Che materia stai cercando?

Lezioni, Geografia Appunti scolastici Premium

Appunti di Geografia per l’esame della professoressa Guarducci . Gli argomenti trattati sono i seguenti: la geografia che concerne lo spazio e ció che in esso agisce, la geografia della popolazione, il termine densità di popolazione, una riduzione di feconditá.

Esame di Geografia umana docente Prof. A. Guarducci

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

I tassi registrano semplicemente le frequenze con cui si verifica un evento in un dato intervallo di

tempo all’interno di una popolazione. Le coorti sono dati riguardanti un particolare gruppo della

popolazione accomunato da una specifica caratteristica.

Il tasso generico di natalitá rappresenta il numero di bambini nati vivi durante l’anno, si definisce

generico in quanto collega le nascite alla popolazione mondiale. I tassi inferiori al 18% sono

considerati bassi e di solito caratterizzano i paesi industrializzati, mentre un tasso alto é quello del

30% registrato in paesi com africa, america latina.

Un altro tasso importante é quello della feconditá, ovvero un indicatore della capacitá riproduttiva

delle donne in etá feconda; infine c’é il tasso di mortalitá che come ovviamente descrive il nome,

indica il numero di decessi avvenuti nell’anno preso in esame.

Il numero di nascite e di morti all’interno di una regione indicano solo una parte della storia del

cambiamento demografico, la migrazione comporta lo spostamento di individui e quando tale

spostamento ha luogo fra condfini di entitá politiche diverse esso incide sulla struttura demografica.

L’equazione demografica sintetizza il contributo apportato alla variazione demografgica regionale nel

corso del tempo dalla combinazione di cambiamento naturale (differenza nascite-morti) ed

emigrazione netta.

Quasi il 90% della popolazione mondiale vive al nord dell’equatore, e due terzi nelle latitudini

centrali. Con il termine ecumene si designa aree prmanentemente abitate della superficie

terrestre, a differenza del termine anecumene, ossia la zona disabitata o scarsamente abitata

come le calotte glaciali o deserti ecc.

Con il termine densità di popolazione intendiamo esprimiamo la relazione tra il numero degli

abitanti e l’area da essi abitata. Si esprime con due varianti: la densità numerica ovvero il

numero di individui per area unitaria di superficie; e densità fisiologica ovvero il rapporto tra

la poplazione di un paese e il terreno coltivabile.

Cn la densità di poplazione si arriva ovviamente al concetto di sovrappopolazione, che come

si sa esprime il dato di un territorio che non é in grado di sostenere la propria popolazione, al

contrario di sottopopolazione che ovviamente esprime il numero troppo esiguo di abitanti in

un determinato territorio. Il primo caso di solito avviene quando c’è squilibrio da il nu mero

degli individui e la capacità di carico (capacità che un posto può contenere persone).

Le proiezioni demografiche sono soprattutto stime che riguardano sesso,età e dimensioni della

popolazione, ma non sono previsioni poichè al contrario die metereologi i demografi lavorano

con dati lacunosi e imprecisi. Tutte queste proiezioni partono dal presupposto che la crescita

demografica si arresterà e si stabilizzerà al livello di sostituzione. La pressione sulla terra non

deriva dal numero eccessivo di abitantii ma dal cibo,energia e dalle altre risorse di

sostentamento.

Un economista e demografo inglese di nome Thomas Malthus, espose questo problema in un

suo famoso saggio dal titolo Saggio sul principio di popolazione pubblicato nel 1798 e

affermava infatti chetutte le popolazioni biologiche hanno un potenziale di incremento che

supera le risorse necessarie al proprio sostentamento e che quindi queste saranno limitate.

Seguendo questa teori si deve quindi raggiungere un equilibrio tra numero di individui e le

risorse di sostentamento. Infatti quando una popolazione è equivalente alla capacità di carico

del posto in cui vive si dice che essa ha raggiunto un „plateau omeostatico“ (stato di

equilibrio).

Le teorie di Malthus potrarono nuove idee e come avviene sempre vennero fuori altre tesi atte

a confutare la tesi del demografo inglese. Ci furono saggi catastrofici come quello di Ehrilch,

il quale diceva che la crescita demografica avrebbe portato il sistema al collasso, o altri più

ottimisti , i cosiddetti „cornocupiani“ i quali affermavano che la crescita non rappresentava un

deterrente ma bensì uno stimolo allo sviluppo e che le menti umane costituiscono le risorse

fondamentali.

Ma una riduzione di feconditá non implica un arresto demografico immediato; infatti data

l’età di molte societá le nascite continueranno ad aumentare anche in corrispondenza ad un

calo del tasso di feconditá. Questo si deve ricercare nel cosiddetto momentum demografico (o

inerzia demografica) e l’elemento chiave é la struttura per etá della popolazione di un paese.

Capitolo5

Lingue e religioni sono componenti fondamentali delkle culture ,consentono di identificare

chi siamo e cosa siamo e ci collocano all’interno di più vaste collettivitá di persone. La lingua

è il mezzo più importante attraverso il quale viene trasmessa la cultura ed é ujn segno

distintivo.

Nel suo significato piú ampio lingua vuol dire un metodo sistematico utilizzato dall’uomo per

comunicare idee, atteggiamenti o intenzioni attraverso segni,suoni o gesti.

Ad esempio la linguia correntemente definita cinese é in realtá un insieme di idiomi correlati

ma distinti, la sua uniformitá risiede nel fatto che le varie lingue vengono scritte nello stesso

modo. Cosí l’arabo é anch’esso un insieme di diversi idiomi.

Oltreb la metá degli abitanti del mondo possiede una lingia madre che f aparte di un gruppo di

otto lingiue, e questa prevalenza di pochi idiomi riflette il fatto che la diversitá linguistica sta

subendo un rapido cambiamento.

La diversitá di diverse lingue risulta semplificata dall’esistenza di una serie di famiglie

linguistiche , che rappresenta infatti un gruppo di lingue che discendono da un singolo idioma

originale.

Un esempio famoso é quello del latino che anticamente veniva parlato da un capo all’altro

dell’impero romano e poi col suo disfacimento ha contribuito alla diversitá linguistica,

successivamente emersero le lingue romanze come l’italiano,il rumeno lo spagnolo, il frances

e il portoghese. A differenza delle lingue germaniche che come l’in glese e il tedesco derivano

dalle popolazioni che risiedevano nella parte bassa della scandinavia. Il latino in quetso

esempio viene definito proto-lingua in quanto capostipite della lingua; la classificazione in

base alla relazione delle vicende storiche si dice classificazione genetica.

Una comunitá possiede solitamente una lingua ufficiale e una serie di dialetti che rispecchiano

una zona geografica, e di dolito il vernacolo veniva usasto da classi sociali piú basse rispetto a

persone con cultura piú elevata che seguivano la lingua standard.

Di solito quando una comunitá con una lingua piú forte viene a contatto con un altra

popolazione a lungo termine si crea una terza lingua che é l’unione semplificata di queste due,

che viene chiamato pidgin, che non é una lingua madre mau na seconda lingua comune

generalmente limitato a funzioni quali commercio,amministrazione ecc.

Ma quando un pidgin diviene la lingua madre assistiamo all’evoluzione di una lingua creola,

che inevitabilmente finisce per acquisire una struttura grammaticale piú complessa e un

lessico magiormente articolato.

Quando peró due comunitá vengono a contatto tra loro e non ci sono i fattori per amalgamare

le due lingue si usa di solito una lingua franca, ovvero un idioma destinato ai bisogni piú

elementari di comunicazione oggi la lingua franca per eccellenza é considerato l’inglese.

I toponimi ossia i nomi propri dei luoghi, sono un esempio di influenza esercitata dalla lingua

sul territorio come in sardegna ad esempio dove sui cartelli stradali si sono adottate le lingue

anche minoritarie.

La geografia linguistica divenne ben presto un ramo ben definito nelle scienze linguistiche, e

lo scopo era quello di ricostruire la storia delle parole, delle flessioni partendo dal territorio.

Le pronunce simili non sono distribuiti a caso nello spazio ma si potevano tracciare delle linee

sulle carte che vennero chiamate isoglosse se si riferivano a fenomeni lessicali, e isofone se si

riferivanao a pronunce.

Uno di questi fenomeni puó essere l’uso di una lingua comune nella religione, ovvero una

lingua che faccia sentire i credenti partecipi dello stesso rito. Infatti la lingua liturgica se é di

forma arcaica é accettata senza problemi da tutti i fedeli anche se parlano un altra lingua. Nel


PAGINE

6

PESO

50.50 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze dei beni culturali
SSD:
Università: Siena - Unisi
A.A.: 2014-2015

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher hastur86-votailprof di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Geografia umana e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Siena - Unisi o del prof Guarducci Anna.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Corso di laurea in scienze dei beni culturali

Codicologia II parte
Appunto
Archivistica A
Appunto
Archivistica Lezioni I-II-III-IV
Appunto
Alla Conquista del Nuovo Mondo, Storia moderna
Appunto