Che materia stai cercando?

La tutela dei diritti dell'asilante

Appunti di diritto dell'immigrazione sulla tutela dei diritti dell'asilante basati su appunti personali del publisher presi alle lezioni della prof. Consito dell’università degli Studi di Torino - Unito, facoltà di Giurisprudenza. Scarica il file in formato PDF!

Esame di Diritto dell'immigrazione docente Prof. M. Consito

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

La tutela dei diritti dell’asilante.

Conferenza. 27 ottobre 2017.

Presiede: prof. Rosario Ferrara.

Intervengono: prof.ssa Laura Maria Scomparin (Direttore del Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università di Torino),

prof. Marcello Clarich (Università LUISS di Roma), prof. Alessandra Venturini, prof. Enrico Grosso, dott.ssa Sandra Sarti

(presidente della Commissione nazionale per il diritto di asilo), dott.ssa Michela Tamagnone (presidente IX sezione civile

Tribunale di Torino), dott. Renato Saccone (Prefetto, Ufficio territoriale del Governo di Torino), prof. Roberto Cavallo

Perin.

Il quadro normativo è stato sconvolto. Il mutamento è stato un mutamento trasferito nella legge 46/2017, che ha

introdotto molte novità in materia di immigrazione e di richiedenti asilo.

L’intervento governativo ha voluto incidere su almeno 2 degli aspetti che investono la disciplina giuridica del richiedente

asilo, che vanno dalla ricezione dello straniero nel territorio dello Stato fino al ricorso in Cassazione per il riconoscimento

della protezione internazionale.

Sulla ricezione od accoglienza, l’interesse del giurista non può non essere attratto dalla disciplina del trattenimento

amministrativo, disciplina particolarmente ambigua. Un penalista pensa, in ambito del trattenimento, all’articolo 13 della

Costituzione.

Il Governo ha pensato di invertire una tendenza consolidata: arrivare ad una progressiva riduzione dei centri di

trattenimento, in linea con la direttiva europea del 2013, che prevede che siano residuali. Questa inversione di tendenza

è un dato significativo di difficile spiegazione rispetto alle direttive europee.

Qual è la necessità di dire che questi centri devono rispettare l’assoluto rispetto della dignità umana? La domanda è:

abbiamo bisogno di una previsione generale ed ampia di questo tipo? Più che di questo, l’Italia non può non sentire con

urgenza di regolamentare la limitazione della libertà personale nei centri di trattenimento. Abbiamo una disciplina

significativa, anche oggetto di riforma, ma non abbiamo una disciplina delle modalità di trattenimento.

I centri dedicati all’identificazione dei migranti: abbiamo uno specifico problema degli hotspot. Il recente intervento

legislativo sembrava consapevole di dover dettare una disciplina normativa per questi centri, che in sede di attuazione

ha trovato una sconvolgente vaghezza. Si rimanda alla legge Puglia, che nulla dice sui regolamenti di questi centri.

All’interno di questi centri non è consentito l’accesso del Garante per le persone detenute; lo ha avuto solo il Garante

Nazionale, ma non i Garanti territoriali.

Abbiamo una sentenza di condanna europea del settembre 2016.

È un momento delicato per l’accoglienza dei migranti, perché all’interno di questi centri si hanno eventi che hanno riflessi

anche sulla protezione internazionale. Il rifiuto di sottoporsi all’identificazione dà origine al rischio di fuga dai centri di

detenzione.

La legge ha un nuovo attore e nuove regole per il riconoscimento della protezione internazionale. L’obiettivo ha trovato

strumenti adeguati. La concentrazione nei tribunali distrettuali e specializzazione delle sezioni aiuta ad arrivare ad una

maggiore uniformità di orientamenti. Le sezioni non sono le sezioni che si occupano in generale di immigrazione, perché

altre competenze restano dei giudici di pace o dei giudici amministrativi.

È sulle regole procedimentali che le novità sono più significative e che hanno raccolto l’interesse di giudici e degli

interpreti.

La direttrice di fondo su cui si è orientato il legislatore è di costruire, per il procedimento di riconoscimento, un

procedimento contraddittorio, scritto e con udienza solo eventuale. È un’eccezione rispetto al codice di procedura civile.

Eccezione ben possibile, ma che confina l’udienza in questa materia ad un’estrema residualità, perché anche i casi che

vengono individuati come meritevoli di udienza, sono solo apparentemente come tali, perché vengono lasciati alla

discrezionalità del giudice.

Nel momento in cui io ho un’udienza meramente eventuale ed un contraddittorio scritto, ho una sostanziale esclusione

del principio di pubblicità. Il legislatore ha fatto una scelta in controtendenza rispetto alla Corte europea dei diritti

dell’uomo e della nostra Corte costituzionale.

• Particolare rilevanza della posta in gioco.

• Carattere meramente tecnico delle procedure. Spesso il problema riguarda per lo più lo stato delle persone, e

quindi di facile accesso al popolo nel cui nome la giustizia è amministrata.

• Il legislatore elimina il giudizio d’appello. L’esclusione del secondo grado di giudizio è un’esclusione delicata,

perché ci può essere un sacrificio del secondo grado di giudizio, ma la Corte costituzionale ha sempre

sostenuto che deve riguardare la procedura nel complesso.

Quello che è stato apprezzato da tutti è stata la necessità di una procura alle liti per l’impugnazione in Cassazione dopo

la conoscenza della sentenza di primo grado. Previsione molto opportuna. Tra qualche anno avremmo più il polso di

quanto è accaduto nell’iter del processo.

Sicurezza e diritti dell’immigrazione. Prof. Clarich.

Da un lato c’è il problema della garanzia dei diritti, ma bisogna anche cercare di porsi sull’altro versante, sia delle

Pubbliche Amministrazioni, sia l’aspetto di come lo Stato si trova a regolare e gestire un fenomeno estremamente

complesso.

Bisogna innanzitutto capire il fenomeno che si vuole regolare: l’immigrazione con finalità di richiesta di asilo politico.

Fenomeno che a volte si confonde con il fenomeno dell’immigrazione economica. Sono due problemi che si intrecciano.

Come si distingue il migrante economico dal migrante richiedente asilo?

Il primo problema che deve porsi il legislatore è individuare i migranti dell’una e dell’altra categoria, in quanto le

procedure sono differenti. Per il migrante economico c’è l’espulsione. I motivi che consentono di entrare nell’altra

categoria si reggono su un’autodichiarazione. Quindi scatta il problema delle garanzie. Ma che succede di questa

persona nella fase di accertamento?

Siamo in presenza di un fenomeno che non dominiamo. È un fenomeno che nella sua dimensione se non entro limitati

limiti dal sistema che vuole regolare il fenomeno. Ciò pone problemi di programmazione. In Italia il ruolo principale è

delle Prefetture, per distribuire la massa di migranti all’interno del territorio.

Si tratta di un sistema che presenta una pluralità di fonti legislative. Si ha una cornice europea, perché è un fenomeno

che interessa tutti gli stati europeo. Vi è poi una legislazione nazionale italiana, vi è poi un livello normativo, anche se

non in senso stretto, per cui tali fenomeni si possono gestire solo stipulando accordi con gli Stati d’origine.

Il meccanismo si regge sulla sussidiarietà verticale (Stato ed enti territoriali) ed orizzontale.

Vi è un forte sostegno economico agli enti locali che aderiscono a questo sistema, e che quindi accolgono un certo

numero di richiedenti asilo. Il fondo nazionale copre l’80% dei costi che gli enti locali devono sopportare. L’adesione al

sistema è su base volontaria da parte dei comuni, per cui ad oggi solo una minoranza di essi ha aderito al sistema.

È sul piano organizzativo, bisogna mettere in campo una macchina molto complessa, sia a livello centrale che a livello

locale.

Il problema è a livello di finanziamento: l’accoglienza non è mai a costo zero. Qui si entra un terreno di scelte

squisitamente politiche, di quanto lo Stato italiano è disposto a mettere in campo in tema di risorse. La Germania, ad

esempio, mette in campo risorse 10 volte superiore a quelle italiane. Si pone anche un problema di allocazione delle

risorse.

Abbiamo anche il problema dell’effettività dei poteri che vengono esercitati. Al termine dei processi in cui si stabilisce che

il migrante non rientra nella categoria degli asilanti, spesso i provvedimenti conseguenti rimangono ineseguiti,

alimentando il fenomeno dell’immigrazione clandestina, che non dovrebbe essere favorito o tollerato oltre certi limiti.

Politiche pubbliche in materia di integrazione, assistenza, diritto al lavoro, alla salute ed all’alloggio. “Aiutare ed esigere”:

il soggetto che noi accogliamo, anche per ragioni politiche, deve essere disposto ad integrarsi. Anche per quanto

riguarda il lavoro. Al di là di quella che può essere la durezza tedesca, ci riporta alla nostra Costituzione, basata su diritti

e doveri. Approccio pratico. Dott.ssa Tamagnone.

Sono stati chiamati a valutare la materia dei magistrati, che devono applicare la normativa. La normativa dice che una

cosa è avere diritto all’asilo. Poi vi è la protezione sussidiaria, quando si rischia, tornando nel proprio paese, la pena di

morte od un danno grave (sostanzialmente equiparato alla pena di morte) o quando la situazione del paese d’origine è

talmente grave che il soggetto, tornando indietro, rischierebbe la vita. Terzo tipo di protezione: esiste solo in Italia, fino a

qualche anno fa era solo un permesso di soggiorno, quando vi sono motivi particolari di carattere umanitario,

sottoponibili ad obblighi costituzionali od internazionali dello Stato.

Quando la protezione umanitaria è passata ai magistrati, essendo il procedimento precedente monocratico, si è assistito

ad una certa fantasia. Alcuni magistrati affermavano che la protezione umanitaria presupponeva una certa vulnerabilità


PAGINE

5

PESO

24.71 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in giurisprudenza
SSD:
Università: Torino - Unito
A.A.: 2018-2019

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher francesca ghione di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Diritto dell'immigrazione e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Torino - Unito o del prof Consito Manuela.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Diritto dell'immigrazione

Protezione internazionale
Appunto
Attraverso la terra attraverso il mare. Trauma da migrazione
Appunto
Minori stranieri non accompagnati
Appunto
Diritto privato romano - 100 Domande e Risposte - Programma completo - Università di Torino
Appunto