Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

sull’inesorabile movimento ciclico della storia. è una poesia impegnata che è una difesa

A Coat

di tutta la sua opera.

THE WILD SWANS AT COOLE (1919): c’è lo sviluppo dei temi toccati. The Wild Swans at

introduce lo spirito della raccolta, poiché parla di morte, vita, rapporto morte-vita. I 59

Coole

cigni rappresentano gli anni di Y., che hanno disfatto il tempo mentre ogni cosa si muta. Essi

danno l’illusione dell’immortalità, la possibilità di vivere nel terreno e nell’eterno. (In questo

periodo + avvenimenti avevano pesato sulla vita del poeta: guerra, ultimo rifiuto di M. Gonne,

rifiuto della figlia, decadenza della proprietà di Lady Gregory e morte del figlio, Easter Rising,…).

Subito dopo: elegia caratterizzata daversi lunghi e marcati.

In Memory of Major Robert Gregory:

E’ una lode ad un uomo completo, di genio, la cui morte violenta appare a Y. come il simbolo

della dicotomia arte-azione. A suo parere con lui morì un’idea dell’uomo. In questa poesia

compare x la prima volta il simbolo della Torre e delle scale che vi conducono. In An Irish Airman

egli riduce la guerra quasi ad un’occasione privata x R. Gregory e ne emerge

Foresees his Death

una nuova concezione dell’esistenza, in cui l’artista-eroe sceglie la sua morte x affermare un

proprio momento di percezione che pone in equilibrio vita e morte. In alcune poesie di questa

raccolta, la vita assomiglia a un catalogo eroico di morti (anche nell’elegia a Mabel Beardsley:

affermazione della rivincita dell’uomo).

In questa fase, la maschera desiderata dal poeta è quella della passività, dell’oggettività, come

emerge in Invece presenta le 2 fasi opposte in 2 lunghe

Lines Written in Dejection. The Fisherman

strofe: 1° strofa) simbolo dell’Irlanda non ancora morta e scomparsa, intesa come Unità dell’Essere;

2°strofa) nuova Irlanda e nuova poesia espresse in termini oggettivi. La stessa opposizione si

manifesta in In c’è la prima

The Saint and the Hunchback. The Double Vision of Michael Robartes

ampia esposizione della Grande Ruota: 1° sezione Robartes uomo dalla conoscenza universale;

2° sezione = intelletto; Budda = amore; vita = unione corpo e anima; ballerina = riconcilia

Sfinge

in sé Sfinge e Budda.

MICHAEL ROBARTES AND THE DANCER (1921): in questa raccolta Y. procede la sua

ricerca nelle 2 direzioni delle due raccolte precedenti. Il tono polemico già presente nelle poesie

dedicate a R. Gregory, Parnell ecc…, si estende in x indicare la frattura fra l’Irlanda

Easter 1916

pre-rivoluzionaria e la situazione creatasi dopo la sollevazione della Pasqua 1916 in cui una

terribile bellezza è nata. E il catalogo delle persone sottovalutate da Y. in passato, prosegue in

dedicata ai 16 patrioti fucilati dopo il fallimento dell’Easter Rising, e prosegue

Sixteen Dead Men,

in in cui l’Irlanda appare di nuovo col simbolo del roseto, nonché in

The Rose Tree, On a Political

i cui riappare il disgusto di Y. per gli opportunisti e per l’odio popolare non organizzato.

Prisoner, è una poesia di rivelazione nei termini storico-magici-profetici, in cui dalla

The Second Coming

prima strofa emerge l’idea che la moderna civiltà stia morendo nella separazione dell’uomo, e

dalla seconda l’idea del sopraggiungere di una nuova era nella quale una rozza bestia si

sostituirà al Cristo. In questa poesia l’allusione all’Irlanda è diretta, anche se si manifesta in forma

profetica.

THE TOWER (1928): riguarda il periodo della grande poesia di Y. Da questo momento in poi

non ci sono temi nuovi, ma quelli vecchi raggiungono la massima espressione lirica e concettuale

sotto i simboli della Torre, della Scala a Chiocciola e della Spirale. I temi di e

Sailing to Byzantium

di sono: vecchiaia, amarezza x il decadimento fisico, tentativo di compensare tale

The Tower

decadimento con l’eternità dell’arte e dell’intelletto, relazione fra arte e vita, realtà, invenzione e

memoria. Nelle due poesie che riguardano Bisanzio (vedi anche raccolta successiva), c’è appunto

la lode dell’arte bizantina, la cui durata si identifica con un uccello meccanico che canta in

perpetuo (mentre l’uccello comune rappresenta una generazione che muore). Il potere della

mente e quello della natura, quando si oppongono, mostrano la superiorità dell’intelletto (potere

intellettuale = vecchiaia; potere della natura = giovinezza). Nelle prime strofe di dice

Sailing to…si

che il “nostro” non è un paese x i vecchi e i giovani sono destinati a morire, mentre i monumenti

dell’intelletto non invecchiano mai. Mentre in questa poesia i contrasti sono marcati, in

la perfezione, l’Unità dell’Essere raggiunta da Bisanzio di manifesta in un movimento

Byzantium

di transizione 1 strofa: perfezione = cupola bianca che emerge nella notte; 2 strofa: legami tra i

vari stadi di un passaggio graduale verso la liberazione; 3 strofa: alla cupola si sostituisce l’uccello

d’oro; 4 strofa: simbolo del fuoco, purificazione; 5 strofa: passaggio dal sangue al fuoco, cioè dalla

complessità all’Unità dell’Essere.

In trovano espressione l’arte come saggezza e la vecchiaia come età in cui si perviene

The Tower

alla saggezza. Questa poesia si apre riprendendo le prime 3 strofe di Sailing to…. L’inizio è un

rimpianto, x l’abbandono della violenza della natura fisica, che l’accettazione muta in ironia.

Nella seconda sezione invece, c’è l’evocazione di coloro che vissero a Thoor Ballylee prima di Y.,

saggi e folli allo stesso tempo. Da questa poesia emerge la superiorità degli uomini liberati dal

peso della natura e si conclude con il superamento della vecchiaia come decadenza fisica. Si

tratta della stessa vittoria di in cui c’è la felice fusione fra la

Meditations in Time of Civil War,

concretezza delle immagini e la sottigliezza concettuale dei significati vittoria simboleggiata

dalla Torre che è ordine, non isolamento, nel disordine della guerra, ordine raggiunto con la

violenza che diventa gioia. Nuovo simbolo: spada.

Anche i vanno letti in chiave profetica. C’è una vicinanza con The Second

Two Songs from a Play

Coming, ma qui il parallelo tra la morte e la risurrezione di Cristo e la morte e risurrezione di

Dioniso manifesta il ruolo del cristianesimo x Y. come semplice componente del suo naturalismo.

Non si accenna ad alcuna superiorità si Cristo su Dioniso o viceversa.

In sono evidenti l’unione, o desiderio di unione, e la meditazione. Si parla

Among School Children

degli stadi della fanciullezza, della giovinezza e della maturità e nel passaggio dalle diverse età

emerge un tentativo di equilibrio fra ciò che è perduto e ciò che è stato acquistato, nonché

l’antitesi fra bellezza naturale e bellezza intellettuale. La verità risiede nel molteplice e quindi la

giustificazione finale della vita risiede nell’accettazione del proprio stato.

THE WINDING STAIR AND OTHER POEMS (1933): con questa raccolta Y. dimostra la

sua grandezza (siamo nella sua età matura). Fino a The Tower egli aveva insistito a porre

l’accento solo su una metà dell’uomo, quella dello spirito, ed era stata una distorsione: ora anche

il corpo ha il suo ruolo. In l’anti-self che l’anima rappresenta con la

Dialogue of Self and Soul

Torre, emblema della notte e della contemplazione, deve cedere di fronte alle affermazioni

dell’io non + fuga, non + richiamo verso la quiete ma accettazione.

Il profondo senso di solidarietà umana e di rinascita, purificazione è presente anche in Coole Park

e in cui viene ripreso il tono meditativo di alcune poesie precedenti. Egli,

1929 Coole Park 1931,

pur affermando con affetto di appartenere ad una tradizione romantica, ne coglie la fase ultima

e irripetibile e la supera nella positività. Non c’è più la lotta tra disperazione e gioia, bensì c’è

un’unione la cui risultante è il senso stesso della vita: la gioia tragica. In poi,

Blood and Moon,

l’Unità dell’Essere diventa anche Unità della Cultura.

In sintesi da questa raccolta emerge che: la vita è come una continua e inarrestabile salita lungo

una scala a chiocciola; col passare del tempo, non facciamo altro che ripercorrere lo spazio

circostante a un livello + alto (e x risolvere ogni antinomia dovremmo vivere continuamente su

tutti i punti della circonferenza); ma la torre a cui la scala conduce è rovinata alla cima e invece

di trovarvi una circonferenza così esigua da confondersi con un punto (=l’Unità), incontriamo la

vecchiaia e la morte.

WORDS FOR MUSIC PERHAPS: in cui, attraverso il personaggio terrestre di Crazy Jane,

emerge che , se x Y. l’amore era stato sempre e quasi unicamente spirituale, in questa fase

l’amore mostra di poter essere definito completo solo nel caso che sia l’anima che il corpo ne siano

implicati.

LAST POEMS (1936-1939): la grandezza tragica dell’ultimo periodo poetico di Yeats risiede

nel tentativo di risolvere ogni antinomia vivendo, cercando di vivere in ogni punto

contemporaneamente. Il poeta sostiene ora che l’ideale vive perché è sessuale. Questa fase è

inoltre segnata da un altro pensiero: nessuna rinuncia, nessuna nostalgia per ciò che non è più,


ACQUISTATO

1 volte

PAGINE

5

PESO

77.66 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in lettere (BRESCIA - MILANO)
SSD:

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher valeria0186 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Letteratura inglese e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Cattolica del Sacro Cuore - Milano Unicatt o del prof Vallaro Cristina.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Letteratura inglese

Otello, Shakespeare - Testo completo
Appunto
Il Teatro di Shakespeare
Appunto
Shakespeare
Appunto
Teatro elisabettiano
Appunto