Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Lezione 01 - Integrazione Centrali:

Ogni destinazione d'uso caratterizza e incide sulle prestazioni degli impianti (ospedali, alberghi

di lusso.. ).

In progettazione è fondamentale non sottovalutare l'aspetto manutentivo degli edifici. Inoltre

prevedere sempre tutte le fasi operative delle opere e degli impianti, in modo da non

trascurare particolari molto importanti come gli spazi d'uso e le aree di accesso.

I locali tecnici, potenzialmente pericolosi, devono essere equipaggiati con accessi rivolti verso

l'esterno per facilitare la fuga.

I trasformatori elettrici possono essere inseriti all'interno di gabbie metalliche che impediscono

eventuali contatti diretti/indiretti e favoriscono il loro raffreddamento: un eventuale

surriscaldamento, infatti, provocherebbe una sensibile diminuzione del rendimento. Il

posizionamento di apparecchiature particolarmente pesanti può essere facilitato da percorsi

scavati nella pavimentazione.

La copertura dell'edificio, se piana, è utilizzabile per collocare gruppi frigorifero, U.T.A. e torri

evaporative. Tale ubicazione comporta la necessaria accessibilità per consentire eventuali

operazioni di manutenzione (quindi distanze minime dai parapetti di 2 m e distanze tra

macchinari di almeno 1 m).

Infine, è necessario considerare anche interventi di manutenzione ordinari, come ad esempio

la pulizia dei vetri: a riguardo è possibile prevedere dei sistemi fissi su cui installare tecnologie

pulenti o dei sistemi di fissaggio a cui gli operatori in fune possano reggersi.

Lezione 02 - Centrale Di Pompaggio Per Gruppi Antincendio:

La centrale di pompaggio è adibita alla fornitura di adeguati livelli di portata d'acqua e

pressione di alimentazione per protezione antincendio, in particolare per soluzioni di tipo

idranti a colonna, idranti a muro (o naspi) ed erogatori sprinkler.

La necessità di ricorrere a questi sistemi è data dall'impossibilità di sfruttare reti pubbliche per

alimentare la rete antincendio, sia per motivi di pressione idrica (7,5 bar) e portata

insufficiente, sia per discontinuità di portata.

Da queste premesse deriva l'esigenza di un sistema di pressurizzazione e di una riserva idrica

(o accumulo): entrambi i sistemi necessitano di un locale tecnologico.

Di fatto il sistema di pressurizzazione diviene l'alimentazione idrica dell'impianto di estinzione

incendi:

• Alimentazione singola: singolo allaccio che proviene da un acquedotto, acquedotto +

pompa/e, serbatoio pressurizzato, serbatoio a gravità;

• Alimentazione singola superiore: sono più affidabili; l’acquedotto è provvisto di 2 estremità

contrapposte, ognuna delle quali avente pressione e portata sufficiente per tutto il sistema;

inoltre questo tipo di alimentazione deve avere due sorgenti e se dotato di 2 o più pompe

almeno una deve essere motopompa a combustione interna (garantisce funzionamento

indipendente da rete elettrica).

I serbatoi a gravità devono avere capacità totale per maggior affidabilità (energizzato da

potenziale geodetico): deve garantire protezione da luce e materiali esterni, l'acqua è

potabile, deve essere protetto da corrosione in modo da limitarne la manutenzione interna.

• Alimentazione doppia: doppia alimentazione singola indipendente;

• Alimentazione combinata: alimentazione superiore o doppia, progettate per alimentare più

impianti antincendio (es. idranti + sprinkler);

Un sistema di protezione interna è una rete di idranti all’interno di un compartimento

antincendio: hanno portata di 120 l/min con pressione di 2 bar. Un sistema di protezione

esterna, invece, è posizionata all’esterno con una distanza tale da garantire un adeguato

livello di sicurezza al VdF (impossibilità di entrare).

Il bacino adibito alla riserva idrica si dimensiona in funzione del numero di idranti/erogatori e

durata del relativo funzionamento (30, 60, 90 min); in particolare, se adibito a protezione

interna + esterna, il volume utile è il maggiore tra i 2 volumi, in quanto i due impianti non

funzionano mai in contemporanea:

= 72 kL V = 30 kL V = V

es. V 

1 2 U 1

Se la riserva idrica è per idranti + sprinkler allora V = V + V .

U 1 2

La conformazione geometrica della vasca è legata a dei vincoli che servono ad evitare

fenomeni idrofisici spiacevoli: è necessario prevedere una fascia di fondo (B) ed una

soprastante (A) in funzione del diametro

della tubazione. Inoltre è obbligatorio

considerare una fascia di almeno 60 cm

per assicurare uno spazio per interventi di

manutenzione. Come si vede

dall’immagine con la tubazione curva si

risparmia sullo spessore rispetto al

diametro della tubazione; tutte le

tubazioni devono avere pendenza verso

l’alto per evitare che vi sia formazione di

sacche d’aria. Nel caso di realizzazione di

pozzetto locale è necessario installare un

dentino di 30 cm che protegga la zona di

aspirazione da eventuali depositi di fango.

Il sistema di pompaggio può essere composto da una pompa principale, una pompa

principale + pompa di pressurizzazione, 2 pompe (di cui una moto- di riserva) + pompa di

pressurizzazione. Nel caso di più pompe queste devono avere curve caratteristiche

compatibili: con 2 ogni pompa deve soddisfare il 100 % della portata alla data pressione, con

3 ogni pompa deve soddisfare il 50 % (non più di una motopompa per ogni alimentazione

superiore o doppia – non sono più ammessi generatori elettrici indipendenti).

Il gruppo di pompaggio può essere di tipo monoblocco preassemblato o realizzato in opera:

nel primo caso abbiamo sui 3 lati una distanza minima di 80 cm dall’ingombro del gruppo

stesso, nel secondo questo vincolo è presente sui 4 lati.

La pompa di compensazione è quella affiancata alla pompa principale al fine di mantenere

l’impianto in pressione, a fronte delle piccole perdite di carico dell’impianto:

Si definiscono pompe installate sottobattente se 2/3 V si trova al di sopra dell’asse della

pompa o questa stessa non si trova a più di 2 m sopra il pelo libero dell’acqua (soluzione

consigliata). Sottobattente:

1. Pompa

4. Saracinesca

5. Valvola di non ritorno

7. Saracinesca

9. Link to pressostato di avviamento

11. Doppio pressostato di avviamento

La pompa è avviata mediante pressostato:

una pompa di dimensioni ridotte è affiancata alla pompa principale in modo da rilevare una

perdita di pressione > rispetto alle normali perdite di carico: tale depressurizzazione testimonia

l’apertura dell’impianto (idrante o rottura testina sprinkler) imponendo quindi il funzionamento

della pompa.

15-16 indicano un sensore che rileva l’effettivo funzionamento della pompa: non è altro che

una piccolissima deviazione del circuito idrico che fa scattare un pressostato: l’orifizio è

progettato con una valvola la cui perdita di carico rende quasi nullo il flusso di acqua in

/h.

quella direzione (Δp tale da dirottare il flusso altrove), circa 1-2 m 3

Il circuito di controllo periodico del sistema fanno sì che l’acqua utilizzata per il test venga

reimmessa nel serbatoio; al termine dei lavori vengono azionati solo una volta gli idranti verso

l’esterno per testarne l’efficacia.

Diametro minimo: 6,5 cm

Velocità massima quando la pompa funziona a portata massima: 1,8 m/sec

= asse pompa – pelo libero = 2,2 m

ΔH

MAX

È possibile connettere tubi di aspirazione di più pompe solo se dotate di valvole di

intercettazione che garantiscano la possibilità di sezionare l’impianto.

Soprabattente:

2. Alimentazione idrica serbatoio adescamento

Nelle pompe soprabattente vi è il rischio di piccoli

danneggiamenti di parti sensibili come flange,

guarnizioni: questi comporterebbero uno svuotamento

del tubo (gocciolamento esterno) a fronte di

penetrazione d’aria (fino a pelo libero dell’acqua) e

conseguente non funzionamento della pompa. Per

sopperire a questo rischio si consiglia di installare una

valvola di non ritorno (22) per contrastare lo

svuotamento ed un serbatoio di adescamento (1) da 500

l/pompa per rimediare al gocciolamento: quest’ultimo deve essere posizionato ad altezza

maggiore rispetto alla pompa e connesso alla mandata con un collegamento provvisto di

valvola di non ritorno. Quindi le tubazioni devono essere costantemente mantenute piene

d’acqua: se la sezione ha uno svuotamento > 1/3 allora va azionata la pompa.

Diametro minimo: 8,0 cm

Velocità massima quando la pompa funziona a portata massima: 1,5 m/sec

= asse pompa – pelo libero = 3,2 m

ΔH

MAX

Non è possibile connettere tubi di aspirazione di più pompe.

Per dimensionare le tubazioni si procede come per ACS: le perdite di carico considerate sono

pari a 250-350 Pa/m; inoltre per un raccordo curvo il raggio di curvatura minimo (rispetto

.

all’asse della tubazione) è pari a R = Φ · 1,5 · 25,4 (FATT. CONVERS “ mm)

Il misuratore di portata sfrutta un orefizio che genera una variazione di pressione (quindi flusso):

la rilevazione della velocità del fluido dà indicazione sulla portata.

Il gruppo di pompaggio deve essere alloggiato in un locale avente almeno R60 ed un

accesso diretto dall’esterno: quest’ultimo deve garantire l’accessibilità anche in ogni

condizione, anche di funzionamento impianto o mancanza di luce elettrica. In particolare

l’uscita deve dare su strada scoperta, spazio scoperto, intercapedine antincendio (larghezza

minima 90 cm, superficie piena soprastante 40 % max). Il locale deve essere realizzato con

materiali incombustibili; per favorire la luminosità si consigliano colori chiari sulle pareti. Deve

essere aerato naturalmente mediante aperture fisse (dotate di griglie) su spazio scoperto o

/100 o 0,01 m . La presenza di motopompe a motore diesel

intercapedine di S > S 2

LOCALE

comporta l’obbligo di avere un adeguato sistema di raffreddamento:

= > 40 kW ;

• Aria: soluzione non ammessa se W ∑

TOT


ACQUISTATO

3 volte

PAGINE

9

PESO

220.10 KB

AUTORE

orla91

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in ingegneria dell'edilizia
SSD:
A.A.: 2015-2016

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher orla91 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Impianti tecnici e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Politecnico di Milano - Polimi o del prof Mazzucchelli Enrico.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Corso di laurea in ingegneria dell'edilizia

Climatizzazione e Termofisica dell'edificio - Teoria
Appunto
Climatizzazione e Termofisica dell'edificio - Progetto (Martini)
Appunto
Riassunto completo del corso di Fisica dell'edificio
Appunto
Impianti Ibridi Pompe di Calore e Caldaie Tradizionali, Tesi
Tesi