tweet 77 tweet 21 tweet 247

tweet

85% 80% 82% 91%

1 10 retweet 18 tweet 3 tweet 17 tweet 2 tweet 40

tweet

12% 12% 18% 9% 54

11 - 20 retweet - - - - -

21 50 retweet - - - - -

>50 retweet - - - - -

Dato non 5 tweet 2 tweet - - 7

pervenuto tweet

Tabella 12. Retweet ricevuti dai tweet contenenti l’hashtag #HouseOfCards

suddivisi per argomento

Dalla tabella si evince che a ricevere il maggior numero di retweet

siano i tweet contenenti commenti sulla puntata. Notiamo inoltre come solo

40 tweet abbiano ottenuto almeno un retweet, contro 247 che non hanno

catturato sufficientemente l’attenzione degli altri utenti.

I tweet che raccolgono “più” condivisioni rientrano nella categoria

e riguardano perciò l’attesa e la fruizione stessa del prodotto. Essa è

Fan,

però vissuta in maniera individuale, come dimostra il fatto che i tweet

relativi alla Fandom vengano quasi totalmente ignorati.

L’hashtag #ColdWater ha invece raggiunto i seguenti risultati:

Numero Contenuto Persone Fan Fandom Totali

di retweet

0 retweet 538 tweet 255 tweet 565 tweet 713 tweet 2071

tweet

73% 59% 68% 70% 55

1 10 172 tweet 141 tweet 201 tweet 265 tweet 779

retweet tweet

23% 33% 24% 26%

11 - 20 6 tweet 12 tweet 10 tweet 11 tweet 39

retweet tweet

1% 3% 1% 1%

21 50 2 tweet 8 tweet 11 tweet 4 tweet 25

retweet tweet

- 2% 1% -

>50 4 tweet 3 tweet 9 tweet 2 tweet 18

retweet tweet

1% 1% 1% -

Dato non 20 tweet 10 tweet 35 tweet 19 tweet 84

pervenuto tweet

ricevuti dai tweet contenenti l’hashtag #ColdWater

Tabella 13. Retweet suddivisi per argomento

In questo caso, la differenza tra tweet retwittati e non si riduce

notevolmente, con 861 tweet retwittati contro 2071 che non hanno ricevuto

ottenuto più “Preferiti” rispetto all’altro

retweet (ma che sicuramente hanno

hashtag). Ad essere maggiormente ricondivisi sono i contenuti che

riguardano Justin Bieber e quello che lui significa per i suoi fan, con un 33%

di tweet che ricevono da 1 a 10 RT (ma la percentuale risulta superiore

anche nei tweet con un numero maggiore di RT). Le altre categorie

raggiungono percentuali pressoché pari tra loro.

Volendo paragonare l’attività delle due fandom, possiamo quindi

affermare che per ogni retweet su House of Cards, ci sono almeno 6 tweet

56

che non ne ricevono. Per ogni retweet su Justin Bieber, invece, “solo” 2,4

tweet non ottengono tale “riconoscimento”. Inoltre, mentre la fandom di

House of Cards condivide maggiormente tweet in cui i fan parlano di sé

stessi con riferimento alla serie, la fandom di Justin Bieber tende a

ripubblicare pensieri di altri fan riguardanti il cantante. Inoltre è impossibile

non notare come i pochi tweet su House of Cards che vengono ricondivisi

non risultino mai ottenere più di 10 RT, mentre tra i tweet riguardanti Cold

Water, sebbene la maggioranza resti nella fascia 1-10, troviamo anche tweet

con un numero considerevole di retweet.

I risultati del coding successivo, volto a rilevare quanti e quali utenti

sono stati mezionati, e rispetto a quali argomenti sono stati sollecitati a

Per l’hashtag #HouseOfCards:

conversare, sono invece i seguenti.

Mention Contenuto Persone Fan Fandom Totale

Nessuna 110 tweet 15 tweet 59 5 tweet 189

tweet tweet

72% 60% 22%

63%

Account 2 tweet 1 tweet 1 tweet - 4

ufficiale della tweet

1% 4% 1% -

serie

Altri fan 2 tweet 1 tweet 1 tweet 4 tweet 8

tweet

1% 4% 1% 17% 57

Account 1 tweet - - - 1

dedicati alla tweet

1% - - -

serie

Media/ 28 tweet 3 tweet 20 5 tweet 56

tweet tweet

Marketing 18% 12% 22%

21%

Nessuna 1 tweet - - 5 tweet 6

mention, ma si tweet

1% - - 22%

rivolge alla

fandom

Nessuna 7 tweet 4 tweet 8 tweet - 19

mention, ma si tweet

5% 16% 9% -

rivolge a

attori/produttori

ecc.

Tweet di 1 tweet 1 tweet 5 tweet 4 tweet 11

risposta tweet

1% 4% 5% 17%

Tabella 14. Risultati del coding relativo alle mention contenute nei tweet su

House Of Cards

I tweet, per la maggior parte, non contengono mention di nessun

genere, tranne forse quelli della categoria Fandom, in cui la percentuale di

tweet privi di mention è pari a quella in cui vengono menzionati gli account

ufficiali di Sky e della serie, ma, sorprendentemente, anche a quella dei

58

tweet in cui, pur senza rivolgersi a qualcuno in particolare, gli utenti parlano

al plurale ponendo domande e riflessioni agli altri fan. A ricevere la maggior

parte delle mention sono tuttavia gli account ufficiali dei media che

producono e distribuiscono il prodotto, menzionati su qualsiasi argomento.

Discreta appare quindi la percentuale di tweet in cui si menzionano altri fan

e quella dei tweet di risposta, se paragonate alla totale assenza di menzioni

per l’account ufficiale di attori e professionisti coinvolti, citati poco e senza

mai ricorrere all’uso dei loro account personali.

Ecco invece i risultati per quanto concerne i tweet contenenti

l'hashtag #ColdWater:

Mention Contenuto Persone Fan Fandom Totale

Nessuna 583 tweet 230 tweet 604 tweet 7 tweet 1424

tweet

78% 53% 59% 1%

Account 45 tweet 89 tweet 70 tweet 28 tweet 232

ufficiale tweet

6% 21% 7% 3%

dell'artista

Altri fan 6 tweet 7 tweet 11 tweet 245 tweet 278

tweet

1% 2% 1% 30%

Account 14 tweet 4 tweet 22 tweet 32 tweet 72

dedicati al tweet

2% 1% 2% 4%

cantante 59

Media/ - - 8 tweet 35 tweet 43

tweet

Marketing - - 1% 4%

Nessuna 84 tweet 43 tweet 245 tweet 415 tweet 566

mention, ma tweet

11% 10% 24% 51%

si rivolge alla

fandom

Nessuna 5 tweet 52 tweet 49 tweet 39 tweet 145

mention, ma tweet

1% 12% 5% 5%

si rivolge al

cantante

Tweet di 7 tweet 5 tweet 7 tweet 18 tweet 37

risposta tweet

1% 1% 1% 2%

Tabella 15. Risultati del coding relativo alle mention contenute nei tweet su

Cold Water

Anche in questo caso, i tweet con più mention risultano fare

riferimento alla fandom e alle sue pratiche, ma con percentuali ben più

significative. Solo l’1% dei tweet riguardanti la dimensione sociale del

fenomeno non contengono mention: più della metà di tale gruppo di tweet è

rivolta all’intera fandom, accanto ad un 30% in cui gli utenti invitano

concretamente altri specifici fan a conversare sull’argomento. Uscendo dalla

categoria Fandom, osserviamo come Justin Bieber (@justinbieber su

Twitter) venga menzionato nel 21% dei tweet in cui i fan parlano di lui e dei

loro sentimenti per lui, pur sapendo che, scrivendo in italiano, è del tutto

60

impossibile che l’artista, anche leggendo i loro tweet, possa comprendere

quanto viene scritto. Si precisa, inoltre, che molto probabilmente il numero

di mention di Bieber sarebbe risultato ben più alto se avessimo potuto

rilevare i tweet in inglese inviati dai Beliebers italiani, ma, come già

accennato sopra, essendo la raccolta effettuata per lingua e non per area

geografica, non è stato possibile recuperarli.

Il comportamento delle due fandom risulta quindi profondamente

diverso da quanto sembrasse inizialmente. Non solo la percentuale generale

di mention è più alta nei tweet su Cold Water, ma in essi si riscontra un vero

e proprio tentativo di aprire una conversazione con altri fan quanto con il

loro idolo, cosa che la fandom di House Of Cards cerca invece di fare con

gli account ufficiali di Sky. Elemento interessante è anche la totale assenza,

nella fandom di House of Cards, di account a tema sulla serie tv gestiti dai

fan, risultato che sembra connesso alla totale assenza di creatività riscontrata

nei coding precedenti, relativi alle pratiche più diffuse tra le due fandom,

agli user generated content e agli altri contenuti visuali.

3.4.2 Interviste

Già dall’indagine sulla prima dimensione, relativa al tipo di

relazione che i fan hanno con i prodotti mediali su cui si focalizza la ricerca,

appare evidente la differenza tra le due fandom. Le risposte sono inoltre

pressoché speculari tra fan dello stesso contenuto: i fan della serie tv

affermano di seguire una dieta mediale ricca di altri contenuti dello stesso

genere, cioè molte serie tv, tra cui in nessuno dei casi House Of Cards

risulta essere quella a cui sono più affezionati. Al contrario, i fan di Justin

Bieber sostengono di ascoltare molti altri cantanti e di seguirli anche oltre

l’ambito artistico, ma in quasi tutti i casi il legame con Justin Bieber risulta

61

essere più stretto che con gli altri.

Per quanto concerne invece la dimensione comunitaria, i fan di

House Of Cards sembrano non ritenere che esista una vera e propria fandom

della serie, essendo essa rivolta ad un target più in là con gli anni rispetto

alle altre serie tv. Essa si presterebbe quindi meno alla dimensione social,

anche a causa della presenza di “linguaggi tecnici” che renderebbero il

prodotto non proprio adatto a tutti. Uno degli intervistati ha inoltre

esplicitato una tendenza (percepibile anche dalle testimonianze degli altri

fan) a prendere le distanze dall’idea di fandom, considerato come il frutto di

un attaccamento eccessivo ad “un qualcosa che, pur essendo artistico,

rimane un prodotto”. Pur sentendosi costretto a non poter condividere la

quantità di contenuti che vorrebbe, a causa di uno scarso numero di

conoscenti che seguono House Of Cards e che potrebbero quindi

comprenderli, lo stesso intervistato ha dichiarato di aver spesso consigliato

la serie ad altri. I fan di Justin Bieber hanno invece fornito risposte più

eterogenee. Uno solo degli intervistati non possiede un account Twitter, ma

condivide su Facebook canzoni e foto del cantante, non di rado

difendendolo dai commenti negativi che riceve. Pur non vivendo quindi la

fandom online al pieno delle possibilità, frequenta e cerca di incontrare

quanti più fan possibili per condividere offline la propria passione. Discorso

diverso per le altre due fan intervistate, che partecipano più o meno

attivamente agli hashtag su Twitter, proponendo opinioni, aspettando e

promuovendo i contenuti in modo collettivo, in quello che entrambe

definiscono un “rituale”. Le relazioni online sembrano quindi caratterizzate

da un investimento emotivo pari a quello delle relazioni offline, che non

sostituite, bensì ricercate all’interno delle fandom stesse.

vengono tuttavia

Una fan racconta infatti di aver partecipato a incontri tra fan offline, essendo

più facile per lei raggiungere città popolose in cui la concentrazione di

62

Beliebers è più alta rispetto alle città di provenienza degli altri intervistati.

Il rapporto con l’opinione pubblica e gli altri media risulta

nettamente opposto tra le due fandom. Mentre i fan di House Of Cards

dichiarano di non aver mai notato giudizi negativi tali da sentirsi infastiditi,

tutti i Beliebers affermano di aver subito critiche per i contenuti pubblicati

su Facebook relativi al cantante: ciò li spinge più o meno coscientemente a

evitare di consigliare l’ascolto del materiale artistico del cantante, senza

tuttavia rinunciare alla condivisione online, anche su spazi come Facebook,

che, come anticipato in precedenza, sembra essere un luogo di

conformismo.

Anche la dimensione commerciale risulta non essere minimamente

considerata dai fan della serie tv, che dichiarano di non aver mai neanche

effettuato ricerche sul merchandising esistente, né di essere “abbastanza fan

di questa serie” da acquistare cofanetti di dvd delle varie stagioni. Tale

comportamento sembra dovuto alla mancata promozione di oggetti da

che “chiaramente si rivolgono a un target

collezione da parte dei produttori,

diverso, che dubitano possa acquistare il merchandasing”. Essi ritengono

fondamentale esprimere il proprio essere fan di qualche serie per farsi

conoscere almeno in parte attraverso i propri gusti, ma lo fanno

concretamente solo attraverso la condivisione online dei contenuti. I fan di

Justin Bieber, pur essendo più tendenti alla condivisione sul web, ritengono

fondamentale anche la dimensione materiale. La maggior parte degli

intervistati dichiara infatti di aver acquistato una copia fisica di tutti gli

album pubblicati dal cantante, comportamento d’acquisto che affermano di

riservare solo agli artisti più amati e, in un caso, a nessun altro. I Beliebers

sostengono inoltre di possedere altro materiale, tra cui poster, magliette,

dvd, tazze, sebbene in alcuni casi si tratti di regali ricevuti, e, a volte, di

oggetti che difficilmente avrebbero acquistato da soli. Tutti i fan sostengono

63

inoltre di aver conservato i biglietti dei concerti a cui hanno assistito ed altri

oggetti di vario tipo di cui sono entrati in possesso quel giorno (scontrini,

altri biglietti, materiale relativo alle fan action).

Nessun fan di House Of Cards si definisce un particolare estimatore

che “finiscono per snaturare il

di fanfiction, fanvideo e gli altri materiali

lavoro originale” e sono quindi considerati dannosi per la serie. In un caso,

l’interesse per i materiali prodotti dai fan è limitato a quelli caratterizzati da

un tono umoristico (meme e brevi fan video). Nessuno di loro ha mai

prodotto alcun contenuto. Una situazione ancora una volta diversa emerge

dal comportamento dei fan di Justin Bieber, che apprezzano più o meno

alcuni contenuti generati dagli utenti (molto più quelli visuali che quelli

testuali), e in un paio di casi hanno creato immagini o realizzato cover dei

brani del cantante.

Nell’ultima dimensione analizzata, legata al rapporto che intercorre

tra fandom e prodotto/professionisti coinvolti e tra questi ultimi e i singoli

fan, gli intervistati fan della serie tv ritengono di non sentirsi in alcun modo

legati a tali figure. Solo in un caso si registra una discreta ammirazione per

il lavoro di Kevin Spacey in quanto attore, ma ciò non si traduce neanche in

l’artista

un follow su Twitter. Al contrario, i fan di Justin Bieber definiscono

come “uno tra quelli che hanno maggiore considerazione per la propria

fandom”, non solo nella scelta, ad esempio, dei brani con cui esibirsi o di

cui realizzare il videoclip, ma anche nella dimensione quotidiana e

personale della sua storia. I fan si sentono individualmente coinvolti in un

rapporto di affetto, date le numerose occasioni in cui l’artista si è soffermato

a condividere il suo tempo con i fan quando ne ha avuto l’opportunità,

magari anche dopo una giornata in studio di registrazione. Essi si sentono

ispirati dal loro idolo: non incitati ad imitarlo, bensì esortati da lui a trovare

la propria strada, a credere in sé stessi e ad essere positivi. Ciò avviene non

64

solo attraverso il costante dialogo che il cantante realizza con i propri fan sui

social media, ma anche tramite la musica stessa, ricca di riferimenti alla sua

esperienza di vita, di cui i fan sono tenuti a conoscenza e che, pertanto,

possono facilmente identificare. I Beliebers si considerano parte di

un’esperienza estetica quanto emotiva, condivisa con altre persone in

qualche modo simili a loro, e che si modifica nelle pratiche concrete con il

passare degli anni, ma senza per questo perdere la sua intensità. Al

contrario, col tempo, la devozione per il proprio idolo evolve in un

confronto tra la sua storia di vita e la propria, caratterizzato da ispirazione e

condivisione quanto da critica e distanziamento.

Andiamo quindi a concludere questa tesi con due citazioni che

certamente riassumono al meglio i risultati di questa ricerca. Se i fan di

sostengono che la serie “non mi ha particolarmente

House of Cards

influenzato poiché tratta argomenti di cui ero già interessato, ma mi

consente di approfondirli in un contesto leggero e di sfogo”, i Beliebers

diventati fan di Justin come qualcosa che “ha

considerano il loro essere

decisamente cambiato in meglio la mia persona. Lo penso come un

momento che segna un prima e un dopo nella mia vita”. 65

4. Considerazioni conclusive

Nella parte conclusiva della tesi, riprendendo i presupposti teorici

con cui essa è iniziata, si cercherà di comprendere se la ricerca rappresenta

un valore aggiunto ai certamente più importanti contributi che i vari studiosi

citati hanno apportato ai fan studies e, di conseguenza, all’intero mondo dei

fan. Seguendo le orme di Henry Jenkins e degli altri Aca-Fan, si è cercato

di sfruttare il proprio vissuto come fan per soffermarsi sugli aspetti ritenuti

più utili per descrivere le fandom, nonché gli elementi attraverso i quali i

fan vorrebbero che la loro esperienza venisse osservata e valutata.

Per quanto riguarda la distinzione tra fan e pubblico, l’analisi dei

contenuti condivisi sui social media ha offerto un’importante prova di come

esistano, in particolare nella fandom di House Of Cards, fan che

preferiscono ignorare del tutto la dimensione comunitaria e restano quindi

volontariamente “pubblico”. Vi sono tuttavia anche eventi mediali come

l’uscita di Cold Water, capaci di attivare la fandom, intesa nel pieno del suo

significato, distinguibile quindi da quegli utenti che pur partecipando

all’evento, risultano essere maggiormente affezionati ad altri contenuti e/ o

appartenenti ad altre fandom, e rappresentano quindi il “pubblico” del

contenuto preso in esame.

Ciò che accomuna fandom e pubblico e che spinge entrambi a creare

legami “bridging” (con fan di altri contenuti) oltre che “bonding” (con i

membri della stessa fandom) è, in questo caso, non il contenuto mediale in

particolare, ma la passione per la cultura pop, che risulta chiaramente essere

il principale motivo della loro presenza online. Essa li rende quindi quasi

sempre fan di più artisti, serie, sport, ecc., smentendo l’opinione comune

secondo cui essere particolarmente fan di un contenuto pregiudica il capitale

66


PAGINE

70

PESO

936.87 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE TESI

Lo studio si apre con un capitolo introduttivo sull'evoluzione storica del concetto di fandom e sulle differenze emerse tra le due tipologie osservate: il fandom di serie tv e quello legato ad un cantante o gruppo di musicisti.
Nei capitoli successivi prenderà corpo la ricerca che compara le due categorie di fan attraverso un particolare caso di studio: ad essere esaminati saranno il fandom della serie tv americana House Of Cards e quello del cantautore e musicista Justin Bieber. Ci si propone quindi di osservare il livello di coinvolgimento nel fenomeno mediale, quali elementi del contenuto e dell’esperienza dei fan si rivelano essere più o meno rilevanti, e quali linguaggi le fandom utilizzano per esprimersi. Per quanto concerne l’espressione delle fandom online, si è scelto di analizzarne quantitativamente la loro attività in occasione della messa in onda delle puntate 42 e 43 della serie tv americana prodotta da Netflix, House of Cards, e dell'uscita del singolo Cold Water di Justin Bieber in collaborazione con la cantautrice danese MØ e con Major Lazer (progetto di musica dancehall elettronica del cantante, dj e produttore americano Diplo). Una prima codifica dei dati permetterà di catalogare i tweet raccolti con i relativi hashtag per distinguere l’argomento in essi trattato, per poi individuare quali linguaggi i fan utilizzino per raccontare sé stessi e i contenuti di cui fruiscono, rilevando, tramite il tool CloudExplorer offerto da DiscoverText, le 150 parole più ricorrenti nei due insiemi di tweet. Si è poi cercato di osservare se e come le due fandom si esprimano online utilizzando contenuti visuali, rilevando la presenza di immagini, gif, video ed altri user generated content. Prima di abbandonare l'ambito visuale, si è cercato di quantificare l’importanza che l’appartenenza alla fandom ha nella costruzione della propria identità online, focalizzando l’attenzione sugli elementi che il social network offre per presentare sé stessi (nickname, icon e nome utente). Un ulteriore coding di alcuni gruppi di tweet ha permesso di individuare quali sono le vere e proprie pratiche a cui le due fandom si dedicano, e osservarne le differenze. Si è infine cercato di offrire una misurazione delle dinamiche sociali generate dall’evento, in due modi. Innanzitutto, attraverso un’ulteriore analisi dei tweet, ora separati in base ai retweet ricevuti. Successivamente, ad essere osservate saranno le mention, tramite un coding volto a rilevare quanti e quali utenti sono stati menzionati nella discussione a proposito degli eventi mediali esaminati.
Nella parte qualitativa della ricerca, poi, si cercherà di verificare se sul piano individuale si riscontra la presenza degli stessi interessi, motivazioni e sentimenti che spingono i fan a collaborare collettivamente online. Ovvero, si tenterà di completare il quadro generale ottenuto dalla ricerca quantitativa, “tracciando” i percorsi di alcuni fan per svelare i presupposti che precedono il loro esprimersi online, ma che, essendo tali pratiche ormai quotidiane, restano spesso sottintesi. Al fine di osservare quanto determinante sia il ruolo che l’essere fan gioca nella sfera personale dei singoli fan, si è scelto di realizzare delle interviste in profondità, arricchendo quindi la prima parte quantitativa con una seconda di stampo etnografico. Lasciando liberi gli intervistati di esprimersi per il tempo che desideravano sugli aspetti che ritenevano più o meno interessanti della loro esperienza, si è cercato di rilevare opinioni e sentimenti relativi agli aspetti che i risultati della ricerca quantitativa hanno mostrato essere irrinunciabili per quanto concerne l'essere fan. Seguendo l’esempio di Matt Hills e degli altri studiosi che hanno realizzato un’autoetnografia per osservare la loro esperienza di fan, ho inoltre condotto un’analisi di stampo etnografico su me stessa in quanto fan.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in Informazione, media e pubblicità
SSD:
Università: Carlo Bo - Uniurb
A.A.: 2018-2019

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher mariachiara.montebello di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Internet Studies e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Carlo Bo - Uniurb o del prof Boccia Artieri Giovanni.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Corso di laurea in informazione, media e pubblicità

Riassunto esame Sociologia dei processi formativi, prof. Manattini, libro consigliato Il dramma del bambino dotato, Miller
Appunto
Riassunto  esame Sociologia dei processi formativi, prof. Manattini, libro consigliato L'eclissi della cultura, Manattini, Stauder
Appunto
Riassunto esame Sociologia del benessere, prof. Matteucci, libro consigliato Comunicare la salute e promuovere il benessere, Matteucci
Appunto
Riassunto esame Sociologia del tempo libero, prof. Russo, libro consigliato L'utopia del tempo libero, Mothé
Appunto