Che materia stai cercando?

Riassunto esame Metodi e Attività Motorie e Sportive, prof. Carlomagno, libro consigliato Corpo e Movimento di Silibio Appunti scolastici Premium

Riassunto per l'esame di Metodi e Attività Motorie e Sportive, basato su rielaborazione di appunti personali e studio del libro Corpo e Movimento di Maurizio Silibio consigliato dal docente che comprende l’anatomia umana, apparati e sistemi. Leve, articolazioni, sistema nervoso, neuroni.sinapsi, auxologia, schema corporeo. tutto schematicamente e spiegato per bene nei dettagli.
Esempio:... Vedi di più

Esame di Metodi e attività motorie e sportive docente Prof. N. Carlomagno

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Una sinapsi può essere eccitatoria (parte dinamica, aumento delle attività dei neuroni, più

recettività, più prontezza agli stimoli.) o inibitoria (parte statica, diminuzione di attività di

neuroni). Una sinapsi non può essere inibitoria e eccitatoria contemporaneamente.

Placca motrice

Lo stimolo nervoso raggiunge le cellule muscolari attraverso l’assone che si inserisce sulle

miofibrille (sottili e contrattili agli stimoli) grazie alla placca motrice che attiva solo i muscoli

interessati e in questo caso si comporta come l’aracnoide. Quando giunge l’impulso alle cellule

muscolari si libera un mediatore chimico l’acetilcolina che

- stimola l’attivazione degli ioni calcio che intervengono su 2 proteine tropomiosina e troponina

( carburante che attiva la tropo miosina)

- attraverso le 2 proteine avviene la contrazione muscolare determinata dallo scivolamento

dell’actina sulla miosina.

I movimenti del corpo vengono suddivisi in 3 categorie:

• movimenti volontari (soggetto cosciente) che necessitano sempre dell’intervento della

volontà

• movimenti automatici (cosciente) tutti originati da movimenti volontari che grazie alla

ripetizione diventano automatici non essendo più comandati dalla volontà (come

camminare, correre, scrivere, leggere ecc.);

• movimenti riflessi caratterizzati da un’esecuzione istintiva, assai comuni negli animali e

poco nell’uomo ma soprattutto nei suoi meccanismi di difesa, per cui ad ogni stimolo vi è

una risposta. (ritraendo la mano dal calore, chiudendo gli occhi per la luce).

(79) Capitolo 5: implicazioni psicomotorie dello sviluppo morfologico e funzionale nell’età

evolutiva.

L’auxologia è quella branca della medicina che studia i fenomeni dell’accrescimento, alternanza di

sviluppo e crescita, attraverso lo studio di leggi e fasi specifiche.

Le leggi auxologiche sono:

• Prima legge del VIOLA l’organismo + ha un incremento del volume corporeo, - si

trasforma in senso verticale; in altezza

• Seconda legge del VIOLA il nostro organismo si sviluppa in armonia con la massima

crescita degli organi interni;

• Legge del LAMBERTINI il trofismo muscolare (processo nutrizionale) in una

determinata sezione del corpo suscita la stessa azione a livello viscerale della stessa sezione

del corpo.

• Legge del GODIN alternanza dell’incremento staturale (in altezza) ad un incremento

ponderale (volume);

• Legge del PENDE la tendenza della eliminazione (tendenza anabolica) svilupperà un

soggetto longilineo, la prevalenza dell’assimilazione di sostanze nutritive (tendenza

catabolica) porterà soggetto robusto

LEGGI AUXOLOGICHE

1. Periodo neo-natale (nascita - 15 giorni dal parto)

- Fase assimilativa

- Movimento riflesso x immaturità del SN

2. Periodo nipiologico: (15 giorni – 1 anno)

- 1° fase predentaria : aumento della massa e adipe

- 2° fase eruzione: comparsa dei primi denti, tentativi di socializzazione

3. Periodo turgor primus (1 – 3 anni)

1° riempimento

- Aumento in altezza

- Coordinazione dei movimenti

- Deambulazione

4. Proceritas prima (3 – 7)

1° allungamento

- Sviluppo in altezza che sposta il baricentro provocando difficoltà nell’equilibrio

- Sviluppo destrezza

- Sviluppo della dominanza

5. Turgor secundus

2° riempimento

- 7 – 10 femm

- 8 – 11 maschi

- Fase preparatoria alla crisi puberale

- Capacità logiche

- Memorizzazione

6. Proceritas secundas

Fase prepuberale

- 10 – 12 femmine

- 12 – 14 maschi

- sviluppo massimo arti inferiori

- organi copulatori

7. Pubertà

- fino al 15 x le femmine

- fino al 17 x i maschi

- esplosione ormonale

- organi e apparati subiscono modifiche

- rachide si sviluppa in lunghezza

8. Climaterio: (45-50)

- Involuzione dell’attività ormonale

- Il periodo che precede la menopausa nelle donne e l’andropausa negli uomini

9. Senescenza (vecchiaia)

- Processo di involuzione generale del corpo

(84) Le funzioni psicomotorie

Le funzioni psico-motorie sono l’aggiustamento e la percezione che si strutturano secondo le

seguenti tappe:

• aggiustamento globale che consente di rispondere a un problema attraverso meccanismi

per “prove ed errori”; aggiustamento con rappresentazione (mentale) che Hebb definisce

apprendimento motorio secondario, è la capacità di elaborare, organizzare e

successivamente programmare i dati. Questa funzione corrisponde alla fase del corpo

rappresentato, che si evolve dai 6 ai 14 anni.

• percezione corrisponde all’acquisizione di informazioni sia dall’esterno (esterocettive,

vista e udito) sia dall’interno (propriocettive: muscoli e tendini; enterocettive: visceri),

producendo sensazioni e percezioni. Questa funzione si definisce interiorizzazione ed

avviene dai 3 ai 6 anni attraverso l’esplorazione dello spazio, l’organizzazione del tempo e

la conoscenza del corpo;

(85) L’apprendimento motorio può essere:

• l’apprendimento motorio primario è caratterizzato dal trovare una soluzione per prove ed

errori;

• l’apprendimento motorio intelligente o secondario è caratterizzato da una

rappresentazione mentale che precede l’azione motoria che viene così guidata e corretta

attraverso l’elaborazione delle info propriocettive ed esterocettive;

Sviluppo psico-motorio: è l’insieme delle fasi di evoluzione e maturazione motoria

(87) Percezione conoscenza e coscienza del corpo

- Percepire significa ricevere stimoli esterni dall’ambiente attraverso specifici recettori i

propriocettori (del nostro tessuto muscolare) e dagli esterocettori (esterni).

- Conoscere è il passo successivo a quello della percezione in quanto prima si ricevono gli stimoli,

poi vengono elaborati e schematizzati, permettendo la conoscenza

- La coscienza corporea è la consapevolezza del corpo intesa come rapporto armonico

Lo schema corporeo

Lo schema corporeo è la rappresentazione mentale del nostro corpo ed è una mappa che si

costruisce e si aggiorna con l’esperienza a partire dalla nascita sino al 12° anno di età.

attraverso lo schema corporeo vengono presentate le diverse fasi dell’accrescimento:

• 0-3 mesi (corpo subito): la motricità è prevalentemente riflessa;

• 3 mesi-3 anni (corpo vissuto): inizia la strutturazione del sé corporeo considerando la

differenza tra se e il mondo;

• 3 anni-7 anni (corpo percepito): la maturazione psico-motoria avviene attraverso la

lateralizzazione (Il processo di identificazione della parte dominante del corpo che è

propedeutico all’orientamento spaziale) e il controllo posturale. il bambino riesce ad

indicare le varie parti del corpo collegandole con facili concetti topologici come

davanti/dietro, aperto/chiuso, vicino-lontano;

• 7 anni-12 anni (corpo rappresentato): il bambino riesce a distinguere i singoli segmenti

corporei e si costruisce cosi lo schema corporeo. Il corpo inizia a raccontarsi attraverso

atteggiamenti e azioni motorie, che creano un modello che si definisce postura che è

l’atteggiamento caratterizzante che l’uomo assume in rapporto all’ambiente. Non esiste

un modello ideale di postura in quanto ogni persona si manifesta corporeamente in

rapporto a differenze anatomiche.

SV PR

(88) Orientamento spaziale e temporale

L’organizzazione spaziale si collega alla conoscenza del proprio corpo, di quello degli altri e

dell’ambiente (nella loro dimensione spaziale).

L’organizzazione temporale è una conseguenza dell’organizzazione spaziale, in quanto il tempo è

una convenzione, che ci permette di rendere ordinabili e misurabili le azioni della nostra vita.

Per il bimbo l’organizzazione temporale è il prerequisito necessario, ma può venire solo dopo

un’adeguata organizzazione spaziale.

Equilibrio in fisiologia significa il controllo della posizione e del movimento del corpo nello

spazio;

- Per equilibrio statico s’intende la capacità di mantenere una posizione fissa facendo si che il

baricentro del corpo cada nella base d’appoggio.

- Per equilibrio dinamico s’intende la capacità di gestire un susseguirsi di azioni dinamiche che

determinano una sequenza

• (90) Le competenze motorie sono l’insieme di conoscenze, abilità personali che portano ad

azioni motorie complesse. Es. per essere competenti in un gioco sportivo, bisogna

conoscerne le regole, saper giocare e collaborare riconoscendo il ruolo proprio e degli altri.

• L’azione motoria è il complesso dei movimenti intenzionali che caratterizzano un processo

psicomotorio.

• Le attitudini (o predisposizioni) rappresentano le potenzialità motorie espresse ed

inespresse.

• Le abilità motorie è il “saper fare” determinate azioni. L’espressione “prassia” è un

sinonimo di abilità motoria.

• Le capacità motorie sono l’insieme di abilità che permetto ad un soggetto di esprimersi in

tutte le tipologie di movimento.

Il linguaggio corporeo è analogico attraverso il quale i bambini comunicano ed esprimono la

propria dimensione psicofisica che si manifesta senza schermi. E fondamentale lasciare al bambino

la possibilità di esprimersi liberamente e con questo sistema analogico nasce un feedback

comunicativo TRA IL FANCIULLO E IL MONDO

(97) Le CAPACITA’ MOTORIE sono 3:

• capacità condizionali basate sull’efficienza dei meccanismi e nergetic i.

-La forza è la capacità di opporsi a ogni tipo di resistenza, la capacità che hanno i muscoli di

sviluppare tensioni

-La velocità è la capacità di compiere azioni motorie nel minor tempo possibile.

- La resistenza è la capacità di prolungare nel tempo le azioni motorie.

possiamo avere alcune forme di resistenza:

resistenza aerobica di lunga durata, superiore agli 8 minuti;

resistenza anaerobia di media durata, dai 2 agli 8 minuti;

resistenza alla velocità presente nel ciclismo e il calcio;

resistenza alla forza prolungata nel tempo.

• capacità coordinative si basano sull’efficacia dei meccanismi di ricezione; esse possono

essere globali e specifiche


ACQUISTATO

1 volte

PAGINE

11

PESO

45.05 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE APPUNTO

Riassunto per l'esame di Metodi e Attività Motorie e Sportive, basato su rielaborazione di appunti personali e studio del libro Corpo e Movimento di Maurizio Silibio consigliato dal docente che comprende l’anatomia umana, apparati e sistemi. Leve, articolazioni, sistema nervoso, neuroni.sinapsi, auxologia, schema corporeo. tutto schematicamente e spiegato per bene nei dettagli.
Esempio: La biomeccanica che è la scienza che inquadra i principi generali del movimento, la complessità dell’azione che può variare in base a delle variabili che possono influenzarne l’esecuzione.
Per rappresentare il corpo nello spazio si deve introdurre il concetto dei piani e degli assi
• il piano frontale divide il corpo in una parte anteriore e una posteriore;
• il piano sagittale divide il corpo in una parte destra e una sinistra;
• il piano trasverso divide il corpo in una parte superiore e una inferiore.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze della formazione primaria
SSD:
A.A.: 2012-2013

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher tereteretere di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Metodi e attività motorie e sportive e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Suor Orsola Benincasa - Unisob o del prof Carlomagno Nadia.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Corso di laurea in scienze della formazione primaria

Riassunto esame Storia Moderna, prof. Fiorelli, libro consigliato Le Vie della Modernità, Musi
Appunto
Storia moderna - Riassunto esame
Dispensa
Storia moderna - Riassunto esame
Dispensa
Storia moderna - Riassunto esame
Dispensa