Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

6. Qual è l’efficacia relativa delle politiche monetarie e fiscali in regime di tassi di cambio fissi e in regime di

tassi di cambio flessibili, quando c’è una perfetta mobilità dei capitali?

E’ fondamentale dimostrare come in presenza di perfetta mobilità di capitali, la BP = 0 sia una parallela in i = i e.

Perfetta mobilità di capitali, significa analiticamente K ∞

BP = BPC + BMC = (X-Q -qY) + (K(i-i )) = 0

e

K(i-ie) = Q + qY – X

TASSI DI CAMBIO FISSI:

In presenza di movimenti di capitale, la politica fiscale è sempre efficace per far aumentare il reddito di equilibrio.

Infatti la variazione del reddito rispetto alle componenti autonome restituisce il valore del moltiplicatore fiscale

che è sempre maggiore di zero.

Teniamo in considerazione il reddito di equilibrio pari a:

In caso di perfetta mobilità di capitali, K ∞ , la politica fiscale raggiunge la sua efficacia massima perciò

Ovvero:

Risultato simile a quello che si raggiungerebbe in un’economia chiusa , dato che abbiamo eliminato l’influenza del

tasso di interesse.

Introducendo le esportazioni autonome nette (X-Q) e facendo variare il reddito, otteniamo che:

In cui è il moltiplicatore delle esportazioni nette.

 X

Come si nota dal grafico, in caso di perfetta mobilità di capitali, la curva BP = 0 è una retta parallela all’asse delle

ascisse nel punto i = i e

i POLITICA FISCALE ESPANSIVA:

i E - IS si sposta verso l’alto + reddito

2

1 - LM verso il basso stabilizza il tasso

E E

0 1

i

e In un regime di tasso di cambio fisso e perfetta mobilità di capitali, la politica

E

i 3 fiscale raggiunge il massimo della sua efficacia (sia con + titoli che con +

2 moneta che con + tasse).

+ M e +B afflusso di capitali dall’estero

Y0 Y1 Y + T = perché al denominatore compare q, che

  

G T

nell’economia chiusa non era presente (infatti secondo il teorema di

Haveelmo il rapporto era pari all’unità).

POLITICA MONETARIA:

Perde completamente la sua efficacia. Infatti le autorità monetarie, in caso di perfetta mobilità di capitali, non

solo perdono il controllo sull’offerta di moneta, ma anche sul tasso di interesse. Infatti, una politica monetaria

restrittiva, fa spostare la curva IS verso il basso, lasciando temporaneamente invariata la curva LM. L’equilibrio si

sposta temporaneamente in E in cui il tasso nazionale i1 è più alto del tasso internazionale. Ovviamente questo

2

comporta l’afflusso di capitali esteri che mandano in avanzo la bilancia dei pagamenti. Questo può essere ridotto

4

attraverso procedure di sterilizzazione, tramite vendita di titoli nel mercato aperto. Ma le operazioni di

sterilizzazione non possono durare all’infinito, ma arriverà il momento in cui le autorità monetarie dovranno

consentire che l’offerta di moneta aumenti e che il tasso di interesse interno si riduca sino a i , in modo da portare

e

la LM in LM , e il punto di equilibrio in E . Gli effetti sono esattamente opposti, ma altrettanto inefficaci, in caso di

0 1 0

politica monetaria espansiva (deflusso capitali, acquisto titoli, l’offerta si riduce e il tasso sale).

TASSI DI CAMBIO FLESSIBILI

POLITICA FISCALE ESPANSIVA:

Finanziata con emissione di titoli ha effetto:

Negativo sul tasso di cambio reale

 

Nullo sul tasso di interesse i

 E 1

E 1

Nullo o negativo su Y

 + G finanziata con emissione di TITOLI:

LM 1

E 2 - IS verso destra

LM 0 - LM verso sinistra

E 1 Il punto E non può essere considerato di equilibrio in quanto è

2

presente un avanzo della BP (tasso troppo alto). Questo

IS (A )

1, 0

E E determina un apprezzamento del tasso di cambio reale

3 0 (diminuzione) che provoca una traslazione della IS verso il basso.

IS (A )

1, 1 Nemmeno E3 è un punto di equilibrio esterno, in quanto la BP è

ancora in avanzo e il continua ad apprezzarsi fino a spostare la

IS (A ) IS verso il basso IS (A3,3)

0, 0

IS (A )

1, 3

Y Y

1 0

A questo punto, si verifica un effetto di sovra spiazzamento, in quanto il tasso di interesse è tornato ad essere quello di

equilibrio, ma il reddito è inferiore (Y1<Y ).

0

Come neutralizzare l’effetto? Aumentando l’offerta di moneta che fa spostare l’LM verso il basso e consente un

deprezzamento di tale da spostare la IS nella posizione di partenza.

,

Perciò abbiamo dimostrato come una politica fiscale espansiva finanziata con aumento di titoli fra diminuire il tasso di

cambio reale, e quindi una perdita di competitività del sistema; il tasso di interesse resta invariato al livello i , mentre sul

e

reddito abbiamo un effetto negativo di sovra spiazzamento o nullo.

POLITICA MONETARIA ESPANSIVA: La politica monetaria risulta questa volta essere efficace perché provoca

i un aumento del reddito (dovuto ad un deprezzamento del tasso di cambio

LM 0 che sposta la IS verso l’alto e la LM verso il basso a causa dell’aumento

LM 1 dell’offerta di moneta), e il tasso di cambio reale varia nella stessa

direzione dell’offerta di moneta. Il tasso di interesse resta fissato al tasso

ie, in quanto la perfetta mobilità dei capitali impedisce al tasso di variare

E 0

i E 1

0 in qualsiasi direzione.

Inoltre, nel caso generale, è bene precisare che la bilancia dei pagamenti

deve essere sempre in pareggio, perciò ad ogni aumento della BPC (ovvero

IS ( )

1 delle esportazioni nette), deve corrispondere una diminuzione dei

IS ( )

0 Y movimenti di capitale:

Y Y

0 1 BP = BPC + BMC = 0

7. Quali sono le operazioni di rifinanziamento praticate della BCE verso le banche ordinarie?

Possiamo dire che in un’economia aperta, esistono 2 mercati fondamentali in cui le banche si scambiano moneta:

MERCATO INTERBANCARIO : Le banche ordinarie in eccesso di liquidità la scambiano con le banche in difetto.

 Questi scambi vengono effettuati ad un tasso detto “overnight” perché resta costante un solo giorno, per

permettere alle banche di compensare la loro riserva obbligatoria di liquidità (che è in questo caso mobilizzabile).

Lo scambio della liquidità è a somma zero, la quantità di moneta venduta è esattamente pari a quella acquistata:

perciò non si crea nuova moneta. 5

MERCATO APERTO: La liquidità aggiuntiva viene fornita nel momento in cui è la banca centrale a partecipare al

 mercato interbancario aggiungendo con le operazioni di rifinanziamento una nuova offerta di base monetaria a

quella già esistente. Ogni giorno le banche domandano liquidità in base alla riserva di base monetaria (RR),

mentre l’offerta di liquidità è data dalle operazioni di rifinanziamento della BC (OF ).

BC

RR = OF BC

La BCE fornisce il rifinanziamento attraverso le operazioni standardizzate di mercato aperto pronti contro termine :

1. SU INIZIATIVA DELLA BCE:

a. OPERAZIONI DI RIFINANZIAMENTO PRINCIPALE:

p/t d’acquisto con durata 2 settimane, che si svolgono con procedura d’aste standard con cadenza settimanale

(ogni mercoledì). Ovviamente, nel giorno in cui si svolge una nuova asta, scade quella precedente di 2 settimane.

Se l’asta in scadenza aveva ammontare pari alla nuova asta, la liquidità resta invariata, se invece la nuova asta è di

ammontare superiore, aumenta la base monetaria. In questo modo la BCE persegue obiettivi intermedi di politica

monetaria. In caso di esigenze improvvise di liquidità, la BCE può ricorrere ad operazioni di fine tuning, ovvero

immissione di liquidità con procedure di asta non standardizzate.

b. OPERAZIONI DI RIFINANZIAMENTO PIU’ A LUNGO TERMINE

Assumono la forma di p/t d’acquisto della durata di 3 mesi, che si svolgono con la procedura di aste standard a

cadenza mensile. Il meccanismo è uguale al precedente

2. SU INIZIATIVA DELLE CONTROPARTI:

a. OPERAZIONI DI RIFINANZIAMENTO MARGINALE

In caso di necessità, ogni BO può chiedere alla BC di essere finanziata con qualsiasi ammontare di liquidità ad

un tasso pari al rifinanziamento principale più uno spread. Questo tasso costituisce il tasso ufficiale sul

rifinanziamento marginale e costituisce il limite massimo del corridoio di oscillazione del tasso overnight.

Infatti nessuna BO ha interesse a chiedere liquidità ad un’altra BO (all’interno del mercato interbancario) ad

un tasso superiore, perché può ottenere dalla BC qualsiasi ammontare di base monetaria.

b. OPERAZIONI DI DEPOSITO MARGINALE

Specularmente, le banche in eccesso di liquidità, possono chiedere alla BC di assorbire liquidità ad un tasso

pari a quello di rifinanziamento meno uno spread. Questo tasso diventa il limite minimo del corridoio di

oscillazione del tasso overnight, in quanto nessuna banca ha interesse a cedere liquidità ad un tasso più basso,

in quanto è ovviamente preferibile depositarla presso il proprio conto nella BC.

E’ opportuno notare, che in caso di mercato efficiente, le banche non dovrebbero ricorrere ad operazioni di finanziamento

e deposito marginale, infatti i valori di questi due componenti sono nulli o estremamente bassi. Le BO vi ricorrono

solamente per scongiurare perdite maggiori. Non a caso, il numero di ricorsi a questi strumenti è stato particolarmente

alto nel primo periodo di vita della BCE, quando vi era una sorta di inesperienza. Per questo motivo il corridoio era molto

ridotto intorno al tasso di rifinanziamento principale (circa 0,5 punti a fronte dei 2,5 attuali).

8. Lo studente illustri l’equilibrio del mercato della nuova liquidità nel caso di asta a tasso fisso e asta a tasso

variabile e dia una rappresentazione grafica di entrambi i casi.

Le operazioni di mercato aperto sono effettuate attraverso un meccanismo d’asta, che consiste in un annuncio dell’asta da

parte della BCE o delle BCN, cui segue l’invio delle offerte alle BO, l’assegnazione degli importi in base a criteri prestabiliti,

l’annuncio dei risultati dell’asta, e infine, il regolamento dell’operazione con conseguente movimento di liquidità e di titoli

(non sempre previsto).

Esistono fondamentalmente due tipi di ASTA:

- ASTA STANDARD : Utilizzate sia per le ORP che per le ORLT. Dal calendario pubblicato dalla Banca d’Italia risulta:

LUN Annuncio : ore 15.30 Op. Rifin. Principale

Le BO fanno le loro offerte fino alle 9.30 di martedi

MAR Aggiudicazione: ore 11.15 Op. Rifin. Principale

MER Regolamento Op. Rifin. Principale

- ASTA VELOCE: Utilizzate principalmente per le operazioni di fine tuning.Può essere annunciata in un qualsiasi

momento:

45 minuti per fare le offerte

o 10 minuti successivi per l’aggiudicazione

o 6


PAGINE

7

PESO

1.26 MB

AUTORE

Moses

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in economia e gestione aziendale
SSD:
Università: Brescia - Unibs
A.A.: 2010-2011

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Moses di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Macroeconomia II e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Brescia - Unibs o del prof Biondo Emanuele.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Corso di laurea in economia e gestione aziendale

Esercitazione svolte, Economia e gestione delle imprese
Esercitazione
Lezioni, Storia economica
Appunto
Riassunto esame Economia Aziendale, prof. Mazzoleni, libro consigliato Sunstar
Appunto
Esercitazioni e teoria: Appunti di Analisi e Contabilità Conti
Appunto