Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

1. Per l’industria il pricing di BP (investimenti sul trade) è separato dal pricing di

LP (investimenti sul consumer)

2. Per la distribuzione il pricing di BP e LP sono intrecciati in quanto sono rivolti

entrambi al consumatore con finalità di creare traffico e fedeltà.

• Promozione: le attività di store promotion per orientare il consumatore hanno

sempre più rilevanza

1. L’industria vuole contenere le promo di prezzo per sostenere la sua

immagine di marca evitando di essere acquistata per il prezzo (cherry-

picking) ma per la fedeltà alla marca

2. La distribuzione vuole effettuare promo per sostenere l’immagine di

convenienza e di servizio

• Merchandising: layout e display influenzano gli acquisti di impulso la leggibilità

degli assortimenti orientando il percorso nel pdv

3. Negoziali: nel corso del tempo è avvenuto il passaggio da contratto di fornitura a contratto

di collaborazione evitando la discriminazione e quindi la conflittualità verticale arrivando al

concetto di differenziazione per cui le condizioni negoziali sono diverse perché i servizi

offerti/ricevuti sono diversi, raggiungendo così una relazione di partnership.

Cadono così i vecchi orientamenti del mktg passando alla concezione del consumer mktg/ trade

mktg. Qual è la strategia più conveniente? Dipende dal contesto

L’industria e la spirale del declino

1. quando aumenta il potere della distribuzione

2. per continuare ad avere una distrib. ponderata alta sono necessari maggiori investimenti in

trade

3. dato che il denaro destinato al mktg è limitato allora conseguentemente diminuiscono gli

investimenti in consumer mktg

4. minori investimenti in ricerca e sviluppo pubblicità ecc.

5. si riduce la brand loyalty

6. si riduce la quota di mercato

7. si riduce il potere dell’industria.

La spirale del declino va collegata con la testimonianza Mutti  investono sul consumer e quindi

sull’innovazione del prodotto e dell’immagine del brand così da invertire la spirale del declino.

In che modo il contesto ambientale influenza i rapporti di canale?

Settore musicale: il driver abilitante è stata la tecnologia

Anni produzione Distribuzione Consumo

1980 Dominio case Pochi canali Consumatore passivo, dovuto

discografiche dalla poca scelta

2000 Gap ridotto tra artisti e Nuovi canali Consumatore attivo, dovuto

case discografiche dalla maggiore possibilità di

(spotify, YouTube ecc.) scelta

Quali sono le variabili ambientali che hanno avuto maggiore impatto?

Territorio e demografia; economia ed impresa; industria e distribuzione; politica e normativa.

L’analisi del settore

l’analisi di settore attraverso il modello S-C-P fa riferimento alla visione settoriale

A seconda della

Struttura che è influenzata dal:

• grado di concentrazione del settore. Minore è la concentrazione maggiori sono i

concorrenti  bassa redditività;

• dalle barriere all’entrata (tecnologiche, di regolamentazione e le economie di scala);

• grado di differenziazione (se c’è un elevato numero di concorrenti ma ognuno di

questi ha differenziato su una nicchia diversa la redditività è comunque alta per

tutti)

Deriva una

Condotta dell’imprenditore: che riguarda le politiche di prezzo, la comunicazione e

l’orientamento al cliente

e quindi una

Performance: in termini di redditività e quota di mercato.

Col tempo questo metodo di studio del settore perde la sua capacità interpretativa poiché non

coglie le interdipendenze tra gli attori della filiera. Il modello S-C-P viene sostituito con il modello

della concorrenza allargata di Porter che segue la visione sistemica.

Questo modello evidenzia l’interdipendenza tra gli attori della filiera. Oggi tale modello richiede una

nuova rivisitazione dovuta dalla convergenza competitiva.

(I fattori che hanno influito al fenomeno della convergenza competitiva sono quelli ambientali:

territorio e demografia; economia e imprese; politica e normativa scienza e tecnologia;)

La convergenza competitiva è il processo tramite il quale i confini tra settori/mercati si confondono

per effetto di comportamenti di imprese che oltrepassano i confini dei settori originari investendo su

innovazioni e quindi nuove offerte che possono dare vita a nuovi mercati.

La convergenza competitiva si manifesta attraverso i prodotti ibridi.(i prodotti nutraceutici sono

prodotti alimentari che garantiscono la diminuzione del rischio di malattie.)

I driver del cambiamento sono stati:

• la domanda è un driver trainante. I consumatori necessitano (e quindi li

preferiscono) di ridurre la complessità acquistando prodotti multifunzione; inoltre

molte aziende arricchiscono i loro prodotti con contenuti nuovi per aumentare

l’esperienzialità ma ciò ne aumenta la sostituibilità con altri prodotti.

• la tecnologia rappresenta un driver abilitante della convergenza competitiva. La

convergenza competitiva se ottenuta da prodotti che offrono lo stesso beneficio

(sfamarsi con integratori) con tecnologie differenti è detta convergenza per

sostituzione mentre se i prodotti sono ottenuti da più tecnologie (smartphone)

allora si parla della convergenza per complementarietà.

• la concorrenza è causa ed effetto della convergenza competitiva

1. causa perché rende sempre più effimeri i vantaggi competitivi (troppi

operatori sul mercato) e allora si creano prodotti che soddisfino più bisogni

(prodotti ibridi) per rigenerare il vantaggio perso

2. effetto perché una volta creati prodotti ibridi questi ampliano la concorrenza

verso imprese che prima non erano considerate concorrenti (in quanto

produttrici di prodotti che non assolvevano alla soddisfazione dello stesso

bisogno)

La concorrenza in questo modo diventa ibrida.

La concorrenza ibrida è una forma di concorrenza non convenzionale che si può sviluppare

• tra imprese provenienti da altri settori che fanno l’ingresso in nuovi business integrando alle

loro originarie competenze nuove capacità. In questo caso la concorrenza ibrida nasce da

una concorrenza cross-industry

• tra imprese che continuano ad operare in altri settori e che rendono sostitutiva la loro

offerta grazie all’innovazione tecnologica. In questo caso la concorrenza ibrida nasce da

una forma di concorrenza inter-industry.

Bisogna allargare quindi l’orizzonte competitivo considerando le imprese che soddisfano bisogni

analoghi con tecnologie differenti. I propri competitor saranno allora l’insieme di imprese (o

raggruppamento competitivo) caratterizzate dall’esigenza di soddisfare gli stessi bisogni del

consumatore.

La concorrenza diretta è quella dove aziende operano con strategie simili rivolgendosi allo stesso

target

La concorrenza allargata sono le imprese che si rivolgono allo stesso target con strategie

diverse. Concorrenti di Vodafone

Concorrenza diretta Concorrenza allargata

Tim Skype

Tre WhatsApp

Wind Facetime

Che Banca Banco posta (online)

Nel nuovo contesto ambientale si deve analizzare la concorrenza secondo una

prospettiva/modello shopper-based per comprendere quali sono i prodotti canali o pdv sostitutivi

nelle percezioni dei consumatori.

Come si manifesta la convergenza nel Retail?

Introduzione terminologica:

GDO (grande distribuzione organizzata) è un’organizzazione o un gruppo che gestisce una serie di

pdv contrassegnati da una o più insegne commerciali

DO (distribuzione organizzata) soggetti imprenditoriali giuridicamente distinti che collaborano

volontariamente.

Gli INDIPENDENTI operano con le modalità della GDO ma non aderiscono ad alcuna catena

distributiva

GD (grande distribuzione) unica impresa o facente parte di un gruppo societario

I canali di vendita sono esercizi commerciali che si differenziano per dimensione assortimento

pricing casse parcheggi ecc.

La somiglianza tra i vari i formati distributivi si valuta attraverso:

• le variabili strutturali (layout, aree promo)

• I servizi time saving (self-scanning, home delivery)

• numero di category trattate

• le leve del retail mix (prodotti value e premium, flyer, brand trattati)

i fattori che favoriscono la convergenza intratype (che è la convergenza che si sviluppa nel

settore della GDO attraverso il trading up del discount e il trading down dell’iper) sono:

• i fattori competitivi: l’omogeneità delle politiche promozionali, l’upgrade e il downgrade del

servizio commerciale per far leva su tutti i tipi di consumatori, l’ampiezza dell’assortimento

e i servizi time saving

• i fattori da domanda: il consumatore considera i formati distributivi omogenei sul fronte del

soddisfacimento dei bisogni di spesa alimentare; inoltre vuole soddisfare tutti i suoi bisogni

in tutti format, in tutte le insegne, risparmiando tempo.

L’effetto della convergenza intratype è la concorrenza interformat. La concorrenza non si

sviluppa più solo all’interno dello stesso formato distributivo (intraformat) ma sempre più tra formati

diversi. Il format perde i suoi connotati distintivi; ad es. un iper è simile ad un discount.

Si possono fare due collegamenti alle testimonianze:

• Parmalat: che non impedisce la concorrenza interformat sul brand zymil concedendo il

prodotto sia ad Amazon sia ad Esselunga (che ha il suo sito per l’e-commerce) con

l’obiettivo di aumentare la copertura ponderata

• Mutti: che prova ad evitare la concorrenza interformat segmentando la sua offerta tra gli

Iper e i super. (formati diversi per segmenti diversi) così da diminuire la concorrenza sul

prezzo.


ACQUISTATO

1 volte

PAGINE

9

PESO

106.09 KB

AUTORE

lupen4

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in trade marketing e strategie commerciali
SSD:
Università: Parma - Unipr
A.A.: 2017-2018

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher lupen4 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Retail and channel management e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Parma - Unipr o del prof Bellini Silvia.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Retail and channel management

Retail channel management, Seconda parte e domande
Appunto
I modelli di business aziendale basati sulla coopetition: il caso Amazon.com, parte 2
Appunto
Retail channel management, Seconda parte e domande
Appunto
Il caso Eataly: consumo etico e nuovi modelli di business
Appunto