Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

• se P diminuisce allora diminuisce il costo di produzione del bene e aumenta la quantità

k

offerta

- Prezzo dei beni alternativi producibili con la stessa tecnologia (P ) à

h

• se P aumenta è più conveniente per il produttore produrre il bene h rispetto al bene i e

h

quindi la quantità offerta del bene i diminuisce

• se P diminuisce è meno conveniente per il produttore produrre il bene h rispetto al bene i

h

e quindi la quantità offerta del bene i aumenta

P è una variabile endogena se varia mi muovo lungo la curva di offerta

à

h

T, P , P sono variabili esogene se varia una la curva di offerta trasla nel piano

à

k h LA CURVA SI SPOSTA VERSO DESTRA LA CURVA SI SPOSTA VERSO SINISTRA

T aumenta T diminuisce (diventa obsoleta)

P diminuisce P aumenta

k k

P diminuisce e i è un bene alternativo producibile con la P aumenta e i è un bene alternativo producibile con la

h h

stessa tecnologia stessa tecnologia

Def. Funzione di offerta = funzione matematica che identifica la relazione tra la quantità offerta di un bene e il prezzo

di esso a parità di altre condizioni (ceteris paribus). S

Q = D (P ,T, P , P )

i i k h

Il mercato è regolato dal confronto tra domanda e offerta.

L’EQUILIBRIO DI MERCATO è definito in termini di prezzo e quantità:

Identifica la coppia prezzo-quantità in corrispondenza della quale la quantità del bene che gli acquirenti desiderano

acquistare è pari alla quantità che i venditori desiderano vendere.

In corrispondenza del prezzo di equilibrio non ci sono eccessi di domanda e/o offerta.

D

Q = D (P , P , M, )

i i j

E = (Q*;P*) tale che S

Q = D (P ,T, P , P )

i i k h

Quando il prezzo del bene i supera il prezzo ottimale il mercato subisce un eccesso di offerta, quando invece il prezzo

del bene i è inferiore al prezzo otttimale il mercato subisce un eccesso di domanda.

Domanda = Funzione negativa del prezzo ( aumenta P, diminuisce D)

Offerta = Funzione positiva del prezzo (aumenta P, aumenta S)

MERCATO NON IN EQUILIBRIO

D S D S

• Se p < p* Q > Q sul mercato c’è un eccesso di domanda (ED = Q - Q >0)

à à

i i i i

Alcuni consumatori per ottenere il bene sono disposti a pagare un prezzo superiore

Il prezzo di mercato sale quindi la domanda scende e l’offerta sale

L’eccesso di domanda si riduce p continua a variare fino a che ED = 0

à

D S S D

• Se p > p* Q < Q sul mercato c’è un eccesso di offerta (ES = Q - Q > 0 )

à à

i i i i

Alcuni produttori sono disposti a vendere il loro bene ad un prezzo inferiore

Il prezzo di mercato scende quindi la domanda sale e l’offerta scende

ES si riduce p continua a variare fino a che ES = 0

à

Da un punto di vista economico il prezzo di un bene coordina le scelte di produttori/venditori e acquirenti.

In equilibrio non esistono incentivi degli agenti economici a modificare il loro comportamento

CAMBIAMENTI DI EQUILIBRIO

Le variazioni delle variabili esogene modificano l’equilibrio:

1) Variazioni dell’offerta:

a) ∆S > 0, aumento dell’offerta (shock positivo del mercato)

La funzione offerta trasla verso destra D S

In corrispondenza di p* abbiamo una Q ma allo stesso prezzo, dopo la traslazione a destra, la Q sarà

D

maggiore di Q .

Al prezzo inziale p* il mercato non sarà più in equilibrio ma registra un eccesso di offerta se p diminuisce,

à

D S

Q aumenta e Q diminuisce il prezzo varia fino a che ES = 0, il punto di equilibrio passa da E a E’-

à D

∆p < 0 e ∆Q >0

b) ∆S < 0 riduzione dell’offerta (shock negativo del mercato)

La funzione offerta trasla verso sinistra D S

In corrispondenza di p* abbiamo una Q ma allo stesso prezzo, dopo la traslazione a sinistra, la Q sarà minore

D

di Q .

Al prezzo iniziale p* il mercato non sarà più in equilibrio ma registra un eccesso di domanda se p aumenta,

à

D S

Q diminuisce e Q aumenta il prezzo varia fino a che ED = 0, il punto di equilibrio passa da E a E’.

à D

∆p > 0 e ∆Q <0

2) Variazioni della domanda:

a) ∆D > 0, aumento della domanda

La funzione domanda trasla verso destra

D D

In corrispondenza di p* abbiamo una Q ma allo stesso prezzo, dopo la traslazione verso destra, la Q sarà

S

maggiore della Q

Al prezzo iniziale p* il mercato non sarà più in equilibrio ma registra un eccesso di domanda se p aumenta,

à

D S

Q diminuisce e Q aumenta il prezzo varia fino a che ED =0, il punto di equilibrio passa da E a E’

à D

∆p > 0 e ∆Q >0

b) ∆D > 0, aumento della domanda

La funzione domanda trasla verso sinistra

D D

In corrispondenza di p* abbiamo una Q ma allo stesso prezzo, dopo la traslazione verso destra, la Q sarà

S

minore della Q

Al prezzo iniziale p* il mercato non sarà più in equilibrio ma registra un eccesso di offerta se p diminuisce,

à

D S

Q aumenta e Q diminuisce il prezzo varia fino a che ES =0, il punto di equilibrio passa da E a E’

à D

∆p < 0 e ∆Q < 0

Possono esserci delle variazioni congiunte di D e S:

Se aumentano domanda e offerta allora aumenta la quantità scambiata e il prezzo varia a seconda di quale curva

à

aumenta di più.

La quantità scambiata sul mercato varia positivamente mentre il prezzo varia positivamente o negativamente a

seconda che si sposti più la curva di domanda o quella di offerta.

Se aumenta la domanda e diminuisce l’offerta allora aumenta il prezzo e la quantità varia a seconda di quale curva

à

aumenta di più

Il prezzo di mercato del bene aumenta mentre la quantità scambiata varia positivamente a seconda che si sposti più la

curva di domanda o quella di offerta

Date le variazioni della D e S l’effetto finale sull’equilibrio dipende da 2 fattori:

1) Ampiezza della variazione di quanto si spostano le funzioni

à

2) Inclinazione delle funzioni misura la sensibilità della domanda e dell’offerta al prezzo

à D

- L’inclinazione della curva di domanda ci misura di quanto varia la Q in seguito ad una data variazione del

prezzo del bene S

- L’inclinazione della curva di offerta ci misura di quanto varia la Q in seguito ad una data variazione di prezzo del

bene

Curve D/S tendenzialmente piatte = alta sensibilità al prezzo (elastiche)

Curve D/S tendenzialmente ripide = bassa sensibilità al prezzo (rigide)


ACQUISTATO

1 volte

PAGINE

6

PESO

88.33 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Esame: Microeconomia
Corso di laurea: Corso di laurea in economia aziendale e management
SSD:
A.A.: 2016-2017

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher NiccoloMP di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Microeconomia e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Bocconi - Unibocconi o del prof Braga Michele.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Microeconomia

Microeconomia - Formulario
Appunto
MB110: Appunti di Microeconomia
Appunto
Microeconomia - Schemi
Appunto
Microeconomia - Introduzione e concetti base
Appunto