Che materia stai cercando?

Tessuto ghiandolare

Questo è un file con appunti completi ed esaustivi sul tessuto ghiandolare. All'università prendo appunti con il pc e sono molto veloce, quindi garantisco sulla loro completezza. Appunti basati su appunti personali del publisher presi alle lezioni del prof. Nistri.

Esame di Citologia e istologia docente Prof. S. Nistri

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Qui è molto sviluppato il reticolo endoplasmatico rugoso, e ci saranno molti ribosomi,

per cui una basofilia citoplasmatica. Ci sarà dunque un'eucromatina, una cromatina

lassa, facilmente accessibile agli enzimi per la trascrizione. Ci sarà un nucleolo ben

evidente, perchè è lì che avviene la sintesi dell'RNA ribosomiale;

- la ghiandola si dice mucosa quando il secreto è di origine mucosa. Come detto, il

muco è una glicoproteina, quindi una proteina con residui zuccherini. In questo caso,

l'organolo più sviluppato è l'apparato del Golgi, dove avviene la fase intermedia e

finale della glicossidazione;

- ci sono poi delle ghiandole che hanno un secreto di natura mista, sierosa più mucosa;

il secreto che uscirà da queste ghiandole conterrà dunque sia proteine, sia

glicoproteine. La secrezione mista può avvenire per due modalità diverse:

1. E' possibile che all'interno della stessa ghiandola ci siano adenomeri di tipo sieroso

e adenomeri di tipo mucoso, ognuno dei quali rilascia il proprio contenuto nel proprio

dotto escretore; il contenuto, tuttavia, esce da un unico dotto escretore finale, quindi

alla fine si mescola;

2. E' possibile che all'interno delle ghiandole esistano degli adenomeri misti, composti

cioè sia da una parte sierosa, sia da una parte mucosa, quindi adenomeri costituiti da

due tipi cellulari diversi, uno che produce proteine, l'altro glicoproteine. Nel lume

dell'adenomero stesso, il secreto è misto.

La componente sierosa di solito si trova nella parte più distale, più profonda

dell'adenomero, e ha una forma a semiluna, che si chiama semiluna del Giannuzzi. Si

avrà una ghiandola mista quando il secreto sieroso e quello mucoso fuoriescono dai

dotti escretori uniti all'adenomero e confluisce nel dotto escretore principale. In questo

caso, invece, è l'adenomero stesso ad essere misto, quindi nel lume troviamo già il

secreto misto, quando esce è già misto;

- si può avere anche un secreto di natura mista, fatto da trigliceridi di ghiandole

sebacee. Sappiamo che per formare il colesterolo, il precursore delle molecole dei

lipidi, sono importanti i mitocondri e il reticolo endoplasmatico liscio;

- si può avere un secreto di natura glicoelettrolitica. La proteina di membrana non si

vede al microscopio, ma si può capire che la natura del secreto è glicoelettrolitica

perchè nella vicinanza della membrana ci sono tanti mitocondri. Questo perchè il

trasporto delle permeasi è un trasporto attivo, serve energia, e dunque servono anche

i mitocondri. In queste cellule, dunque, ci saranno tanti mitocondri.

L'ultimo criterio di classificazione delle ghiandole tiene conto della modalità attraverso

la quale il secreto viene rilasciato dalla cellula.

- se il secreto viene rilasciato per esocitosi, si dice che la ghiandola è a secrezione

merocrina;

- se il secreto viene rilasciato per gemmazione, la secrezione viene definita di tipo

apocrino (l'esempio è la ghiandola mammaria durante l'allattamento). Nella

gemmazione viene persa parte della membrana della cellula;

- tipica della ghiandola sebacea è invece la secrezione olocrina: la cellula si riempie di

secreto all'interno del citoplasma (in questo caso di natura lipidica), va incontro ad

apoptosi, si stacca dalla ghiandola sebacea e viene riversata all'esterno (sebo).

Questa è una ghiandola particolare: se la cellula ricostruisce la ghiandola e viene

nuovamente trasformata nel secreto, la ghiandola dopo un po' di tempo si

esaurirebbe. Ciò non avviene perchè questa ghiandola ha un compartimento stagnale.

Al suo interno ci sono cellule che vanno incontro a mitosi: una cellula rimane nel

compartimento stagnale, l'altra comincia quel percorso che la porta ad accumulare

secreto, andare incontro ad apoptosi e diventare essa stessa secreto. Per una cellula

che va via, dunque, se n'è riformata un'altra: la ghiandola quindi viene mantenuta.

- si dice che la ghiandola ha una secrezione eccrina quando utilizza le permeasi di

membrana per portare all'esterno il secreto. Questo tipo di modalità è tipica delle

ghiandole a secrezione idroelettrolitica.

Il pancreas esocrino è una ghiandola acinosa composta a secrezione sierosa.

Epitelio ghiandolare endocrino

L'epitelio ghiandolare endocrino è costituito da cellule che rilasciano l'ormone nel

torrente circolatorio. IIn questo caso, troviamo un epitelio di rivestimento col

sottostante mesenchima. Anche qui si forma il cordoncino, ma qui, nel caso in cui si

forma la ghiandola endocrina, ad un certo punto la connessione con l'epitelio di

rivestimento si perde. Le cellule che erano responsabili della connessione vanno in

apoptosi, per cui rimane soltanto la porzione distale del cordoncino epiteliale. Tale

porzione andrà a costituire il parenchima della ghiandola endocrina, cioè la sua

componente secernente epiteliale.

Intorno a questo gettone di cellule epiteliali troviamo il mesenchima, tessuto

connettivo embrionale, con i vasi. I vasi penetrano all'interno del cordoncino, ed è da

questi vasi che verrà riversato l'ormone.

Una ghiandola endocrina dunque è costituita dal parenchima, componente secernente

di natura epiteliale, e dallo stroma, componente connettivale all'interno della quale

decorrono i vasi sanguigni, all'interno dei quali il parenchima riverserà l'ormone.

Gli ormoni

In generale gli ormoni possono avere diversa natura chimica: possono essere di natura

proteica, lipidica, amminica. Possono avere varie cellule bersaglio (cellule che

presentano i recettori per quell'ormone); uno stesso ormone può avere più cellule

bersaglio, e una cellula bersaglio può essere soggetta all'azione di più ormoni, dipende

da quali recettori possiede sulla membrana.

Gli ormoni sono efficaci a basse concentrazioni

Dal punto di vista istologico si conoscono due famiglie di ghiandole: cellule endocrine

isolate e ghiandole endocrine propriamente dette. Queste ultime a sua volta si

dividono in due tipi: la maggior parte di queste sono di tipo cordonale, cioè il

parenchima della ghiandola è costituita da cellule che si organizzano a formare i

cordoni, i quali si intrecciano tra di loro e tra loro si trova un sottile stroma che

contiene i vasi sanguigni, all'interno del quale le cellule rilasciano l'ormone; l'altro tipo,

quello della tiroide, è la ghiandola follicolare, in cui le cellule che producono l'ormone

si organizzano a formare la parete di strutture chiamate follicoli, strutture cave dal

profilo ovoidale. All'interno c'è un lume dove la tiroglobulina viene riversata dalle

cellule.

Queste cellule si trovano spesso nel contesto di altri epiteli, anche esocrini.

A livello gastrico, le cellule endocrine producono la gastrina. Quando arriva il cibo,

questo viene avvertito dalle cellule, per cui viene indotto il rilascio della gastrina.

Nella tiroide ci sono delle cellule chiamate parafollicolari, perchè si trovano in

posizione più esterna al follicolo, chiamate anche cellule C, poichè producono l'ormone

calcitonina, che regola il metabolismo del calcio.

Una ghiandola endocrina propriamente detta, cordonale, è l'ipofisi. E' una ghiandola

che si trova alla base del cranio, composta da due componenti: una componente di

natura epiteliale, chiamata adenoipofisi, parte anteriore, endocrina, che produce gli

ormoni; e poi una componente nervosa, la neuroipofisi, che causa un'attività endocrina

particolare. La funzione della neuroipofisi è strettamente associata ad un'altra

struttura nervosa, l'ipotalamo.

Nell'ipotalamo ci sono delle cellule di natura nervosa che rilasciano degli ormoni che

possono essere dei realising factor o inibiting factor, che vanno ad agire sulla

neuroipofisi: i realising factor sono delle cellule in grado di indurre l'ipofisi a rilasciare

l'ormone che deve produrre; gli inibiting factor vengono invece rilasciati nel momento

in cui c'è un'abbondante quantità di ormone, e quindi la sua produzione dev'essere

bloccata.

L'adenoipofisi è costituita da cordoni fatti da cellule di natura diversa. Tra questi

ormoni importanti sono:

- l'ormone TSH, che va a stimolare la tiroide e la induce a rilasciare gli ormoni tiroidei.

La produzione del TSH e, per estenzione, degli ormoni tiroidei, è regolata

dall'ipotalamo: se la concentrazione di ormoni tiroidei supera nel sangue certi valori

fisiologici, questo viene avvertito dalle cellule dell'ipotalamo, che rilasciano gli inibiting

factor; invece, se la concentrazione è bassa, le cellule dell'ipotalamo rilasciano i

realising factor. E' dunque n meccanismo di regolazione a feedback, positivo o

negativo;

- gli ormoni FSh (follicolo stimolante) e LH (luteinizzante) sono degli ormoni che vanno

ad agire a livello delle gonadi maschili e femminili. L'ormone follicolo stimolante

stimola nella gonade femminile la produzione di follicoli, mentre l'ormone stimolante

stimola l'ovulazione;


PAGINE

8

PESO

25.94 KB

AUTORE

kekkodis

PUBBLICATO

6 mesi fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in fisioterapia (EMPOLI, FIRENZE, PISTOIA)
SSD:
Università: Firenze - Unifi
A.A.: 2018-2019

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher kekkodis di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Citologia e istologia e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Firenze - Unifi o del prof Nistri Silvia.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Citologia e istologia

I tessuti del corpo umano
Appunto
Tessuto cartilagineo
Appunto
Tessuto osseo
Appunto
Il tessuto muscolare
Appunto