Che materia stai cercando?

Frege - completo

Il riassunto presenta, informazioni prese dalla dispensa data dal docente, appunti di scuola superiore, studio individuale e ricerche in internet.
Il materiale non deve essere considerato come file ufficiale distribuito dell'Unical o dal prof. Lo Feudo.

Esame di Filosofia del linguaggio docente Prof. G. Lo Feudo

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

n.b. la parola senso va tradotta con Sinn, la parola significato con Bedeutung, e

viceversa. FREGE

Egli contribuì alla nascita della logica moderna.

Egli fu uno studioso interessato ai problemi del linguaggio in generale; nei confronti

del linguaggio ordinario Frege professava una spiccata diffidenza: pur riconoscendone

l’indispensabilità per gli scopi della vita quotidiana, lo considerava uno strumento

inaffidabile per chi fosse impegnato nella ricerca teorica. Il suo obiettivo era eliminare

nel maggior modo possibile l’ambiguità, gli equivoci nel linguaggio ordinario; per

questa ragione si inventò un nuovo linguaggio: l’IDEOGRAFIA, era un linguaggio

artificiale elaborato per formulare le dimostrazioni matematiche, una lingua che fosse

il più possibile simile ad un codice matematico/linguaggio tecnico, che perdesse così

l’ambiguità.

Fallì perché l’ambiguità non può non esserci perché la semantica è ambigua! Si rese

conto che solo in circostanze prive di interpretazioni potesse valere questo linguaggio,

poiché in determinate circostanze l’elemento ambiguo finisce per essere l’elemento

cardine; ciò perché la caratteristica del linguaggio è la variabilità.

Frege prende spunto dalla nozione di verità, che fa riferimento al principio di

corrispondenza. La sua filosofia ha come obiettivo l’approfondimento della semantica

basata sulla verità e del caso basato sulla certezza. Il suo è un discorso incentrato

teoria semantica

sulla nozione di vero e di falso, su cui si basa la . Il suo obiettivo è

una semantica basata sulla verità, la quale serve per raggiungere la realtà.

Egli vuole individuare criteri che consentono alle parole, e dunque ai segni, e dunque

ai significati, di rimandare a qualcosa d’inconfutabile; un principio che consolida il

legame fra segno e agganci con verità

Egli non sostituisce qualcosa col segno, ma oggettivizza tutto ciò che viene evocato

dai segni verbali, tutto ciò che viene compreso; i concetti, che egli chiama pensieri,

vengono agganciati ai significati e devono confrontarsi col vero e col falso e devono

essere considerati come cose.

Introduce cosi la nozione di pensiero, equiparabile alla nozione di concetto: egli

considera i pensieri esistenti a prescindere se siano o meno pensati e dunque se

vengano o meno concettualizzati. Egli vuole dargli un’esistenza oggettiva reale, una

consistenza; vuole dunque oggettivizzarli.

La nozione di semantica prende in causa il rapporto tra segni (referenti nel caso di

Frege) e significati.

Il testo che più ci interessa è “ueber Sinn und Bedeutung” del 1892.

Le nozioni chiave della semantica fregiana sono

-la Bedeutung, che rendiamo con riferimento/denotazione e il Sinn che rendiamo con

significato.

La distinzione si applica a tutte le categorie di espressioni linguistiche (termini

singolari, enunciati e predicati). TERMINI SINGOLARI

I termini singolari includono

-i nomi propri: nomi che individuano una ed una sola cosa es. Giorgio Lo Feudo

-e le descrizioni definite: iniziano con un articolo determinativo singolare e

determinano una ed una sola cosa es. la capitale della Francia.

La distinzione tra senso e significato ha un’importanza fondamentale per Frege; c’è

una differenza tra il modo in cui li adopera Frege e il modo in cui li si adopera

normalmente.

La Bedeutung di un termine singolare è l’oggetto di cui il nome proprio è nome e

l’oggetto di cui la descrizione definita è descrizione definita. (nella

semantica/linguistica generale Parigi è il significato, non il riferimento).

-Fa ciò per maneggiare la realtà-

Il Sinn è il modo in cui il segno (in questo caso il nome proprio o la descrizione

definita) ci fornisce la Bedeutung. Se si capisce il significato, si capisce il Sinn. (ad ogni

termine singolare è associato un certo “modo di essere dato” del significato e in ciò

consiste il senso, cioè il Sinn)

Il Sinn è ancorato al linguaggio, la Bedeutung agli oggetti, alla realtà; infatti a volte

esiste il Sinn ma non la Bedeutung (es la cabina nel mare; la descrizione risulta priva

di significato/Bedeutung).

Cambiando Sinn si può raggiungere la stessa Bedeutung= es. Giorgio Lo Feudo= il prof

che sta facendo la lezione.

Uno dei principi cardine della semantica fregiana è che a ciascun senso può

corrispondere al massimo un solo significato (es. il fiume europeo lungo più di

1000km. Ce n’è più di 1. Per Frege la cosa giusta da dire è che queste descrizioni non

hanno significato/B)

Mentre a sensi diversi può corrispondere uno stesso significato.

(+Sinn= 1 Bedeutung / 1Sinn= +Bedeutung NO)

L’esempio di cui Frege si serve per spiegare ciò sono i due nomi del pianeta Venere:

ESPERO E FOSFORO.

a.Espero è identico a Espero

b.Espero è identico a Fosforo

Dato che essi hanno il medesimo significato/Bedeutung, si potrebbe sostenere che

dicono la medesima cosa.

Espero e Fosforo pur avendo la stessa Bedeutung hanno Sinn differenti. Venere è

visibile in cielo a volte la sera e viene chiamata Espero, altre la mattina e viene usato il

nome Fosforo ENUNCIATI

Un enunciato è l’abbinamento tra un termine singolare ed un predicato.

In senso logico è

la composizione linguistica che

attribuisce una qualità/valore al

termine singolare

es. Il pennarello di Maria è rosso

termine singolare predicato.

In questo caso descrizione definita

La stessa Bedeutung della descrizione definita non può valere per l’enunciato; le parti

che compongono un enunciato non possono essere sommate, ma bisogna seguire dei

criteri particolari.

Il Sinn di un enunciato è il pensiero che esso esprime; i pensieri sono caratterizzati

dall’essere veri o falsi. I due valori, vero e falso, sono abbinati alla Bedeutung; ciò


PAGINE

5

PESO

20.13 KB

AUTORE

kiara.cz

PUBBLICATO

8 mesi fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in lingue e culture moderne
SSD:
Università: Calabria - Unical
A.A.: 2018-2019

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher kiara.cz di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Filosofia del linguaggio e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Calabria - Unical o del prof Lo Feudo Giorgio.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Filosofia del linguaggio

Filosofia del linguaggio - Riassunto esame, prof. Lo Feudo
Appunto
La danza e i segni
Appunto
Psico fisiologia della percezione
Appunto
Ostensione, indice e icona
Appunto