Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Il tessuto necrotico viene aggredito sia dai batteri saprofiti che normalmente si trovano sulla superficie

cutanea, sia dai batteri patogeni, provocando gravi setticemie e infezioni nosocomiali.

Inoltre, a causa della perdita di una certa quantità di tessuto cutaneo si ha anche una < dell’apporto

energetico e malassorbimento intestinale, per cui bisogna ripristinare l’apporto di energia mediante

nutrizione per via parenterale, evitando la fase catabolica con perdita delle masse muscolari (cachessia) ad

alto rischio di mortalità.

L’insufficienza renale si deve all’ipovolemia con deficit dell’apporto di sangue ai reni fino all’anuria.

Per determinare la quantità di liquidi da reinfondere al pz si usa la formula di Parcland, cioè:

(peso del pz × % di ustione) × 4

infondendo la prima metà nelle prime 8 h e l’altra metà nelle successive 16 h.

Il tampone cutaneo delle zone necrotiche, la biopsia dei tessuti più profondi e l’emocoltura con

antibiogramma consentono di valutare la presenza di infezioni e di ricorrere ad una terapia antibiotica

adeguata, controllando anche i cateteri vescicali e venosi che rappresentano una facile via di ingresso per i

batteri.

La Terapia del pz ustionato deve essere tempestiva:

 togliere i vestiti bruciati e raffreddare le parti interessate con acqua fresca (evitare ghiaccio e olio che

possono aggravare la situazione).

 nelle ustioni da folgorazione spesso è necessaria la rianimazione cardio-respiratoria a causa dell’arresto

cardiaco e alterazione della mucosa respiratoria.

 nella fase di shock ipovolemico si applica un catetere vescicale e venoso centrale o periferico in modo da

monitorare le perdite e stabilire la quantità di liquidi da infondere al pz.

 profilassi antitetanica.

 monitoraggio ematico.

 medicazioni antibatteriche, specie nelle ustioni più profonde.

 chiudere la lesione mediante degli innesti per 2 settimane per favorire la riepitelizzazione.

Grazie alla tempestività dell’intervento e alle terapie il rischio di mortalità o di evoluzione verso la fase

cronica è notevolmente < negli ultimi anni.

Nei rari casi di fase cronica si eliminano i detriti necrotici meccanicamente, cioè strofinando una garza

nell’area interessata, e chimicamente mediante tensioattivi (ammonio quaternario) o pomate a base di enzimi

litici (collagenasi). Segue la terapia antisettica con battericidi e batteriostatici, e la medicazione occlusiva

con garza vasellinata per evitare le aderenze tra garza e tessuto, facilitandone il distacco.

Nella fase tossinfettiva si ricorre all’intervento di escarectomia (rimozione chirurgica dell’escara) tra la 5^ e

7^ giornata, dopo aver ripristinato la volemia, per evitare il riassorbimento di sostanze tossiche e le infezioni

batteriche: l’escarectomia può essere totale in caso di area necrotica ≤ 20% (si asporta l’area necrotica e si

copre con un innesto cutaneo prelevato da una zona sana), oppure parziale o a tappe quando l’area necrotica

è > 20% poichè il pz non presenta zone cutanee sane sufficienti per ricavare gli innesti, per cui si asporta


PAGINE

3

PESO

15.07 KB

AUTORE

Mariask

PUBBLICATO

5 mesi fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in odontoiatria e protesi dentaria (5 anni)
SSD:
Università: L'Aquila - Univaq
A.A.: 2018-2019

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Mariask di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Chirurgia plastica e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università L'Aquila - Univaq o del prof Giuliani Maurizio.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!