Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

ORDINATI: date 2 CICLICI : le

modalità è modalità sono

possibile dare un legate da un

ordine, ordine naturale di

specificando che successione

una precede l’altra

TRASFERIBILI: se ha

senso immaginare

un’unità statistica possa

cedere tutto o parte del

carattere posseduto a

un’altra unità statistica

QUANTITATIVO: se le

modalità sono espresse

in numeri NON TRASFERIBILI: se ha

senso immaginare che una

unità statistica non sia in

grado di trasferire il suo

carattere.

SCALA A INTERVALLI

:non esiste uno zero

assoluto

QUANTITATIVI SCALA DI

RAPPORTI :esiste uno zero

assoluto

CONTINUI:l’insieme delle

modalità assumibili può

essere messo in una

corrispondenza

biunivoca con un

sottoinsieme dei numeri

reali

QUANTITATIVI DISCRETI:l’insieme delle

modalità assumibili può

essere messo in una

corrispondenza biunivoca

con un sottoinsieme dei

numeri interi

Dopo le fasi di acquisizione e di registrazione dei dati, si

passa al loro controllo e quindi alla loro elaborazione.

L’insieme dei dati è costituito da tutte le misurazioni

effettuate su ognuna delle unità statistiche prese in esame:

a ogni unità corrispondono le modalità osservate per

ciascuna dei caratteri , mentre ad ogni carattere

corrispondono l’insieme delle modalità osservate sul

collettivo. LA DISTRIBUZIONE DI UN CARATTERE

UNITARIA

DI FREQUENZA

L’elencazione delle modalità associa ad

ogni modalità unità per unità,

assunta dal carattere la nel

collettivo preso in esame. frequenza.

SEMPLICE (viene osservato

ASSOLUTA un solo

carattere)

DOPPIA (vengono

RELATIVA osservati 2

caratteri)

MULTIPLA (vengono osservati

CUMULATE più di 2

caratteri)

PERCENTUALI

Se il carattere è quantitativo occorre ordinarlo dal più

piccolo al più grande. Anche il carattere qualitativo va

ordinato in ordine crescente.

DISTRIBUZIONE DI FREQUENZA ASSOLUTO : la frequenza

assoluta di una modalità di un carattere è il numero di volte

che viene osservato nel collettivo. Si distingue in semplice (

se è riferito ad un solo carattere ), doppia ( se riferito a due

caratteri ) e multipla ( se riferito a più di due caratteri).

NOTA: il possesso di sintesi dell’informazione ottenuta

attraverso la distribuzione di frequenza ha il vantaggio di

evidenziare le caratteristiche del fenomeno sul collettivo di

unità prese in considerazione. Tuttavia, ogni processo di

sintesi implica una perdita di informazioni .In questo caso si

perde la conoscenza di quali unità hanno presentato certe

modalità delle variabili. Se si analizza un carattere su più

collettivi, un confronto tra frequenze assolute risulta essere

inutile. Utile sarebbe fare un confronto con le proporzioni .

è utile confrontare dunque le rispettive modalità relative o

percentuali. FREQUENZE

RELATIVE

PERCENTUALI

È il rapporto tra la frequenza è

uguale alle assoluta e il numero

totale frequenze relative


ACQUISTATO

1 volte

PAGINE

7

PESO

22.68 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in economia e management
SSD:
A.A.: 2014-2015

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Cristina 93 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Statistica descrittiva e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Tor Vergata - Uniroma2 o del prof Gattone Antonio.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Statistica descrittiva

Probabilità Parte 1
Appunto
Probabilità Parte 2
Appunto
Stima Puntuale vs Stima Intervallare
Appunto
Formulario Statisca descrittiva Probabilità e variabili aleatorie
Appunto