Che materia stai cercando?

Tecniche espressive e composizione testi in italiano - retorica ed eloquenza Appunti scolastici Premium

Appunti per l'esame di tecniche espressive e composizione testi in italiano, professor Gianmarco Gaspari, cdl in scienze della comunicazione. Gli argomenti trattati sono la retorica, il linguaggio, le figure retoriche, l'eloquenza, lo stile e le tecniche di scrittura

Esame di Tecniche espressive e composizioni docente Prof. G. Gaspari

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

LA RETORICA

Il linguaggio serve per trasmettere ad altri il nostro pensiero ossia per comunicare. Ma il contenuto dei nostri

pensieri può essere assai vario. Talvolta ci proponiamo di trasmettere un’informazione obiettiva: tipico da

questo punto di vista è il discorso scientifico, che è fondato su cifre ed elementi tratti dall’osservazione della

realtà e che viene spesso formulato in maniera secca e stringata. Naturalmente lo scienziato quando scrive si

prefigge di convincere gli altri della verità delle proprie asserzioni; ma per fare ciò si affida interamente alla

forza persuasiva delle proprie argomentazioni, alla loro coerenza interna. Un teorema matematico riesce

convincente quando può essere dimostrato vero in se stesso; analogamente il rendiconto di un lavoro

tecnico-applicativo (per esempio no studio sull’inquinamento ambientale), riesce convincente quando i dati

forniti appaiono veritieri e soprattutto controllabili, in maniera che chiunque altro possa ripetere le analisi per

verificare i risultati.

Ci sono però molte altre situazioni in cui gli elementi che ci si propone di trasmettere non sono altrettanto

obiettivi, ma rispecchiano piuttosto una nostra opinione. Questo accade per esempio nel discorso politico,

che si fonda sull’intento di persuadere gli altri, e spingerli ad accogliere la nostra ideologia, cioè il nostro

modo di vedere le cose. In maniera ancor più vistosa ciò si verifica nel discorso pubblicitario, in cui

addirittura non si presume neppure che colui che produce il messaggio sia sincero. Può darsi che il

pubblicitario cui viene affidato il compito di reclamizzare un dato detersivo sappia per certo che quel

prodotto non è affatto raccomandabile: tuttavia, il suo mestiere, gli impone di far tutto perché la gente si

senta spinta a comprarlo. Non dobbiamo scandalizzarci di questo, perché nella nostra società industriale è

normale che sia così; del resto basta esserne coscienti e non prendere per oro colato tutto quello che ci dice

la pubblicità.

Gli antichi Greci, che per primi si accorsero di questi problemi, hanno coniato un termine speciale per

indicare la tecnica secondo cui vanno confezionati i discorsi aventi per scopo la persuasione degli

altri: l’hanno chiamata RETORICA, che significa all’incirca “arte del dire”.

Originariamente la loro attenzione si era fissata sulla tecnica “oratoria”, ossia sulla tecnica dei discorsi tenuti

in pubblico (per esempio le arringhe degli avvocati), e in quest’ottica avevano debuttato tutta una serie di

norme da rispettarsi per conseguire il migliore risultato possibile. Essi suggerivano un metodo molto preciso

1

per ciò che riguarda la disposizione degli argomenti, lo svolgimento delle argomentazioni, la confutazione

delle tesi avversarie e la conquista delle simpatie degli ascoltatori. Un elemento essenziale per ottenere lo

scopo desiderato consisteva poi nell’uso calcolato e sapiente di vari espedienti, detti FIGURE RETORICHE,

che assolvevano al compito di abbellire il discorso, ornandolo e rendendolo più gradevole. È chiaro infatti che

per ottenere il consenso del destinatario è opportuno fare appello al suo gusto, al suo amore per le cose

belle, proponendogli dei giri di frase che colpiscano la sua fantasia. Ecco allora che già gli antichi si misero a

codificare un’ampia gamma di figure retoriche.

Proprio per questo, col passare del tempo la retorica ha finito per essere associata in maniera privilegiata ai

testi letterari, ossia ai testi che fanno un uso particolarmente vistoso delle figure retoriche. Ma che relazione

esiste tra un’arte del dire, come la retorica, che era nata con l’intento di insegnare le tecniche della

persuasione, ed i testi letterari, che almeno in apparenza non debbono persuadere nessuno?

In effetti anche se un poeta o un romanziere può essersi proposto di propagandare una sua ideologia,

questa in genere non è l’ottica in cui vengono lette le opere letterarie. Eppure sotto sotto, anche i testi

letterari hanno dei fini persuasivi, non fosse altro che il fine di indurre i lettori a leggerli, cioè a trovarvi

appagamento. Lo scrittore realizza i suoi prodotti con l’intento di trasmettere ai suoi lettori un messaggio in

cui crede molto, e che esprime la parte più viva e intima della sua personalità. Logico quindi che tale

messaggio sia affidato a strumenti linguistici profondamente pensati, che nascono attraverso un lungo

travaglio di prove.

Questo non significa però che ogni opera letteraria sia un denso contenitore di metafore, similitudini e via

discorrendo. Anzi, talvolta, glia autori scelgono uno stile secco, privo di compiacimenti, proprio per reazione

all’eccesso di ornamenti retorici che hanno caratterizzato in certe epoche l’arte della scrittura.

In effetti, la retorica, ha subito il destino tipico di tutti i prodotti e le tecniche legate al gusto della gente.

Nata per abbellire i testi, essa ha finito spesso per irrigidirsi in uno sterile elenco di espedienti

preconfezionati, fino a generare un senso di saturazione nei lettori. Anziché funzionare da stimolo alla

fantasia inventiva, essa è insomma ridotta, nei tanti manuali di retorica confezionati nei secoli scorsi, ad

un’arida precettistica che ostacolava la libertà creativa. Così è accaduto che questa parola assumesse

addirittura un significato negativo: quando oggi diciamo che qualcuno “fa della retorica”, intendiamo dire che

parla a vuoto, che non dice nulla di concreto. Non dobbiamo tuttavia lasciarci condizionare da questi modi di

1 Confutazione = smentita, critica, dimostrazione di falsità.


PAGINE

2

PESO

75.23 KB

AUTORE

Menzo

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze della comunicazione
SSD:
A.A.: 2013-2014

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Menzo di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Tecniche espressive e composizioni e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Insubria Como Varese - Uninsubria o del prof Gaspari Gianmarco.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Tecniche espressive e composizioni

Tecniche espressive e composizione testi in italiano - dizionario figure retoriche
Appunto
Riassunto esame Tecniche Espressive e Composizioni, prof. Gaspari, libro consigliato Imparare a Scrivere, Cicalese
Appunto
Riassunto esame Tecniche Espressive e Composizioni, prof. Gaspari, libro consigliato Storia Materiale della Scienza: Dal Libro al Laboratorio, Beretta
Appunto
Tecniche espressive - sunto, prof. Bonvecchio
Appunto