Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Per  descrivere  i  dati  categorici  sono  comunemente  usati  i  diagrammi  a  barre  e  a  torta.  

-­‐ Diagramma   a   barre:   se   il   nostro   scopo   è   quello   di   attirare   l’attenzione   sulla   frequenza   di   ogni   categoria.   L’altezza   di   ogni  

rettangolo  rappresenta  la  frequenza;  

-­‐ Diagramma  a  torta:  se  il  nostro  scopo  è  quello  di  sottolineare  la  proporzione  di  ciascuna  categoria.    

Entrambi   i   grafici   permettono   un   confronto   visivo   tra   i   totali   e   le   singolo   componenti.   Se   vogliamo   focalizzare   l’attenzione   sulla  

proporzione   delle   frequenze   in   ogni   categoria   è   consigliabile   un   diagramma   a   torta:   questo   è   costruito   in   modo   che   l’area   di   ciascun  

settore  circolare  sia  proporzionale  alla  frequenza  corrispondente.    

Il   diagramma   di   Pareto   è   un   diagramma   a   barre   che   rappresenta   la   frequenza   delle   cause   di   difettosità.   La   barra   più   a   sinistra  

indica   la   causa   più   frequente   e   le   barre   più   a   destra   indicano   le   cause   con   frequenze   decrescenti.   Il   diagramma   di   Pareto   è   usato   per  

separare  “poche  cause  rilevanti”  dalle  “numerose  cause  insignificanti”.    

  2.3  Rappresentazioni  grafiche  per  descrivere  le  serie  storiche  

Il   grafico   per   serie   storiche   rappresenta   una   serie   di   dati   rilevanti   in   istanti   di   tempo   diversi.   Se   si   considera   l’asse   orizzontale  

come   asse   temporale   e   si   pongono   sull’asse   verticale   le   quantità   numeriche   oggetto   della   misurazione,   si   otterrà   per   ogni  

osservazione  un  punto  sul  piano  cartesiano.  Il  grafico  si  ottiene  congiungendo  i  vari  punti  con  una  spezzata.    

  2.4  Rappresentazioni  grafiche  per  descrivere  le  variabili  numeriche  

Distribuzione  di  frequenza  per  dati  quantitativi.  

Una  distribuzione  di  frequenza  è  una  tabella  che  riassume  i  dati  elencando  le  classi  di  intervallo  nella  colonna  di  sinistra  e  il  numero  di  

osservazioni  in  ogni  classe  nella  colonna  di  destra.    

Le   regole   generali   per   preparare   distribuzioni   di   frequenze   che   rendano   più   semplici   queste   decisioni,   la   sintesi   dei   dati   e   la  

comunicazione  dei  risultati  sono:  

1. Numero   di   classi.   Il   numero   delle   classi   di   intervallo   usate   si   decide   in   modo   #  osservazioni   #  classi  

arbitrario.   Se   selezioniamo   troppe   poche   classi,   determiniamo   una   perdita   di  

informazioni   sulle   caratteristiche   della   distribuzione;   se   selezioniamo   troppe   Meno  di  50   5-­‐7  

classi,   potremmo   scoprire   che   alcune   non   contengono   osservazioni   o   hanno   Da  50  a  100   7-­‐8  

frequenza  molto  bassa,  disperdendo  così  i  valori  e  alterando  la  vera  forma  della   Da  101  a  500   8-­‐10  

distribuzione.    

2. Ampiezza  delle  classi.  L’ampiezza  è  spesso  arrotondata  per  eccesso,  preferibilmente  all’intero  successivo.    


ACQUISTATO

3 volte

PAGINE

11

PESO

11.32 MB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Esame: Statistica
Corso di laurea: Corso di laurea in economia e finanza
SSD:
A.A.: 2015-2016

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher millamalve di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Statistica e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Bocconi - Unibocconi o del prof Scricciolo Catia.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Corso di laurea in economia e finanza

Riassunto esame Management, prof. Salvemini, libro consigliato Management delle istituzioni artistiche e culturali
Appunto
Riassunto esame Storia economica, prof. Podestà, libro consigliato Storia economica d'Europa, Persson e Storia economica del mondo, Cameron, Neal
Appunto
Finanza aziendale - Appunti
Appunto
Microeconomia - Esercizi vari
Esercitazione