Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

TRAUMI CRANICI

prima causa di morte e di invalidità nell'età infantile e giovane adulta (tra 1 e 45 anni):

12.000 – 15.000 morti all'anno in Italia per trauma cranico (circa 25 su 100.000 all'anno)

e altrettanti rimangono gravemente invalidi.

Circa il 60% si verificano in seguito a incidenti stradali;

seguono, come cause, gli incidenti sul lavoro e poi quelli sportivi.

Trauma cranico è un termine ambiguo che è usato sia per identificare una minima concussione sia una lesione grave che

porta a morte. Questa ambiguità però nasce dal fatto che alcuni pazienti (quelli con ematoma extradurale ad esempio)

all'inizio possono apparire del tutto normali e poi peggiorare improvvisamente e morire a 12-24 hh di distanza dal

trauma --------------> Ippocrate (traduzione latina): nullum capitis vulnus est contemnendum.

VALUTAZIONE del PAZIENTE TRAUMATIZZATO:

1- GLASGOW COMA SCALE

2-

a) TC

( indicazioni alla TC: amnesia post-traumatica durata oltre 10 minuti

sonnolenza, disturbi della coscienza

nausea o vomito persistenti

presenza di segni neurologici di lato all'e.o.n.

Fratture craniche (se della teca, rischio di ematoma extradurale)

rinoliquorrea (frattura della base cranica anteriore ----> lacerazione della dura ---> fistola in un seno paranasale:

rischio di meningite per via esterna)

.

pazienti intubati in cui è difficile fare l'esame neurologico

b) se GCS 13-15 e nessuna lesione associata, il paziente va comunque tenuto sotto osservazione per 4 hh prima di

essere dimesso. Lesioni Associate al Trauma Cranico:

Fratture craniche (lineari, avallate)

Contusione Cerebrale

Ematomi (extradurale, sottodurale, intracerebrale)

Danno assonale diffuso

FRATTURE CRANICHE:

Le fratture craniche lineari non si trattano, però comunque sono un'indicazione a eseguire la TC per controllare se vi

siano ematomi.

Invece le fratture craniche avallate consistono nella frantumazione dell'osso in tanti piccoli pezzettini che interrompono

la continuità della dura madre sottostante. Le fratture avallate richiedono il trattamento chirurgico, per 2 motivi:

1- pericolo di infezione per ingresso di germi dall'esterno

2- lesione della corteccia cerebrale sottostante ----> potenziali focolai di crisi epilettiche.

L'intervento per la riparazione della fratture craniche avallate consiste nella ricomposizione dei frammenti fissati con

placchette di titanio oppure, se i frammenti sono troppo piccoli, nella ricostruzione con plastiche.

EMATOMA EXTRADURALE:

++ in pz giovani

Causa: frattura della teca cranica -----------> lacerazione di un'arteria meningea (++ l'a. meningea media) ---->

ematoma che scolla la dura madre dalla teca.

Nel giro di 12-24 hh causa ipertensione endocranica e morte, quindi deve essere sospettato ogniqualvolta c'è una

frattura della teca, diagnosticato con una TC ed operato d'urgenza.


ACQUISTATO

1 volte

PAGINE

3

PESO

83.85 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Esame: Neurologia
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in medicina e chirurgia (a ciclo unico - durata 6 anni)
SSD:
Università: Firenze - Unifi
A.A.: 2013-2014

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher valeria0186 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Neurologia e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Firenze - Unifi o del prof Sorbi Sandro.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Neurologia

Demenze frontotemporali
Appunto
Vie motorie
Appunto
Tronco encefalico
Appunto
Clinica del coma
Appunto