Che materia stai cercando?

Spiegazione esercizi esame scritto Controlli automatici Appunti scolastici Premium

Spiegazione sintetica e schematica dei 5 esercizi presenti all'esame scritto di Elementi di controlli automatici della prof.ssa Verdini. L'ideale per avere una base da cui cominciare a fare esercizi. Le tipologie di esercizi sono le seguenti:
- Sintesi con reazione dallo stato
- Criterio di Nyquist
- Calcolo della risposta permanente con disturbi
- Sintesi in w
- Luogo delle radici
Questo... Vedi di più

Esame di Controlli automatici docente Prof. F. Verdini

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Criterio di Nyquist

1) Scrivo F(s) in forma canonica di Bode, mettendo in evidenza il guadagno di Bode e gli

zeri e i poli. Quindi scrivo la risposta armonica in F(jw).

2) Nelle ascisse del diagramma di Nyquist ho la parte reale di F(jw), Re [F(jw)]

Nelle ordinate ho la parte immaginaria di F(jw), Im [F(jw)].

A seconda della molteplicità del polo nell'origine varia il numero di semicerchi che devo

fare per chiudere il diagramma: 1 polo, 1 mezzogiro, 2 poli un giro completo.

Pulsazione di rottura = 1/|τ|

1) Per trovare il valore in cui il grafico interseca l'asse reale (per sapere se mi trovo prima o

dopo il punto (-1, 0) valuto il valore del modulo con fase a 180°. Se questo è negativo in dB,

significa che il valore puro sarà inferiore a 1.

2) Se viene chiesta la pulsazione di cut off (w ), la trovo verificando quando il modulo vale

0

0 dB, ovvero |F(jw)| = 1. Per trovarla faccio la circonferenza di raggio 1 e trovo per quale

valore del grafico la mia linea interseca la circonferenza. Quello sarà il punto in cui il

modulo vale in unità assolute 1 (ovvero 0 dB)

3) La regola per la stabilità è N = - P , in cui

p

N è il numero di giri fatti attorno al punto (-1, j0).

Senso orario → giri presi con segno positivo

Senso antiorario → giri presi con segno negativo

P è il numero di poli a parte reale positiva di F.

p

4) Posso definire il margine di guadagno (m ) e il margine di fase(m ):

φ

g

m = 1 - |F(jw)| =180°

∠F(jw)

g ∠F(jw)|

m = 180° -

φ w= w0

CASI CRITICI

Se ci sono poli di F(s) nell'origine o puramente immaginari, tali che non posso applicare il

lemma del mapping, si va a definire un percorso uncinato che aggira il polo nel suo intorno.

Tale percorso infinitesimo si chiama chiusura: se il polo sta a sinistra della chiusura, questa

va fatta in senso antiorario

Calcolo della risposta a regime permanente con disturbi

1) Per la linearità rispetto le sollecitazioni posso studiare separatamente il caso in cui è

presente il solo ingresso e sono nulli i disturbi e quello in cui è nullo l'ingresso e sono

presenti i disturbi.

Per prima cosa, se necessario, separo l'ingresso in ingresso elementari, così da ritornare al

h

polinomio nella forma t /h! Tratto perciò ogni caso separatamente.

A sua volta scrivo ogni ingresso come ingresso canonico moltiplicato per il suo coefficiente,

evidenziando l'ordine h dell'ingresso polinomiale.

2) Devo trovare il tipo del sistema: utilizzo la funzione di trasferimento ingresso-uscita

W(S) facendo finta che i vari disturbi siano nulli.

W(S) = F(S)/[1 + K F(S)] , in cui F(S) è il prodotto dei vari blocchi lungo la catena diretta.

d

Per vedere il tipo di sistema è sufficiente osservare la molteplicità del polo nell'origine della

funzione W(S), ovvero della funzione F(S).

3) Ora sfrutto la tabella che mi dà la relazione tra ordine dell'ingresso e tipo del sistema.

Noto che se i due valori coincidono, allora avrò un errore costante e diverso da zero da

calcolare. Se il tipo del sistema è maggiore dell'ordine dell'ingresso, allora l'errore è nullo e

la risposta permanente coincide con l'ingresso. Altrimenti l'errore è ∞.

Se ordine e tipo sono 0, allora l'errore vale:

Se ordine e tipo sono ≥ 1, l'errore vale:

in cui K è il guadagno del ramo di retroazione, K è il guadagno di Bode nel ramo della

d g

funzione di trasferimento in catena diretta. ẽ – ỹ(t)

4) Trovato l'errore si calcola la risposta a regime permanente: (t) = y (t)

u des

Tuttavia nel nostro caso y = K u(t) in quanto trattiamo sistemi proporzionali.

des d

ỹ(t) – ẽ

Perciò = K u(t) (t)

d u ẽ

Fatto ciò trovo le risposte al variare degli ingressi, ricordando che al termine di (t), che

u

coincide con un numero, moltiplico il termine δ (t), ovvero l'eccitazione.

-1

5) Ora viene calcolato l'effetto dei disturbi, trattandoli come ingressi.

Se l'errore in corrispondenza al disturbo è nullo, allora viene chiamato astatico.

Se l'errore in corrispondenza al disturbo non è nullo, allora viene chiamato statico.

Se il disturbo entra nel ramo di retroazione → non c'è mai astatismo

Se il disturbo agisce in catena diretta → c'è astatismo se le funzioni di trasferimento che

stanno a monte dell'inserzione del disturbo hanno almeno un polo in S=0

Se il disturbo è in uscita → verifico i poli nell'origine delle funzioni di trasferimento a

monte.

Se verifico la presenza dell'astatismo, allora la risposta al regime permanente al disturbo è

nulla, così come l'errore. Altrimenti guarda i casi sul quaderno.

Nel caso abbia disturbi di tipo sinusoidali, devo agire in questa maniera:

ỹ (t) = M(w)[sin(wt)+φ]

il disturbo in ingresso è costituito da una forma Asin(wt): quindi d

Devo quindi calcolare modulo e fase F(jw)=1/(1+G G G ..).

1 2 3

Trovata questa uscita la sommo alle altre trovando l'uscita a regime permanente totale.

Sintesi del controllore in ω

1) L'obiettivo è quello di dare una forma al controllore G(s) dato il processo P(s), tale per

cui il sistema a ciclo chiuso soddisfi specifiche univoche e lasche.

Si inizia con la lettura dei dati forniti: se viene espresso e , significa che il rumore costante è

1

presente quando l'ingresso è di ordine 1 e il sistema è di tipo 1. Di conseguenza si trae che,

al fine di avere un sistema di tipo 1, devo avere un polo nell'origine in G(s)∙P(s)

r

Inizio a dare forma alla mia G(s), fatta in questo modo: G(s) = (K /S ) R(s)

G

dove K è il guadagno del controllore G(s) (che ancora non conosco, perciò da lasciare

G r

incognito solitamente), S sono i poli da aggiungere, con r la molteplicità degli stessi e R(s)

è la funzione compensatrice che risolve i problemi quando il controllore di primo tentativo

(ovvero Ĝ(s) r

= K /S ) non mi permette di soddisfare le specifiche lasche (sulla risposta

G

transitoria).

2) Definizione del controllore di primo tentativo: Si definisce il controllore di primo

tentativo, che risponde alla domanda legata alle specifiche univoche. Nel caso in cui mi

viene dato e e ho già un polo nella funzione di trasferimento ad anello aperto (ovvero

1

G(s)∙P(s)), allora il controllore di primo tentativo Ĝ(s) avrà il valore di un guadagno puro

K .

G

Conosco già le formule per calcolare gli errori (da calcolo della risposta a regime

permanente con disturbi); ovviamente il risultato sarà in funzione del guadagno del

controllore di primo tentativo.

Per il calcolo di e , quando è richiesto, si vede se il sistema è statico o meno. Se presente, si

d

studia come è stato riportato sugli appunti (risposta a disturbi additivi).

Trovati i due risultati in funzione di K si trova quale valore del guadagno soddisfa la

G

specifica (maggiore o uguale), scegliendo tuttavia il valore minimo.

Quando viene fornito un limite alla risposta a regime permanente al disturbo sinusoidale, si

introduce la cosiddetta maschera. Si agisce in questa maniera: | ≤ x

si trova il valore della risposta a regime permanente, ovvero dato |ỹ conosco che |ỹ | =

d d

(jω)| = |1/(1+F(jω)|, che con F(jω)>>1 coincide con |1/F(jω)|.

|W d

Perciò |F(jω)| ≥ 1/x, ovvero F(jω) ≥ 20log (1/x). Ma dovrà esserlo in ω ≤ z

10

Se la maschera viene intersecata, dovrò progettare una rete anticipatrice che consentirà di

non attraversarla.

3) Soddisfacimento specifiche lasche: Ora si verifica se le specifiche lasche sono

soddisfatte: è necessario lavorare con la pulsazione di attraversamento ω e il margine di fase

t

m , che sono parametri a ciclo aperto, mentre spesso viene fornito dal testo modulo alla

φ

risonanza M e banda passante B ovvero parametri a ciclo chiuso. Se vengono forniti M e

r 3 r

utilizzo le relazioni per trovare ω

B e m .

φ

3 t

ω (rad/s) = (3÷5) B (Hz)

t 3

Se invece viene fornita la sovraelongazione ŝ e il tempo di salita t , utilizzo le seguenti

s

relazioni:

1+ŝ ≈ 0,85 M ≈ 3

B t

r 3 s

Per ricavare infine il margine di fase devo utilizzare la carta di Nichols: trovato il modulo

≤ 2 dB, prendo la curva a 2

costante al valore minimo di dB richiesto (se per esempio M r

dB), si va a vedere la sua intersezione con l'asse a 0 dB (l'asse orizzontale) per poi leggere il


ACQUISTATO

4 volte

PAGINE

7

PESO

629.06 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE APPUNTO

Spiegazione sintetica e schematica dei 5 esercizi presenti all'esame scritto di Elementi di controlli automatici della prof.ssa Verdini. L'ideale per avere una base da cui cominciare a fare esercizi. Le tipologie di esercizi sono le seguenti:
- Sintesi con reazione dallo stato
- Criterio di Nyquist
- Calcolo della risposta permanente con disturbi
- Sintesi in w
- Luogo delle radici
Questo documento ha lo scopo di aiutare la preparazione e non può ovviamente sostituire la completezza di un libro di testo o dei vari esercizi proposti a lezione.
È comunque necessario avere una buona preparazione teorica prima.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in ingegneria elettronica
SSD:
A.A.: 2016-2017

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher brandontesla di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Controlli automatici e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Politecnico delle Marche - Univpm o del prof Verdini Federica.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Controlli automatici

Controlli automatici 3
Esercitazione
Controlli automatici 2
Appunto
Controlli automatici 1
Appunto
Elettronica Analogica - Teoria
Appunto