Che materia stai cercando?

La lettera ai Galati: la comunità di Galazia, occasione e data dello scritto, suddivisione, contenuto e temi teologici Appunti scolastici Premium

Appunti di Introduzione al Nuovo Testamento sulla La lettera ai Galati: la comunità di Galazia, occasione e data dello scritto, suddivisione, contenuto e temi teologici basati su appunti personali del publisher presi alle lezioni del prof. Gammarelli, dell’università degli Studi Istituto superiore di Scienze Religiose - Issr. Scarica il file in formato PDF!

Introduzione
1.... Vedi di più

Esame di Introduzione al Nuovo Testamento docente Prof. E. Gammarelli

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

settentrionale, quella propriamente detta, e quella del sud, che comprende anche la Pisidia, la

2

Licaonia, il Ponto e l'Armenia minore . La maggior parte degli studi propende per la prima

ipotesi, e cioè che i destinatari della lettera fossero gli abitanti della regione settentrionale

3

corrispondente al triangolo Ancyra-Pessinunte-Tavio, ossia i Galátai propriamente detti .

Queste comunità appartenenti “alle chiese della Galazia” (Gal 1,2) sono sorte grazie

all'opera evangelizzatrice di Paolo nel suo secondo viaggio missionario, dove si trattenne più

del previsto a causa di una malattia. Quando lasciò quei territori, le comunità erano molto

fiorenti; anche in un successivo terzo viaggio missionario, come raccontano gli Atti (18,23),

4

Paolo potè constatare che questi fedeli perseveravano nel loro cammino di fede .

2. Occasione e data dello scritto

Secondo le ipotesi più accreditate, la Lettera fu scritta durante il soggiorno di Paolo ad

Efeso, nel 54-55 d. C.. C'è anche chi la colloca nei due anni successivi, 56-57, in questo caso

5

quando l'autore si trovava in Macedonia e Corinto . In ogni caso, è certo che risale al suo

terzo viaggio missionario.

La lettera fu dunque scritta dopo aver appreso della presenza di alcuni missionari

itineranti provenienti da Gerusalemme, che si erano infiltrati nelle chiese della Galazia e con

la loro predicazione avevano messo in dubbio l'apostolato del loro predecessore, gettandovi

6

discredito e condannandone il metodo. Questi affermavano, ad esempio, che Paolo non

avesse ricevuto alcuna investitura ufficiale da parte delle autorità della Chiesa, che facevano

7

capo al gruppo dei dodici apostoli .

Si trattava dei cosiddetti “giudaizzanti”, giudei convertiti al cristianesimo, che

sostenevano la necessità della legge mosaica e di tutto il contesto giudaico – a cominciare ad

2 Cfr. R. FABRIS, Introduzione alla lettura di Paolo, Istituto Superiore di Scienze Religiose 'Ut unim

sint', Roma 1985, pp. 136-137.

3 Cfr. U. VANNI, voce Galati (lettera ai), in P. ROSSANO-G. RAVASI-A. GIRLANDA (a cura di), op.

cit., p. 561.

4 Cfr. U. VANNI, voce Galati (lettera ai), in P. ROSSANO-G. RAVASI-A. GIRLANDA (a cura di), op.

cit., p. 561.

5 Cfr. P. DEBERGÉ-J. NIEUVIARTS (a cura di), Guida di lettura del Nuovo Testamento, EDB, Bologna

2009, p. 19. Vedi anche F. BIANCHINI, Lettera ai Galati, Cittá Nuova, 2009.

6 Cfr. R. FABRIS, Introduzione alla lettura di Paolo, op. cit., p. 139.

7 Cfr. Cfr. P. DEBERGÉ-J. NIEUVIARTS (a cura di), Guida di lettura del Nuovo Testamento, op. cit., p.

19. 3

esempio dalla circoncisione –, per poter essere dei veri cristiani. Mentre Paolo aveva invece

indicato nella fede e nel battesimo la via diretta per arrivare a Cristo, senza la necessità di

8

sottostare alle norme e alle pratiche giudaiche . In sostanza, a dire dei giudaizzanti, si trattava

di un vangelo del tutto soggettivo, che per essere accettato facilmente dai pagani (cfr. Gal

1,10) era stato ammorbidito nei suoi dettami. In ogni caso, la presenza dei nuovi missionari

aveva senz'altro provocato un forte turbamento spirituale nelle popolazioni di quei territori.

Anche perché la “legge” rappresentava una modalità di verifica umana a differenza della sola

fede, e quindi se da una parte poteva rappresentare un “peso”, dall'altra era anche un elemento

9

di “garanzia” e sicurezza .

Paolo reagisce con forza e, potremmo dire, veemenza alle accuse e all'operato

destabilizzante dei giudaizzanti, riproponendo e difendendo sia la sua identità di apostolo

quanto la validità del vangelo da lui proclamato. Lo stile, il tono e le argomentazioni che

l'Apostolo utilizza sono anche una certificazione dell'autenticità del testo e del fatto che a

scriverlo sia stato realmente lui.

3. Suddivisione e contenuto

La Lettera, come è facile evincere, è suddivisa in sei capitoli, ma le parti che la

caratterizzano sono sostanzialmente cinque, come propone Vanni. C'è l'indirizzo di saluto (1)

– dove tra l'altro non vi è traccia del ringraziamento abituale che l'Apostolo rivolge ai suoi

destinatari –, la presentazione dell'argomento oggetto della missiva (2), riferimenti

autobiografici per avvalorare la sua “autorità” (3), l'insegnamento dottrinale vero e proprio

con le conseguenti esortazioni etiche (4) e la conclusione, con un saluto vergato di propria

10

mano, in cui questa volta si rivolge ai Galati in maniera più distesa chiamandoli “fratelli” .

Questa suddivisione può essere a sua volta racchiusa in due grandi tappe, come

argomenta invece Fabris. Una prima parte, in cui si evidenzia che all'origine della missione di

Paolo e al centro del suo messaggio c'è Gesù Cristo (cfr. Gal 1,1-2,21), e una seconda parte,

dove lo stesso Messia rappresenta il compimento del progetto salvifico di Dio – dalla

promessa fatta da Abramo (cfr. Gal 3,6-14) al compimento della salvezza stessa (cfr. Gal 4,1-

8 Cfr. U. VANNI, voce Galati (lettera ai), in P. ROSSANO-G. RAVASI-A. GIRLANDA (a cura di), op.

cit., p. 561.

9 Cfr. Ibidem.

10 Cfr. U. VANNI, voce Galati (lettera ai), in P. ROSSANO-G. RAVASI-A. GIRLANDA (a cura di), op.

cit., p. 562. 4

11

7) . Altri autori, come ad esempio Betz, propongono una suddivisione diversa della Lettera,

facendola appartenere al genere giudiziario dell'apologia e attribuendole uno schema che

corrisponderebbe ai modelli della retorica antica: exordium (introduzione), narratio

(descrizione del problema), probatio (le riflessioni sulla discendenza di Abramo), exortatio

12

(“Cristo ci ha liberato perché restassimo liberi”, Gal 5,1) e conclusio (saluti finali) . Questa

attribuzione, però, ha il grosso limite di considerare il testo paolino esclusivamente come

discorso apologetico, quanto invece ciò ne costituisce – come vedremo tra poco – soltanto una

delle parti.

Entrando nel merito del contenuto, già sin dall'indirizzo di saluto Paolo si definisce

apostolo “per mezzo di Gesù Cristo e di Dio Padre” (Gal 1,1) e non da parte di uomini,

rivendicando così la sua autorità al pari dei Dodici. Ciò gli concede il diritto a dirsi in qualche

modo “sorpreso” per la deriva in cui era occorsa la comunità di Galazia, che aveva

13

abbandonato “così in fretta” il vangelo di Cristo per seguire “un altro vangelo” (1,6) . Invece,

afferma Paolo, il vangelo è uno soltanto ed è quello da lui annunciato, il quale “non segue un

modello umano” (1,11) e gli è stato rivelato direttamente da Gesù Cristo (cfr. 1,12).

Per avvalorare queste tesi, Paolo fa anche dei riferimenti autobiografici, come il

racconto dell'incontro avuto con Cefa e con le persone più autorevoli della comunità di

Gerusalemme (cfr. 1,18-24), o di quando vi ritornò quattordici anni dopo portandosi anche

Tito, al quale, pur essendo greco, non gli fu imposto di farsi circoncidere (cfr. 2,1-6). Un

ultimo episodio autobiografico raccontato riguarda la sua opposizione “a viso aperto” a Pietro

ad Antiòchia, il quale aveva assunto un atteggiamento incoerente visto che, “per timore dei

circoncisi”, cominciò a non prendere più il cibo insieme ai pagani (2,11-14).

La successiva parte della lettera (3,1-5,12) è prettamente dottrinale e presenta i

principali tratti caratteristici dell'insegnamento paolino. Come ad esempio, che la

giustificazione viene dalla fede e non dalle opere della Legge. Abramo, infatti, fu benedetto a

motivo della sua fede e la promessa della ricompensa (poi mantenuta) – e non la Legge –

rappresenta la garanzia dell'eredità e della discendenza avuta. Quanto alla Legge, invece,

questa fu introdotta “a motivo delle trasgressioni” (3,19) prima della venuta di Cristo, il quale

Cfr. R. FABRIS, Introduzione alla lettura di Paolo, op. cit., pp. 140-141.

11 Cfr. P. DEBERGÉ-J. NIEUVIARTS (a cura di), Guida di lettura del Nuovo Testamento, op. cit., p.

12

408. Vedi anche G. THEISSEN, Il Nuovo Testamento, Carocci, Roma 2003.

Quando non diversamente specificato, i riferimenti in parentesi si riferiscono sempre a Galati (Gal).

13 5

ha riscattato il popolo dalla maledizione della stessa, “diventando lui stesso maledizione per

noi” (3,13). In altre parole, la Legge “è stata per noi come un pedagogo” (3,24), del quale,

venuto Cristo, non se ne ha più bisogno. .

L'altro argomento è quello della filiazione divina dell'uomo, che “si realizza quando

14

Dio, nella pienezza dei tempi, invia il proprio Figlio e dà il dono dello Spirito (4, 1-7)” . Ma

poiché i Galati hanno perso la fede, Paolo afferma di doverli partorire di nuovo nel dolore,

“finché Cristo non sia formato” in loro (cfr. 4,19). Detto ciò, chiarisce che riporre le proprie

speranze nella circoncisione (“nella Legge”) equivale ad essere “decaduti dalla grazia” e

quindi a porsi nuovamente sotto “il giogo della schiavitù”, che invece Cristo ha spezzato con

il Suo sacrificio (cfr. 5,1-4).

Vi sono poi le esortazioni etiche che occupano tutta la quarta parte (5,13 – 6,10).

Innanzitutto, la libertà alla quale si è stati chiamati non deve diventare “un pretesto per la

carne”, ma la condizione per realizzare il comandamento dell'amore: “Amerai il tuo prossimo

come te stesso” (5,13-14). La vita nello Spirito, infatti, porta a una costante vigilanza su se

stessi (cfr. 6,1), a portare “i pesi gli uni degli altri” (6, 2) e a operare “il bene verso tutti”

(6,10). Diversamente, la carne “ha desideri contrari allo Spirito” e chi compie queste opere

(fornicazione, impurità, dissolutezza, idolatria, ecc.) “non erediterà il regno di Dio” (cfr. 5,

19-21).

La conclusione è davvero singolare. Paolo, infatti, dice di scrivere di propria mano e

“con grossi caratteri” (6,11) come a evidenziare ulteriormente l'importanza per quanto

affermato e la premura per i “fratelli” (6,1 e 6,18) Galati, anche se il tono è decisamente più

disteso rispetto all'introduzione. In sintesi ribadisce che la circoncisione non ha effetto

salvifico perché non rende “nuova creatura” (6,15).

4. Temi teologici

Dopo aver visto la struttura e i contenuti preminenti della Lettera, è possibile estrapolare

da questi i principali temi teologici. Seguendo lo schema letterario del testo paolino, il

contenuto teologico che ne emerge riguarda sostanzialmente tre punti: il vangelo, il

superamento della Legge mediante la fede in Gesù Cristo, e la filiazione divina (con

conseguente superamento di ogni genere di discriminazione), cui abbiamo accennato anche

14 Cfr. U. VANNI, voce Galati (lettera ai), in P. ROSSANO-G. RAVASI-A. GIRLANDA (a cura di),

op. cit., p. 562. 6


PAGINE

9

PESO

53.50 KB

AUTORE

tridente

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE APPUNTO

Appunti di Introduzione al Nuovo Testamento sulla La lettera ai Galati: la comunità di Galazia, occasione e data dello scritto, suddivisione, contenuto e temi teologici basati su appunti personali del publisher presi alle lezioni del prof. Gammarelli, dell’università degli Studi Istituto superiore di Scienze Religiose - Issr. Scarica il file in formato PDF!

Introduzione
1. La comunità di Galazia
2. Occasione e data dello scritto
3. Suddivisione e contenuto
4. Temi teologici
Conclusione
Bibliografia


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in Scienze religiose
SSD:

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher tridente di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Introduzione al Nuovo Testamento e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Istituto superiore di Scienze Religiose - Issr o del prof Gammarelli Ettore.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Corso di laurea in scienze religiose

La controversia ariana
Appunto
Le dimensioni, il linguaggio e le sue espressioni storiche di una o più tra le forme religiose secondarie, derivate o degradate.
Appunto
Lezioni: Appunti di Storia della Chiesa
Appunto
La teologia sistematica di Origene
Appunto