Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

di una lingua diversa dalla propria è considerato fondamentalmente identico al processo

naturale di introiezione della lingua materna da parte dei bambini a condizione che vi sia

comunicazione significativa nella lingua obiettivo nel senso che chi comunica si preoccupi del

contenuto del messaggio e non della forma.

L’apprendimento è invece l’interiorizzazione consapevole delle regole per la produzione

linguistica. Richiamando la regola necessaria ancor prima che l’enunciato sia prodotto, l’output

è sottoposto a un’operazione di monitoraggio ed editing che garantisce la correttezza

grammaticale del messaggio. Per illustrare la distinzione tra acquisizione e apprendimento.

Krashen propone un confronto con le due diverse modalità per imparare a giocare a tennis.

Rifacendosi a Gallwey, autore di The Inner Game of Tennis, Krashen afferma che l’acquisizione

è paragonabile all’approccio Gestalt, mentre l’apprendimento corrisponde allo studio

dell’esecuzione della battuta attraverso la sua scomposizione nei vari passaggi che sono

appresi uno per volta. Ipotesi del Monitor

L’ipotesi devono postula che, nella produzione un una L2, gli adulti ricorrono

all’apprendimento e all’acquisizione in modo diversi. Una delle principali affermazioni della

teoria del Monitor consiste nel fatto che l’apprendimento consapevole è disponibile solo per

mezzo del monitor, il dispositivo per il controllo o editino della produzione.

Sotto la spinta di ciò che si è acquisito, l’enunciato in via di produzione è sottoposto al

controllo del monitor che modifica e verifica l’output finale. Perché il monitor possa funzionare,

devono sussistere tre condizioni:

a) chi parla/scrive deve avere sufficiente tempo a disposizione per applicare le regole, il

che non accade molto frequentemente nella conversazione informale non pianificata;

b) chi parla/scrive deve concentrarsi sulla forma, nel senso che si deve preoccupare di

come piuttosto che di cosa esprimere;

c) chi parla/scrive deve conoscere la regola da adottare in una data occasione

comunicativa. In questa prospettiva, si ricorre in modo eccessivo al monitor nei casi in

cui, pur non avendo acquisito nulla della lingua oggetto di studio, si riesce comunque a

costruire frasi trasferendo le strutture dalla lingua materna nella lingua straniera con

l’aiuto del monitor. Ordine naturale

L’ipotesi sull’ordine naturale consiste nell’affermazione che le persone acquisiscono le strutture

della lingua obiettivo seguendo un ordine assolutamente indipendente da quella della lingua

materna. L’ordine di acquisizione non sembra dipendere dalla semplicità delle strutture e ci

sono prove evidenti della mancanza di rapporto con i principi di sequenza e progressione in cui

le regole sono presentate nelle lezioni di lingua. Lo sviluppo dell’ordine di acquisizione segue

un suo percorso naturale che la conoscenza esplicita delle regole della grammatica non riesce a

modificare sensibilmente.

Nell’approccio che deriva dall’ipotesi naturale di Krashen e Terrell, si assume che il

processo di interiorizzazione di una lingua straniera segua un processo di sviluppo analogo a

quello dell’acquisizione della lingua materna. Sulla scorta del presupposto che

l’interiorizzazione linguistica si attui naturalmente, le regole grammaticali non vengono quindi

mai presentate.

Numerosi studi sull’acquisizione sia della LI sia della L2 avvalorano l’ipotesi di Krashen.

Lo studio longitudinale di Brown relativo all’acquisizione della LI viene, sostanzialmente

confermato dagli studi trasversali di Dulay e Burt e dallo studio dei de Villiers. Anche la ricerca

di Pica conferma l’ipotesi di Krashen, mentre gli studi di Pienemann mostrano che l’ordine di

acquisizione non è influenzato dallo studio in contesto formale.

Riguardo alla maggiore o minore variazione nei diversi ordini di acquisizione, all’interno

delle categorie che dipendono dal nome e dal verbo l’ordine è in realtà simile.

Input

Dall’acquisizione/apprendimento deriva l’ipotesi dell’input, forse la parte della teoria di Krashen

che ha provocato le discussioni più accese. In breve l’ipotesi dell’input poggia sulla convinzione

che l’acquisizione linguistica è possibile solo a condizione che l’input sia dotato di

caratteristiche tali da renderlo comprensibile.

Krashen definisce l’input ottimale come input comprensibile. La differenza tra input e input

comprensibile riflette la distinzione di Corder tra input e intake, ossia l’input assorbito nella

misura confacente al livello e all’interesse dell’ascoltatore. Secondo questa ipotesi quindi, chi

apprende una lingua progredisce secondo il continuum dell’ordine naturale e acquisisce

strutture che sono appena oltre il proprio livello. Se l’apprendente è al punto i del continuum,

allora progredirà passando a “i + I” attraverso un processo di assorbimento o di

interiorizzazione che si attua con mezzi linguistici ed extralinguistici dell’input, contenente tra

l’altro la struttura del punto “i + I”. Filtro affettivo

L’esistenza di un filtro affettivo è stata ipotizzata da Dulay e Burt per spiegare in che modo le

variabili affettive siano la causa della variabilità nell’acquisizione di L2. il concetto è

successivamente spiegato più a fondo da Dulay, Burt e Krashen, che definiscono il filtro

affettivo nel modo seguente: il filtro è quella parte del sistema interno di elaborazione che, in


PAGINE

5

PESO

64.01 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in Scienze dell'Educazione e della Formazione
SSD:
A.A.: 2012-2013

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher marilu1610 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Lingua straniera per l'educazione e formazione e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Niccolò Cusano - Unicusano o del prof De Filippi Raffaella.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Lingua straniera per l'educazione e formazione

Apprendimento cooperativo
Appunto
Apprendimento cooperativo e collaborativo - Confronto
Appunto
Storia del teatro e dello spettacolo - Un Amleto di Meno, Carmelo Bene
Appunto
Apprendimento cooperativo e collaborativo - Confronto
Appunto